Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

Contributi liberali da parte della Banca d’Italia

Logo Banca dItaliaOgni anno la Banca d’Italia eroga un certo numero di contributi liberali. Tra i settori d’intervento della Banca si segnalano in particolare:

  • la ricerca, la cultura e l’educazione in campi affini alle funzioni istituzionali (economia, moneta, credito, finanza). In particolare, la Banca fornisce sostegno a università, associazioni e fondazioni scientifiche per:
    - progetti di ricerca o eventi specifici (convegni, seminari, etc.);
    - programmi di dottorato e master universitari, borse di studio e di ricerca
  • ricerca scientifica e innovazione tecnologica, con particolare riguardo a:
    - progetti di istituzioni e aree scientifiche di eccellenza, eventualmente in collaborazione con università, istituti nazionali e consorzi inter-universitari di ricerca, anche tramite il finanziamento di borse di studio;
    - ricerche in campo biomedico, attraverso il finanziamento per investimenti in attrezzature scientifiche e strumentazioni d’avanguardia che agevolino l’attività di ricerca;
    - trasferimento del know-how scientifico e tecnico al sistema economico-produttivo;
    - acquisto di strumentazioni, attrezzature diagnostiche e terapeutiche presso strutture sanitarie e ospedaliere;
  • attività di accademie e istituzioni culturali di primario rango operanti a livello nazionale nella promozione e nel sostegno della cultura umanistica, storica e scientifica, con particolare riguardo a:
    - studi e iniziative divulgative in campo storico, letterario e scientifico;
    - eventi, mostre ed esposizioni, con l’esclusione di iniziative meramente celebrative di ricorrenze;

 

Le iniziative per cui è possibile richiedere il contributo devono già possedere la presenza di una fonte di finanziamento ulteriore, esterna al soggetto proponente. La presenza di un terzo finanziatore non è invece necessaria per i progetti rientranti nei settori di intervento "la ricerca, la cultura e l’educazione in campi affini alle funzioni istituzionali (economia, moneta, credito, finanza)".
Il terzo finanziatore non è poi necessario nei casi in cui si richieda l’acquisto di attrezzature scientifiche e strumentazione d’avanguardia e per interventi di ristrutturazione di strutture sanitarie.

L’erogazione a favore di un singolo progetto potrà essere al massimo pari alla metà dell’intero fabbisogno dell’iniziativa.


Le domande, da presentare dal 1° gennaio al 28 febbraio verranno istruite e decise entro il mese di giugno.

 

Per ulteriori informazioni si prega di consultare questa pagina

 

Per informazioni e supporto

 

Unità Servizi per la Ricerca - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa