Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

PRIMA - Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area

 

Bandi 2018 del programma PRIMA - a dicembre i risultati della valutazione

Sono in corso di valutazione le proposte di progetto presentate ai bandi 2018 e passate al secondo stadio: i risultati verranno resi noti il 5 dicembre 2018

Le proposte presentate sono state 484 per la sezione 1 (bandi su contributo di Horizon 2020), 32 sono passate al 2°stadio di valutazione e 9 saranno finanziate; 396 le proposte presentate nella sezione 2 (bandi su contributo degli Stati partecipanti), 104 sono passate al 2° stadio di valutazione e 30 verranno finanziate. 

 

In arrivo i nuovi bandi 2019

A inizio dicembre sarà inoltre pubblicato il Work Plan 2019: le scadenze previste per i bandi 2019 (da confermare) sono il 13/02/2019 (sezione 1, 1° stadio) e 29/01/2019 (sezione 2, 1° stadio). Il budget  a disposizione per il 2019 sarà superiore rispetto al 2018. 

 

E’ possibile partecipare fino al 30 ottobre alla consultazione pubblica sulle Annual Work Plan priorities, collegandosi a questo link.

 

Per informazioni sul Programma PRIMA e sulle regoli nazionali di partecipazione ai bandi, consulta le seguenti slide

PRIMA aggiornamento gennaio 2018 download

PRIMA presentazione MIUR gennaio 2018 download

Che cosa è PRIMA

È l’iniziativa lanciata da 19 paesi euro-mediterranei, dei quali 11 Stati Membri (Cipro,Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia, Spagna) e 8 paesi extra europei (Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Tunisia, Turchia) per la creazione di un programma europeo congiunto di ricerca e innovazione (R&I) sulle tematiche di “water management and provisions and agro-food systems in the Mediterranean Region”. Il macro-obiettivo è di sviluppare soluzioni innovative per migliorare la produzione agroalimentare e la gestione delle risorse idriche nell’area mediterranea, con benefici socio-economici.

PRIMA è una Public-Public Partnership costituita in base all’Articolo 185-TFEU, che consente all’UE di partecipare a programmi di ricerca intrapresi da più stati membri, con una prospettiva di cooperazione tra paesi di lungo termine. La finalità è di favorire la crescita socio-economica e sostenibile dell’area mediterranea, attraverso una partnership di ricerca e innovazione tra paesi membri, paesi associati e paesi partner del Mediterraneo.

PRIMA verrà gestito da una Fondazione di diritto privato con sede a Barcellona di cui sono membri i 19 Stati partecipanti e in cui la Commissione Europea è rappresentata nel Board of Trustees.

Budget

494 mln € in 10 anni

274 mln € Stati Membri + 220 mln € UE (H2020)

L’Italia partecipa con 50 mln €

 

Aree tematiche e obiettivi

Come dettagliato nella “Strategic Research and Innovation Agenda” (SRIA), sono state individuate 3 aree tematiche: Management of Water; Farming Systems; Agro-food value chain. In ognuna di queste aree sono 4 le priorità, attraverso le quali si ambisce alla realizzazione degli 8 obiettivi operativi del Programma. Ci sono inoltre 5 tematiche trasversali: Soil sustainability, Food security, Digital revolution, Socio-economic research and stakeholders involvement, Capacity building.

 

Modalità di funzionamento

Per tutte le tipologie di bandi il partenariato dovrà comprendere almeno 3 legal entities indipendenti basate in tre differenti Paesi considerati Stati partecipanti al Programma, di cui:

  • Una con sede in uno Stato Membro dell’UE o Paese terzo associato ad Horizon 2020 (Israele, Tunisia e Turchia) e non compreso nel punto successivo;
  • Una con sede in un Paese terzo partecipante al Programma (Algeria, Egitto, Giordania, Libano e Marocco) o in un Pese terzo che costeggia il Mar Mediterraneo.

La durata dei progetti sarà triennale. Le proposte verranno valutate secondo i criteri di eccellenza, impatto, qualità ed efficienza dell’implementazione.

 

Link

 

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa