Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Barbablù: trasposizioni del mito in letteratura e nelle arti

Convegno internazionale

data 09 Ottobre 2019 - 11 Ottobre 2019  |  luogo Palazzo Boilleau Via Santa Maria, 85, 56126 Pisa PI, Italia
  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Immagine dalla locandinaDal 9 all'11 ottobre si tiene nell'Aula Magna di Palazzo Boilleau il convegno internazionale Barbablù. Trasposizioni del mito in letteratura e nelle arti.

Nel convegno vengono presentati i risultati di un'indagine condotta da un gruppo di lavoro che ha studiato le riscritture letterarie e artistiche della fiaba di Barbablù.
Il gruppo, composto da Alessandro Cecchi, Fausto Ciompi, Serena Grazzini, Daniela Pierucci, Marina Riccucci, Francesca Romoli, Barbara Sommovigo e Valeria Tocco, ha coinvolto colleghe e colleghi di altre università italiane e straniere, dopo un primo seminario di studio dedicato ai "Barbablù Europei" (ottobre 2018).

Oltre ai contributi scientifici, il 9 pomeriggio è prevista la Lettura scenica Chi ha paura di Barbablù? curata da Barbara Sommovigo e realizzata in collaborazione col Teatro Verdi di Pisa.
Il 10 pomeriggio Elena Randi (Padova) intervisterà Jan Minarik, stretto collaboratore di Pina Bausch e già interprete del protagonista maschile della pièce Blaubart, tappa fondamentale nel percorso di ricerca dell'importante artista tedesca che con il suo Tanztheater Wuppertal rivoluzionò la scena artistica internazionale.

Leggi il programma e la descrizione degli interventi

Per informazioni:
Alessandro Cecchi, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Serena Grazzini, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


Allegati:

2019-10-09 14:30:00
2019-10-11 14:30:00

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa