Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

Horizon Europe: il nuovo Programma Quadro europeo per la Ricerca e l'Innovazione

Sarà Mariya Gabriel, delegata bulgara e attuale Commissaria europea per “Digital Economy and Society”, la nuova Commissaria europea per ricerca e innovazione, seconto quanto annunciato il 10 settembre dalla neo presidente Ursula von der Leyen. "Innovation and Youth" è la nuova denominazione del portafoglio che includerà anche la ricerca (scomparsa dalla denominazione). Su molti temi di R&I potrebbe incidere anche il lavoro di altri commissari.  Ulteriori aggiornamenti sull'ier formale per la definizione di Horizon Europe sono disponibili a questo link

Programma: la definizione di Horizon Europe (HE), il nuovo programma di ricerca dell’Unione Europea che subentrerà all’attuale Horizon 2020, dipende dall’adozione congiunta dei testi legislativi da parte di Parlamento e Consiglio europeo. Al momento è in vigore un accordo provvisorio, che ne delinea la struttura (immagine sotto) e stabilisce alcuni dei punti chiave del programma, quali le missioni e i partenariati. Mancano ancora alcuni aspetti di dettaglio, oltre alla definizione del budget, per i quali si riapriranno le negoziazioni a partire dall'autunno, protagonisti la nuova Commissione e il nuovo Parlamento. 

Fonte: Orientations towards the first Strategic Plan implementing the research and innovation framework programme Horizon Europe

La Commissione europea ha pubblicato due documenti di orientamento volti a definire, rispettivamente, lo “strategic plan di Horizon Europe per il primo quadriennio (2021-2024) e la “implentation strategy”, che riguarda gli aspetti più strettamente gestionali (programmi di lavoro, presentazione e valutazione della proposta, Model Grant Agreement, disseminazione e sfruttamento dei risultati ecc.). Su entrambi i documenti sono state anche aperte due consultazioni pubbliche, parte dei cui risultati saranno discussi durante i Research and Innovation Days dal 24 al 26 settembre a Bruxelles. Per partecipare alle consultazioni, collegarsi a questo link per lo strategic plan (scadenza 8 settembre) e a questo link per la implmentation strategy (scadenza 4 ottobre). 

Budget: il budget di HE, come quello di tutti i programmi dell’Unione, dipende dal più generale quadro finanziario pluriennale (2021-2027) che non è ancora stato approvato e che verrà discusso e concluso dal nuovo Parlamento. E' stata nominata la Commissione ricerca e innovazione (ITRE), la cui presidenza è andata a Ms Adina-Ioana Vălean, sostenuta da PPE e liberali. L’italiana Patrizia Toia rimane vice-presidente in quota PSE, assieme a tre colleghi.


Piano strategico: formalmente è un atto di esecuzione, ovvero uno strumento di legislazione delegata che l’UE usa per dare seguito e completare direttive e regolamenti (le “leggi” dell’Unione). Di fatto, sarà il documento che permetterà di passare dal regolamento di HE ai singoli programmi di lavoro e quindi alle call. Come tutti gli atti di esecuzione, viene redatto da un apposito comitato; in questo caso, finché il regolamento di HE non verrà approvato in via definitiva, il comitato strategico (già operativo da inizio maggio) è definito “ombra”.

Programmi di lavoro e bandi: i comitati che lavorano alla stesura dei programmi di lavoro dovrebbero venire costituiti entro la fine del 2019, dopo che il piano strategico sarà pronto, in modo da arrivare a fine 2020 con i programmi pronti e i primi bandi in partenza.     

Missioni: sono una delle principali novità di HE; si tratta di cinque obiettivi che saranno perseguiti attraverso un approccio interdisciplinare e un finanziamento dedicato. Alle missioni lavoreranno appositi mission board, la cui composizione è stata definita a fine luglio, composti ciascuno da 15 esperti e guidati da cinque responsabili (Ms Hedegaard, climate change; Mr zu Hausen, cancer; Mr Lamy, healthy waters; Ms Gronkiewicz-Walt, smart cities; e Mr Veerman, food). E' stato inoltre pubblicato un nuovo report sulle linee guida delle missioni a cura del consigliere speciale della Commissione, Mariana Mazzucato.


Partenariati: sono i raggruppamenti pubblico-pubblico o pubblico-privato creati a partire dagli articoli 185 e 187 del TFEU e dai regolamenti dei programmi di ricerca precedenti, che saranno con HE riorganizzati e razionalizzati: l’obiettivo è di passare dai quasi 120 attuali partenariati a circa 45, accorpandoli sotto 8 nuove macro-aree e affidandone la gestione a un comitato di pianificazione strategica dedicata.


Si segnala il report 12 milestones for Horizon Europe a cura del network Science|Business del quale fa parte anche l'Università di Pisa. Il nostro Ateneo sta inoltre collaborando al position paper su Horizon Europe che APRE presneterà in vista degli European Research and Innovation Days a Bruxelles a fine settembre.



                                                                                                              _________________________________________________________

 

Il punto sullo stato dell'arte di Horizon Europe sarà fatto durante i Research and Innovation Days a Bruxelles dal 24 al 26…

The Guild (raggruppamento che comprende diciannove tra le più importanti università europee ad alta intensità di ricerca in quattordici paesi) ha…

Dal 24 al 26 settembre si terranno a Bruxelles gli European and Innovation Days, durante i quali sarà ufficialmente presentato…

Si segnalano alcuni tra i documenti più rilevanti del percorso verso Horizon Europe (2021-2027): • LAB – FAB – APP. Investing…

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa