Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Sabato 23 marzo alle ore 21.00 al Teatro Nuovo andrà in scena lo spettacolo dal titolo ‘Shakespearology’, oneman-show di Woody Neri, per la regia dal collettivo fiorentino Sotterraneo.

Sotterraneo è un collettivo di ricerca teatrale che nasce a Firenze nel 2005 e nel tempo si confronta con formati diversi quali spettacoli, performance, site-specific, regie liriche, progetti per l’infanzia, talk-show. Le produzioni del gruppo replicano in diversi dei più importanti festival e teatri nazionali e internazionali, ricevendo negli anni numerosi riconoscimenti tra cui Premio Lo Straniero, Premio Hystrio, Be Festival First Prize, Silver Laurel Wreath Award/Sarajevo MESS Festival e tre Premi UBU di cui due come "Spettacolo dell’anno” per Overload (2018) e L’Angelo della Storia (2022).
Sotterraneo fa parte del progetto Fies Factory di Centrale Fies, è artista associato al Piccolo Teatro di Milano e compagnia residente presso l'Associazione Teatrale Pistoiese.

Biglietti ridotti a 10 euro per studenti e dipendenti dell'Università.
Botteghino del teatro aperto martedì e giovedì dalle 16 alle 19 e a partire da un'ora prima dell'inizio degli spettacoli.
Prevendite online: https://www.ciaotickets.com/it/biglietti/shakespearology-sotterraneo 

 

Domenica 24 marzo alle ore 17.00 al Teatro Nuovo andrà in scena lo spettacolo per bambini dal titolo "Una volta c'era una volta".
In scena Silvia Lazzeri, Cecilia Bartoli e Carlo Scorrano.

In una biblioteca come tante, un signore cerca un libro che lo aiuti a superare le proprie paure. Ma può un libro curare le paure?

Ebbene un grande libro apparirà quasi per magia e metterà alla prova lo scetticismo dei tre personaggi ai quali si presenteranno delle storie pronte a prendere vita... Ogni paura una storia, ogni storia una regione italiana: la paura del buio, dell’orco e della solitudine, nelle tre storie antidoto di Colapesce dalla Sicilia, l’auciello Grifone dalla Campania e Buchettino dalla Toscana. Un percorso magico in cui i personaggi fluttuano tra realtà e fantasia, un viaggio immaginifico possibile solo grazie alla lettura. Lo spettacolo è accompagnato da disegni dal vivo.

Biglietti ridotti a 7 euro per studenti e dipendenti dell'Università.
Botteghino del teatro aperto martedì e giovedì dalle 16 alle 19 e a partire da un'ora prima dell'inizio degli spettacoli.Botteghino del teatro aperto martedì e giovedì dalle 16 alle 19 e a partire da un'ora prima dell'inizio degli spettacoli.
Prevendite online: https://www.ciaotickets.com/it/biglietti/una-volta-c%E2%80%99era-una-volta 


Contatti

392.3233535
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua 2024, il Polo Universitario Sistemi Logistici di Livorno, in collaborazione con la Commissione per lo Sviluppo Sostenibile d’Ateneo (CoSA), ha aderito all’iniziativa dal titolo Water for peace (l’acqua come strumento per la pace).

Leggi i dettagli: https://polologistica.unipi.it/2024/03/20/22-marzo-2024-world-water-day-2024-distribuzione-borracce/ 

Grazie a un osso del piede risalente al Pleistocene medio scoperto nel sito di Sedia del Diavolo (Roma) e datato a 295.000 anni, ricercatori delle Università di Pisa e Firenze hanno fornito nuove prospettive sulla vita dei nostri antenati in questo importante periodo della nostra evoluzione recente. L’analisi morfometrica e morfologico-funzionale del fossile, effettuata mediante tecniche di antropologia virtuale, ha rivelato la presenza di un’insolita frattura da stress, tipica degli atleti e dei corridori. Questo tipo di frattura si forma in risposta a sollecitazioni ripetute dovute all’attività fisica tipica di chi cammina per lunghe distanze, come i maratoneti. Lo studio, dal titolo “The Middle Pleistocene human metatarsal from Sedia del Diavolo”, è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

Figura1

Il Pleistocene medio è un periodo importante per l’evoluzione umana. Oltre allo sviluppo di nuove tecnologie, come il fuoco controllato e la tecnica di scheggiatura Levallois, in questo periodo affondano le radici di Homo sapiens e Homo neanderthalensis. Nella prima parte del Pleistocene medio, l’Europa viene popolata da Homo heidelbergensis, da molti considerato l’antenato dei Neanderthal. Nella parte centrale di questo periodo, quella compresa tra circa 300 e 200 mila anni fa, i fossili sono scarsi e non si hanno molte informazioni su quello che è accaduto. Da 200 mila anni fa in poi, invece, troviamo fossili con chiare caratteristiche neandertaliane.

Profico Marchi Unipi“La morfologia del secondo metatarsale di Sedia del Diavolo differisce da quella dei Neanderthal e suggerisce la presenza di un secondo gruppo umano, molto probabilmente Homo heidelbergensis, l’antenato comune di Homo sapiens e Homo neanderthalensis” – commenta Antonio Profico, ricercatore del Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa e autore corrispondente dello studio (nella foto, a sinistra). “La struttura di questo osso del piede ci informa sul fatto che la popolazione a cui apparteneva questo fossile fosse costituita da individui molto attivi sul territorio, che camminavano per lunghe distanze nella loro vita quotidiana’’, aggiunge Damiano Marchi, docente del Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa, tra gli autori dello studio (nella foto, a destra).

"La presenza di questa tipologia di frattura nel metatarsale – spiega Tommaso Mori del Dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze - potrebbe essere collegata alle modalità di sussistenza dei nostri antenati e in particolare alla persistence hunting, una tecnica che prevedeva l’inseguimento fino allo sfinimento delle prede durante le ore più calde del giorno”.

Figura2

"Questo studio - aggiunge Alessandro Riga del Dipartimento di Biologia di Unifi - dimostra come molto spesso le nuove scoperte vengono da una reinterpretazione di vecchi dati. Nel nostro caso, un fossile scoperto negli anni '50 è stato studiato attraverso tecniche avanzate di antropologia virtuale che hanno permesso di indagare caratteristiche che prima non sarebbe stato possibile studiare. Da un piccolo osso del piede è stato possibile ricavare una grande quantità di informazioni sull'evoluzione e lo stile di vita dei nostri antenati."

L'Associazione Italiana Sindrome di Pitt-Hopkins - Insieme di Più bandisce nel 2024 la 10° edizione del concorso "M.L.Claudia Victoria Diez de Medina Romero" per 6 premi di laurea o di specializzazione sulla Sindrome di Pitt-Hopkins.

Per informazioni consultare il bando in allegato o scrivere all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

L’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Arezzo, su proposta e con la collaborazione della propria Commissione Architettura di Parole, indice la 5° edizione del Concorso Nazionale di scriura “Architettura di Parole”.

Il titolo trae spunto dall’opera “Architettura di parole” di Carlo Mollino. Il Concorso si pone come obiettivo quello di leggere e interpretare l’architettura attraverso una narrazione testuale.

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione. 

Tutte le informazioni nel bando in allegato.

Botti Elio Impresa Perforazioni e Co.Me.Tri.A. (Costruzione Meccaniche per Trivellazioni e Affini) bandiscono la XX edizione del Premio "Elio Botti - Come acqua saliente" per promuovere e diffondere una cultura dell’acqua, quale contributo alla valorizzazione e alla tutela del patrimonio idrogeologico.

Tutte le informazioni nel bando in allegato.

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.bottielio.it, telefonare al numero 0426 22462 o scrivere una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Sono aperte le adesioni da parte delle aziende che vogliono partecipare al Career Day organizzato dal Career Service d'Ateneo, in programma per il 26 giugno 2024.

L’evento

Nelle settimane precedenti l’evento, ogni azienda aderente farà una breve presentazione via web, secondo un preciso calendario, per far conoscere la propria organizzazione e le opportunità professionali.

Verranno raccolte le candidature ai colloqui tramite una piattaforma dedicata e il giorno dell’evento, in presenza, ogni azienda disporrà di uno stand per incontrare gli studenti e effettuare i colloqui.

Criteri di selezione

In caso di ricezione di un numero di adesioni superiore rispetto ai posti disponibili, sarà data priorità a

  • aziende con il maggior numero di posizioni lavorative, soprattutto se dirette a profili differenziati
  • aziende che non abbiano mai partecipato a Career Day dell’Università di Pisa.

A tutte le aziende sarà comunque garantita la possibilità di pubblicare gratuitamente sul portale le offerte di lavoro aperte, per raccogliere le candidature e programmare in autonomia i colloqui.

Costi

Il costo di adesione è proporzionato alle dimensioni dell’azienda ed è da considerarsi un contributo a titolo di rimborso spese per l’allestimento dello stand e il servizio di catering a colazione e a pranzo fino a un massimo di tre referenti per ogni azienda. I dettagli sui costi sono specificati nel form di adesione

Come partecipare

Per manifestare l’interesse a partecipare, è necessario compilare il seguente form entro il 9 Aprile 2024.
Una volta ricevute tutte le adesioni, sarà nostra cura darvi conferma sulla partecipazione e fornirvi maggiori dettagli sull’evento.

Per ogni richiesta di chiarimento contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

È stato assegnato al professor Stefano Coronella, ordinario di Economia aziendale presso il Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Pisa, il  prestigioso premio internazionale “Barbara D. Merino Award for Excellence in Accounting History Publication”, assegnato annualmente, a partire dal 2014, dall’Academy of Accounting Historians (AAH), sezione dell’American Accounting Association, per il miglior volume di storia della ragioneria pubblicato nell’anno in corso e nei due anni precedenti.

Il testo, scritto da Stefano Coronella e Massimo Sargiacomo (Università “G. d’Annunzio” Chieti Pescara) intitolato “L’Accademia Italiana di Economia Aziendale: un percorso lungo oltre due secoli (1807-2023)”, ripercorre l’intensa vita e la variegata attività dell’Accademia Italiana di Economia Aziendale sin dalla sua istituzione, avvenuta sotto il nome di “Accademia dei Logismofili” dopo qualche anno di incontri informali tra alcuni giovani ragionieri bolognesi. Da sodalizio di stampo prevalentemente professionale, a partire dagli anni settanta del secolo scorso, l’Accademia si è concentrata pressoché esclusivamente sull’ambito scientifico, allargando il raggio di azione dalla Ragioneria alla più ampia Economia aziendale. Il lavoro si fonda su una profonda ricerca d’archivio che ha consentito di portare alla luce numerose fonti primarie, custodite prevalentemente presso la sede sociale, sino ad ora sconosciute e inedite.

È la prima volta che il premio “Barbara D. Merino Award for Excellence in Accounting History Publication” viene assegnato a italiani ed è la prima volta che viene assegnato a un volume non in lingua inglese.

Il premio verrà formalmente conferito durante il Congresso annuale dell’American Accounting Association che si svolgerà a Washington nel mese di agosto di quest’anno.

Pagina 10 di 1518

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa