Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE

Corso di laurea

Sbocchi professionali


La figura professionale dell’assistente sociale costituisce un punto di riferimento essenziale nel quadro delle politiche sociali e negli assetti istituzionali attuali; tale essenzialità deriva, da una parte, dalla effettiva diffusione del bisogno sociale e dalla sua natura mutevole, attualmente resa più rilevante in quantità e qualità dagli effetti della crisi economica strutturale; dall’altra deriva dai principi costituzionali e dalla configurazione istituzionale nel nostro Paese – e non solo – che impegna i servizi pubblici a fronteggiare il bisogno sociale e a garantire livelli di benessere sociale, comunitario e individuale sempre maggiore. Per queste ragioni, e nonostante le trasformazioni che stanno attraversando il mercato del lavoro, la figura professionale dell’assistente sociale riceve ancora attenzione; la richiesta di assistenti sociali, o di operatori sociali che abbiano una formazione specifica in servizio sociale, è ancora consistente, sebbene si debbano tenere presenti gli effetti delle trasformazioni dei percorsi in ingresso nel mercato del lavoro. Queste trasformazioni, se da una parte fanno venir gradatamente meno i tradizionali canali di inserimento lavorativo degli assistenti sociali mediante concorso diretto nei servizi sociali, dall’altra prevedono l’inserimento della figura professionale in un crescente numero di soggetti (il privato, ma soprattutto il “privato sociale”) che svolgono un’azione autonoma nel mercato dei servizi sociali, o, più spesso, concertata con le istituzioni pubbliche. In questo modo, l’ingresso nel mercato del lavoro per gli assistenti sociali prevede la riduzione delle garanzie classiche circa il posizionamento stabile in quanto dipendenti pubblici, ma rende più ampio lo spettro delle possibilità di lavoro e di investimento del proprio titolo professionale. Questo significa che ancora per i prossimi anni, la figura dell’assistente sociale potrà efficacemente svolgere la propria attività acquisendo la necessaria flessibilità e capacità di maturare specifiche competenze in aree emergenti e socialmente rilevanti, come quelle della mediazione culturale e della mobilità internazionale, dell’assistenza ai minori, alla famiglia e agli anziani, alle nuove dipendenze (da gioco e da internet), dell’integrazione nella salute mentale, della diversabilità oltre che a consolidare la propria azione nell’area dei bisogni consolidati.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa