Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

BIOSICUREZZA E QUALITÀ DEGLI ALIMENTI

Corso di laurea magistrale

Piano di Studi


Primo anno

  • Diritto alimentare (6 cfu)

    • Il corso si propone di trasmettere agli studenti le conoscenze fondamentali relative alla disciplina nazionale, comunitaria e internazionale nel settore agro-alimentare, di individuare i profili di maggiore interesse della disciplina menzionata e di consentire il reperimento degli atti normativi e dei documenti di interesse per la materia.
  • Composizione e analisi dei prodotti alimentari (6 cfu)

    • Il corso si prefigge di illustrare gli aspetti principali connessi alla composizione chimica e strutturale dei prodotti alimentari. Verranno presi in considerazione sia i macro (acqua, proteine, carboidrati e lipidi) che i micro (vitamine, minerali, …) costituenti riservando particolare attenzione alla struttura dei polimeri naturali. Verrà presa in considerazione la qualità di un alimento, valutandone sia gli aspetti chimico-composizionali e nutrizionali che quelli organolettici e tecnologici.
      Nel corso delle esercitazioni pratiche di laboratorio lo studente avrà modo di familiarizzare con le determinazioni chimiche, strumentali e sensoriali normalmente utilizzate per valutare la qualità di un prodotto alimentare.
  • Microbiologia, immunologia e virologia molecolare (9 cfu)

    • Il corso è finalizzato a fornire agli studenti nozioni riguardo ai principali gruppi di microrganismi patogeni e alteranti delle carni, del latte, del pesce e dei prodotti derivati. Particolare attenzione verrà dedicata allo studio ed all’allestimento delle colture starter da impiegare nell’industria di trasformazione. Ampio spazio verrà dedicato alle metodiche microbiologiche per il controllo degli alimenti di origine animale.
      a.Microbiologia ed Immunologia
      Il corso è finalizzato a fornire agli studenti nozioni riguardo alla coltivazione ed identificazione dei batteri. Alle proprietà patogene dei batteri: adesività, invasività, fattori di virulenza , tossine batteriche. All’antibiotico resistenza. Alla resistenza dei batteri agli agenti fisico-chimici. Alla sterilizzazione ed alla disinfezione.
      Verranno inoltre fornite nozioni riguardo ai sistemi difensivi innati non specifici; alla struttura e alla funzione del sistema immunitario; all’ immunità e alla risposta immunitaria. ed gli organi linfoidi. Agli antigeni, epitopi, apteni e anticorpi. All’immunità mediata da anticorpi, ed all’Immunità cellulo-mediata. Al sistema complemento, alla fagocitosi agli allergeni ed agli anticorpi monoclonali, ai sieri immuni ed ai vaccini.
      Infine verranno fornite nozioni relative alle tecniche diagnostiche dirette ed indirette : Sieroagglutinazione rapida e lenta. Immunodiffusione in gel di agar. Fissazione del complemento. Immunofluorescenza. ELISA. Sieroneutralizzazione. Inibizione dell’emoagglutinazione. Immunoblotting.
      b.Virologia molecolare
      Il corso è finalizzato a fornire agli studenti concetti di virologia generale, con particolare riferimento allo studio dei virus trasmissibili con gli alimenti di origine animale, dei batteriofagi ed all’impiego dei virus come vettori di materiale genetico a microrganismi impiegati nell’industria alimentare. Verranno inoltre fornite nozioni sulla coltivazione, l’isolamento e l’identificazione dei virus.
  • Composti bioattivi e nutraceutica (9 cfu)

    • Il corso è finalizzato ad approfondire i processi biochimici connessi prevalentemente al metabolismo secondario dei vegetali e in particolare l’attenzione verrà rivolta alle vie metaboliche che portano alla formazione di quei metaboliti secondari che abbiano interesse come composti bioattivi alimentari. Lo studio biochimico dei composti sarà correlato all’analisi della loro azione come nutraceutici nei confronti della salute animale e umana. A questo riguardo verrà valutata la loro capacità antiossidante e la loro modalità di azione nei confronti della fisiologia umana. Sarà inoltre fornita agli studenti una base adeguata per la comprensione delle problematiche connesse alle varie strategie tecnologiche finalizzate sia alla produzione di molecole e metaboliti secondari ad alto valore aggiunto sia all’incremento del loro contenuto nei prodotti agro-alimentari.
  • Biotecnologie microbiche alimentari (9 cfu)

    • Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze di base sui principi della microbiologia industriale applicata al settore agroalimentare e di approfondire le metodologie sperimentali per l’analisi della diversità genetica e funzionale dei microrganismi alimentari.
      In particolare verranno fornite nozioni sui microrganismi (batteri, lieviti e funghi) importanti nell’ambito delle biotecnologie alimentari. Verranno inoltre fornite nozioni riguardo i principali prodotti della microbiologia industriale nel settore alimentare, come le biomasse microbiche (integratori alimentari, colture starter, lievito di Baker), i metaboliti primari (acidi organici, etanolo, aminoacidi), i metaboliti secondari (esopolisaccaridi), gli enzimi e i prodotti complessi (vino, pane, birra, latti fermentati, aceto e probiotici). Alcune lezioni saranno dedicate alle biotecnologie microbiche applicate al riciclaggio dei rifiuti alimentari, come i rifiuti solidi di frantoio (sanse).
  • Operazioni unitarie nelle preparazioni alimentari (9 cfu)

    • Fornire il concetto di operazioni unitarie che rappresentano gli stadi in cui si articola un qualunque processo industriale e quindi anche dell’industria alimentare. Particolare attenzione verrà dedicata al loro impatto sulla qualità biologica e nutrizionale delle materie prime trattate sottolineandone vantaggi e svantaggi. Delle principali operazioni unitarie che verranno analizzate più accuratamente, saranno esaminate le implicazioni energetico/termodinamiche e cinetiche e verrà fornita una panoramica delle principali apparecchiature impiegate nella pratica industriale.
      In particolare, al termine del corso lo studente sarà in grado di saper:
      • impostare e risolvere semplici bilanci di materia e di energia;
      • individuare le implicazioni termodinamico/energetiche e cinetiche connesse alle diverse tipologie di operazioni unitarie esaminate;
      • determinare le principali variabili operative su cui è possibile utilmente intervenire per incrementare l’efficienza del processo analizzato;
      • individuare le operazioni unitarie più idonee a conseguire il risultato desiderato anche alla luce di un bilancio costi/benefici.
  • Alimenti e fisiologia della nutrizione nell'uomo (9 cfu)

    • Il corso intende dare una completa informazione sulle caratteristiche nutrizionali, nutraceutiche e sugli
      apporti energetici degli alimenti di origine animale (latte, carne, pesce e uova) e sulle tecniche di allevamento e di alimentazione degli animali, che possono essere adottate al fine di migliorare le suddette caratteristiche. Viene prestata particolare attenzione alle sostanze con riconosciute proprietà nutraceutiche, come gli isomeri coniugati dell’acido linoleico (CLA), gli acidi grassi polinsaturi omega 3, gli acidi grassi volatili (in particolare l’acido butirrico), gli oligosaccaridi del latte, i peptidi bioattivi del latte e della carne. Inoltre viene posto all’attenzione degli studenti il processo di digestione e di assorbimento nell’uomo e alcuni argomenti relativi alle principali dismetabolie con particolare riferimento all’obesità, alle patologie ascrivibili alla sindrome metabolica, intolleranze, allergie e patologie connesse.
  • Trasformazione e conservazione dei prodotti alimentari (6 cfu)

    • Il corso intende fornire allo studente nozioni di base e strumenti atti a consentirgli di gestire con competenza i più ricorrenti quesiti professionali in tema di conservazione e trasformazione dei prodotti alimentari. In particolare, verranno analizzate alcune tra le principali tecnologie alimentari, evidenziandone l’influenza esercitata sulla qualità e sulla sicurezza d’uso degli alimenti.
  • Secondo anno

  • Abilità informatiche 2 (2 cfu)

    • Acquisizione di abilità informatiche certificate mediante il superamento di uno dei moduli da 2 CFU offerti dall'Università di Pisa nell'ambito del progetto SAI@UNIPI. Viene riconosciuta in alternativa la certificazione ECDL FULL.
  • Prova finale (16 cfu)

    • Consiste nell’acquisizione di specifiche competenze in linea con gli obiettivi formativi del Corso dl Laurea, nonché nella redazione e discussione di un elaborato.
  • Sicurezza degli alimenti (6 cfu)

    • Gli obiettivi formativi del corso sono finalizzati a far acquisire competenze e conoscenze nel settore delle produzioni alimentari con particolare riferimento ai problemi relativi alla qualità e alla sicurezza alimentare. Sono inoltre mirati a fornire competenze tecniche per il controllo della qualità e dell'igiene dei prodotti alimentari durante tutta la filiera produttiva, attraverso l'impiego di metodologie tradizionali ed innovative. Infine, sono indirizzati ad approfondire la conoscenza sulla vigente normativa, anche ai fini dei rapporti con il controllo ufficiale degli alimenti.
  • Lingua straniera dell'UE (livello B2 o B1 di altra lingua diversa dal primo livello) (3 cfu)

    • Fornire la capacità di comunicazione scritta ed orale a livello tecnico-specialistico in una lingua dell’Unione Europea
  • Tecnologie alimentari dei prodotti di origine animale (6 cfu)

    • L’insegnamento è finalizzato all’approfondimento specialistico delle conoscenze relativo ai processi di produzione e alle caratteristiche dei singoli prodotti di origine animale, sia di tipologia industriale che tradizionale, con particolare riguardo per gli aspetti applicativi correlati all’ottenimento di elevati standard igienici e qualitativi.
  • Microbiologia applicata alle produzioni animali (6 cfu)

    • L'attività formativa è costituita da un insieme di nozioni caratterizzanti il corso di laurea magistrale in Biosicurezza e qualità degli alimenti. Il corso ricopre un'alta significatività nella preparazione del Biotecnologo in relazione alle specifiche capacità applicative nel settore della microbiologia applicata alle produzioni animali. Il corso è finalizzato a fornire agli studenti nozioni relative ai microrganismi patogeni per gli animali e trasmissibili all'uomo attraverso il consumo di alimenti di origine animale . Verrà inoltre affrontato lo studio dei microganismi alteranti e delle colture starter da impiegare nell’industria di trasformazione. Nell’ambito diagnostico saranno approfondite le metodiche microbiologiche ufficiali per il controllo degli alimenti di origine animale. Al termine del corso lo studente è in grado di analizzare le filiere zootecniche ed eseguire una corretta analisi del rischio microbiologico; selezionare e gestire colture starter; condurre in maniera autonoma i processi fermentativi del settore lattiero-caseario e del salumificio; svolgere le analisi che riguardano l’isolamento l’identificazione e la caratterizzazione dei principali microorganismi patogeni, alteranti e di interesse tecnologico.
  • Tirocinio (9 cfu)


  • 9 cfu a scelta nel gruppo Attività consigliate per la libera scelta

    • Lo studente è libero di scegliere le attività connesse a questi crediti tra tutti gli insegnamenti attivati nell'Ateneo. Il Consiglio di CdS verificherà la coerenza delle attività scelte con il progetto formativo. Per le attività indicate nel gruppo la coerenza è automaticamente verificata. Il CdS valuterà annualmente l'attivazione delle attività del gruppo previa verifica della numerosità delle richieste.
    • Social media (lavoro guidato) (3 cfu)

      • L’attività guidata è finalizzata ad informare gli studenti dei diversi tipi di social media e social network esistenti ed alle possibilità che questi offrono per acquisire e divulgare informazioni di tipo scientifico (ad es. Research gate o Academia.edu), relative a possibili campi di impiego (ad es. Linkedin), per mantenersi aggiornati in tempo reale sugli sviluppi di particolari settori di interesse, (ad es. Twitter o Facebook) o per condividere, e trovare, immagini utilizzabili (ad es. Pinterest o Instagram). Verranno anche messi in evidenza i limiti (fake news e falsi profili) e i rischi che si possono correre divulgando informazioni personali.
    • Tossicologia (6 cfu)

      • Vengono illustrati i principali concetti di tossicologia utili alla conoscenza degli effetti tossici di sostanze di notevole pericolosità ambientale e alimentare e del loro impatto su organi e sistemi. Sulla base delle conoscenze acquisite lo studente può essere in grado di valutare il rischio tossicologico correlato alla presenza di contaminanti chimici nei diversi comparti ambientali: acqua, aria, suolo, sedimenti e biomassa. Saranno inoltre approfonditi gli aspetti relativi ai residui di xenobiotici negli alimenti di origine animale e le metodiche analitiche relative alla loro ricerca.
    • Acquacoltura ecosostenibile (6 cfu)

      • Acquisizione delle conoscenze delle tecniche di riproduzione e di allevamento degli organismi acquatici in produzione zootecnica, comprese alcune microalghe i Rotiferi, l’Artemia e le Daphnie, impiegati nel ciclo di allevamento delle forme giovanili di pesci e crostacei. In particolare si studieranno gli aspetti di ecosostenibilità delle tecniche di allevamento al fine di usare energie rinnovabili e contenere l'impatto ambientale. Allevamento dei principali pesci teleostei, molluschi e crostacei, di specie marine e di acqua dolce.
    • Artificial cultivation of food and medicinal plants (6 cfu)

      • Il corso fornisce le conoscenze fondamentali sulle tecnologie usate per la coltivazione idroponica in serra e per la coltura in vitro – su scala commerciale o sperimentale - di specie vegetali di interesse alimentare (in particolare, ortaggi) e industriale (es. piante destinate all’estrazione di metaboliti secondari usati nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica). Alcune lezioni saranno dedicate ad illustrare le basi fisiologiche dell’adattamento delle piante alle condizioni di crescita realizzate nelle serre idroponiche e in vitro. Le esercitazioni prevedono: esercizi di calcolo in aula (stechiometria applicata alla preparazione di substrati e soluzioni nutritive; applicazione di modelli semplificati per la stima di fabbisogni idrici e minerali della colture); determinazione in laboratorio di caratteristiche qualitative della produzione (es. contenuto di pigmenti, azoto organico e nitrico, zuccheri e acidi solubili, sostanze antiossidanti); visite tecniche ad impianti idroponici e/o laboratori di colture in vitro, commerciali o sperimentali.
    • Alimenti di origine animale e impatto ambientale (6 cfu)

      • Il corso verterà su una prima parte dedicata all’analisi del rapporto tra allevamento animale ed ambiente, prendendo in considerazione sia le principali cause di impatto ambientale dei sistemi zootecnici sia i servizi ecosistemici connessi all’attività di allevamento animale. Quindi saranno presi in esame i principali metodi di valutazione delle emissioni e le strategie di mitigazione delle emissioni di gas clima-alteranti e dell’escrezione azotata. Infine saranno prese in considerazione le principali modalità di comunicazione dell’impatto ambientale dei prodotti di origine animale
    • Tecniche di auditing e sistemi di certificazione (6 cfu)

      • Conoscenze Il modulo si propone di avvicinare gli studenti alla conoscenza degli strumenti certificativi volontari adottati dalle imprese agro-alimentari per gestire la propria organizzazione aziendale. Capacità Il modulo consente allo studente di acquisire la capacità di: redigere la documentazione che accompagna la creazione di un sistema di certificazione volontario (procedure, istruzioni operative, manuali); saper comprendere ed analizzare standard volontari che accompagnano la certificazione. Comportamenti Il modulo consente allo studente di saper lavorare in gruppo, di acquisire flessibilità e disponibilità al confronto.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa