Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Onde gravitazionali

Presentazione dei risultati LIGO-VIRGO

data 18 Ottobre 2017 15:30  |  luogo Area Pontecorvo Largo Bruno Pontecorvo, 56127 Pisa PI, Italia
  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

virgo2La fusione di due stelle di neutroni è stata osservata per la prima volta sia con le onde gravitazionali, sia con la radiazione elettromagnetica dai telescopi a terra e nello spazio scoprendo, tra l’altro, che in quegli eventi si formano elementi chimici pesanti, come oro e platino.
Determinante per l’identificazione del segnale gravitazionale e per la caratterizzazione della sorgente è stato il contributo italiano, con una grande partecipazione di strumenti e ricercatori coinvolti. Alla scoperta hanno partecipato con l’interferometri Virgo e il satellite Fermi ricercatori dell’Università di Pisa.

Mercoledì 18 ottobre a partire dalle 15:30 in Aula Fratelli Pontecorvo saranno presentati i principali risultati delle misure.
Segui la diretta streaming

Per la prima volta nella storia dell’osservazione dell’universo, è stata rivelata un’onda gravitazionale prodotta dalla fusione di due stelle di neutroni e captata, dalle onde radio fino ai raggi gamma, la radiazione elettromagnetica associata alla poderosa esplosione avvenuta durante il fenomeno. È la prima volta che un evento cosmico viene osservato sia attraverso onde gravitazionali che elettromagnetiche. Si avvia così l’era dell’astronomia multimessaggero, che estende in modo decisivo il nostro modo di “vedere” e “ascoltare” il cosmo. La scoperta è stata realizzata grazie alla sinergia tra i due Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory (l'Osservatorio LIGO) negli Stati Uniti insieme al rivelatore Virgo, situato vicino Pisa, abbinata alle osservazioni e alle indagini nella banda elettromagnetica ottenute da 70 telescopi a terra, tra cui l’osservatorio spaziale Fermi. A questi strumenti lavora un cospicuo gruppo di ricercatori dell’Università di Pisa e della locale Sezione dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, che hanno dato un contributo determinante a questa scoperta.

 

Info e Contatti:
Francesco Fidecaro francesco.fidecaro@unipi.it

2017-10-18 15:30:00
2017-10-18 19:30:00

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa