Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Sono terminate da pochi giorni le lezioni della prima edizione del master “Lean 4 Smart Factory” realizzato grazie alla sinergia tra le Università di Pisa e di Firenze e il supporto del Consorzio Universitario QUINN. Quasi 6 mesi (lo start a novembre 2020) di sessioni in streaming nei quali i partecipanti hanno mostrato motivazione partecipando all’intenso programma di lezioni, analisi di casi, testimonianze, dichiarando il massimo apprezzamento per le attività di gruppo come i “serious game” che consentivano di anticipare le possibili applicazioni sul campo dei modelli e delle tecniche presentate dai docenti.

Il deciso orientamento a trasferire elementi di rapida attuazione nei rispettivi ambiti di lavoro, è stata infatti la caratteristica più apprezzata nel bilancio espresso dai partecipanti a conclusione della parte teorica.

Slider1

Il master prosegue ora col “momento della verità” rappresentato dai project work nei quali i partecipanti declineranno operativamente una o più delle metodiche della Lean Organization in ottica Industry 4.0. Il prossimo appuntamento è nel mese di ottobre quando verranno presentati alla direzione del master i risultati per poter ricevere, speriamo in presenza, il diploma finale.

È stata rinnovata martedì 15 giugno, in rettorato, la convenzione tra l'Università di Pisa e l'Unione Industriale Pisana, che aggiorna il precedente accordo del giugno 2019. Il documento è stato firmato dal rettore Paolo Mancarella e dalla presidente dell'UIP, Patrizia Alma Pacini, alla presenza del prorettore per la Ricerca applicata e il trasferimento tecnologico, Marco Raugi, del direttore generale dell’Ateneo, Rosario Di Bartolo, del direttore dell’UIP, Carlo Frighetto, e del delegato dell'UIP per la Formazione e i rapporti con il mondo universitario, Andrea Madonna.

firma convenzione foto gruppo

Da sinistra: Frighetto, Di Bartolo, Madonna, Mancarella, Pacini e Raugi.

La convenzione, che avrà durata biennale, rafforza la tradizionale collaborazione tra le due istituzioni in particolare nell’ambito della ricerca e della formazione e per la promozione del trasferimento tecnologico.
"Siamo in una fase storica di rara delicatezza, in cui serve unire competenze e capacità per far ripartire il Paese e dare solidità al suo futuro – ha dichiarato il rettore Paolo Mancarella – Per questo era necessario rinforzare quella collaborazione tra noi e l’Unione industriali che già in passato ha avuto importanti ricadute per il territorio, per il sistema economico pisano e per i nostri studenti".
“Come Presidente dell’Unione industriali non posso che esprime soddisfazione per il rinnovo del protocollo con l’Università di Pisa – ha aggiunto la presidente Patrizia Alma Pacini – Rinnovo formale, perché di fatto i rapporti con Unipi sono ormai una quotidianità su moltissime tematiche. Sempre di più il tessuto produttivo ha la necessità di creare un legame ed un confronto con l’Università. Infine da sottolineare che grazie al protocollo e alla nostra attività come struttura viene facilitato l’accesso al mondo universitario anche per le PMI”.

rettore pacini

La presidente Pacini e il rettore Mancarella.

Attraverso la realizzazione di azioni comuni sul trasferimento tecnologico, le due istituzioni si impegnano a implementare i servizi alle aziende e il sostegno alla crescita e alla preparazione degli studenti. A tal riguardo l'Università di Pisa e l'Unione Industriale Pisana saranno a disposizione del mondo produttivo per supportare lo sviluppo tecnologico e la competitività. Le aziende potranno proporre agli studenti tesi di laurea o di dottorato, per approfondire tematiche relative all’attività aziendale e appoggiarsi per collaborare nell’incrocio tra domanda e offerta anche con gli strumenti dei tirocini, dell’apprendistato, delle borse e dei premi di studio. Da parte sua l’Università di Pisa potrà individuare con il referente di UIP aziende disponibili a sfruttare o acquisire proprie licenze brevettuali, partecipare a bandi competitivi regionali, nazionali o europei, partecipare a eventi di matching per il trasferimento tecnologico, investigare collaborazioni su temi proposti da gruppi di ricerca di Ateneo.

Sono già molti gli esempi di collaborazioni e iniziative di successo realizzate in questi anni grazie alla convenzione tra Ateneo e UIP. Tra queste ricordiamo il master Vitesco che si è appena concluso e ha visto la partecipazione di 100 iscritti, il cui obiettivo era preparare ingegneri e tecnici per affrontare la sfida della trasformazione energetica; i numerosi incontri per supportare e indirizzare le scelte aziendali per l’industria 4.0; la promozione degli obiettivi della agenda ASVIS per lo sviluppo del sostenibili con interventi di buone pratiche aziendali e delle competenze messe a disposizione da Unipi; attività di promozione delle tecnologie legate all’idrogeno, e molto altro ancora.

Infine per permettere una sinergia più efficace tra le due istituzioni, continuerà ad essere attivo lo sportello di collegamento tra laureati e aziende che permette di creare contatti diretti tra i giovani e il mondo del lavoro.

1“L’idea di questa collana nasce dall’osservazione delle esperienze di tanti studenti e di tante studentesse dell’Ateneo pisano che meritano di essere valorizzate e diffuse. Storie diverse, caratterizzate, pur nelle diverse forme di disabilità e quindi di difficoltà da affrontare, da un segno importante e positivo che abbiamo voluto sintetizzare nel titolo”. Parte con questo incipit dei due direttori, i professori Luca Fanucci e Sandra Lischi, la nuova collana dell’Università di Pisa sui “Progetti di vita. Storie di studenti con disabilità”.

Pubblicata dalla Pisa University Press, l’iniziativa editoriale è a cura dell’Ufficio servizi per l’integrazione di studenti con disabilità (USID) dell’Ateneo, in collaborazione con il Polo comunicazione del Centro per l’innovazione e la diffusione della cultura (CIDIC). Si avvale di un Comitato scientifico composto dal rettore Paolo Mancarella, che al tema ha dedicato gran parte del suo impegno istituzionale, dai due direttori e dai professori Arturo Marzano, in qualità di delegato per Gender Studies and Equal Opportunities, Giovanni Cioni, docente di Neuropsichiatria infantile, Fabio Dei, docente Discipline demoetnoantropologiche, Maria Antonella Galanti, docente di Didattica e pedagogia speciale, e Angelo Gemignani, docente di Psicobiologia e psicologia fisiologica.

La collana avrà cadenza trimestrale o quadrimestrale e sarà pubblicata on line sulla piattaforma open access visibile all'indirizzo: https://progettidivita.unipi.it/.

 

Il sito è stato realizzato nel rispetto delle "Linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici” dell’Agenzia per l’Italia digitale (AGID) per fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari. In particolare è stato progettato in conformità delle linee guida WCAG 2 (Web Content Accessibility Guidelines) del W3C. Uno o due numeri all'anno saranno anche stampati.

Il primo numero, su carta, affronta l’argomento delle “Esperienze al tempo del Covid-19”. Dopo il saluto del rettore, la presentazione della collana da parte dei professori Fanucci e Lischi e l’introduzione al tema della curatrice del volume, la dottoressa Fiammetta Savoia, il volume raccoglie la testimonianza scritta e fotografica di sei studentesse e studenti che raccontano il loro percorso di vita e di studio nei mesi centrali della pandemia. Sulla base della loro esperienza, Clizia Sargentini, Mattia Costenaro, Camilla Mannino, Simone Casprini, Sara Scornavacche e Fabio Posa descrivono come è cambiata la diversità nel periodo pandemico.

In alto da sinistra: Luca Fanucci, Sandra Lischi, Paolo Mancarella. In basso da sinistra: Camilla Mannino, Sara Scornavacche e Mattia Costenaro.

“La spinta propulsiva alla realizzazione di questo primo numero - ha sintetizzato la curatrice Fiammetta Savoia – è stata quella di soffermarsi su come cambia, alla luce dell’epidemia di coronavirus, la diversità: come alcune limitazioni e/o difficoltà possono aver già dato, a chi le vive quotidianamente, strumenti concreti, introspettivi, culturali, che al momento attuale diventano risorse; o come, al tempo stesso, possono far emergere un maggior senso di fragilità e precarietà”.
"Scoprirete le storie di Clizia, Mattia, Camilla, Simone, Sara e Fabio - ha detto il rettore Paolo Mancarella - in questo volume di una collana che arriva in un momento molto difficile per tutti noi e che, proprio attraverso di loro, vuole rendervi partecipi di bellissime lezioni di vita, di dignità, di determinazione oggi particolarmente utili per tutti noi".

Il commento finale, che di volta in volta coinvolgerà i componenti del Comitato scientifico sulla base delle rispettive competenze, è stato affidato alla professoressa Maria Antonella Galanti con una riflessione dal titolo “Distanza e vicinanza in tempi di pandemia”. “Le nuove paure legate alla situazione attuale - ha concluso – hanno determinato nuove frontiere di egoismo e cioè la tendenza a mettere il proprio punto di vista al primo posto e la parallela incapacità di comprendere il punto di vista dell’altro. Per fortuna, però, stanno nascendo anche nuove forme di solidarietà e di ridefinizione delle gerarchie di importanza tra i desideri e i bisogni. Questo libro inaugura una collana che ha come suo fine quello di attraversare le differenze tra le persone per riconoscersi simili e vicini nella fragilità di ciascun essere umano”.

 

Sono state consegnate all'Università di Pisa l'emblema araldico e la tessera di socio d'onore dell'Istituto del Nastro Azzurro, che riunisce i combattenti al valor militare nella promozione dei principi di amore verso la patria. L'Ateneo ha ricevuto questi titoli nell'ambito della commemorazione per il 173° anniversario della battaglia di Curtatone e Montanara e in virtù della medaglia d'oro al valor militare conferita alla bandiera tricolore che ricorda la partecipazione del Battaglione Universitario Toscano alla battaglia del 29 maggio 1848.

La cerimonia di commemorazione è iniziata nel cortile del Palazzo con la deposizione delle corone ai caduti, cui sono seguiti nel loggiato antistante l'Aula Magna Nuova gli indirizzi di saluto delle autorità. Sono intervenuti il rettore Paolo Maria Mancarella; il sindaco di Curtatone, Carlo Bottani (in collegamento da remoto); il sindaco di Pisa, Michele Conti; il direttore del Centro per l’Innovazione e la Diffusione della Cultura (CIDIC), Saulle Panizza; il direttore della Domus Mazziniana, Pietro Finelli; i rappresentanti del gruppo SaVOT - Goliardia Pisana. Alle 11,45 il professor Alessandro Volpi, docente di Storia contemporanea al dipartimento pisano di Scienze politiche, ha tenuto una breve relazione sul tema "Giuseppe Montanelli. Cronaca di una morte annunciata. E della successiva resurrezione".

curtatone2 copy

Alle 12 è stata quindi effettuata la consegna dell'emblema araldico e della tessera di socio d'onore dell'Istituto del Nastro Azzurro, con gli interventi del presidente nazionale dell’Istituto del Nastro Azzurro fra combattenti decorati al valor militare (in collegamento remoto), Carlo Maria Magnani, della rappresentante del Consiglio direttivo della Federazione di Arezzo-Siena, Caterina Testi, e del presidente della Federazione provinciale di Pisa, Alberto Andreoli, che ha consegnato materialmente l'emblema araldico al rettore.

curtatone1

La commemorazione della battaglia di Curtatone e Montanara ricorda il coraggio dei membri del Battaglione Universitario Toscano che partirono volontari per andare a combattere sui campi lombardi. Tra di loro 384 studenti e 30 docenti dell'Ateneo pisano che il 22 marzo 1848, nell’Aula Magna della Sapienza, divenuta “storica” proprio in memoria di quella riunione, decisero di accorrere in appoggio alle truppe piemontesi impegnate contro l’esercito austriaco. Il sacrificio di molti di loro, dei quali diversi non ancora ventenni, guidati da Ottaviano Fabrizio Mossotti, docente di Fisica matematica e Meccanica celeste, si impose all’opinione pubblica del tempo e il loro esempio divenne subito uno dei simboli del rinnovamento morale e civile del Paese.

Il legame profondo che lega l’Ateneo pisano a questo glorioso episodio, rinverdito a partire dalla ricorrenza del 170° anniversario, si rinnova ogni anno grazie all'impegno del Comitato scientifico composto dal rettore, dai docenti Massimo Caboara, Simone Capaccioli, Marco Cini, Eleonora Da Pozzo, Monica Lupetti, Davide Poli, Rosalba Tognetti e dal rappresentante del personale tecnico-amministrativo, Michele da Caprile.

 DSC2825 copiaSaranno consegnate all'Università di Pisa venerdì 28 maggio, nell'ambito della commemorazione per il 173° anniversario della battaglia di Curtatone e Montanara, l'emblema araldico e la tessera di socio d'onore dell'Istituto del Nastro Azzurro, che riunisce i combattenti al valor militare nella promozione dei principi di amore verso la patria. L'Ateneo pisano riceverà questi titoli in virtù della medaglia d'oro al valor militare conferita alla bandiera tricolore (nella foto a destra, dopo il recente restauro) che ricorda la partecipazione del Battaglione Universitario Toscano alla battaglia di Curtatone e Montanara del 29 maggio 1848.

La consegna avverrà in occasione della commemorazione del 173° anniversario della battaglia risorgimentale, che si terrà in Sapienza, sempre venerdì 28 maggio, a partire dalle ore 11 e che sarà trasmessa in diretta streaming al link: https://www.youtube.com/watch?v=zkePC9MUjlU

La cerimonia inizierà nel cortile del Palazzo con la deposizione delle corone ai caduti, cui seguiranno nel loggiato antistante l'Aula Magna Nuova gli indirizzi di saluto delle autorità. Interverranno il rettore Paolo Maria Mancarella; il sindaco di Curtatone, Carlo Bottani (in collegamento da remoto); il sindaco di Pisa, Michele Conti; il direttore del Centro per l’Innovazione e la Diffusione della Cultura (CIDIC), Saulle Panizza; il direttore della Domus Mazziniana, Pietro Finelli; i rappresentanti del gruppo SaVOT - Goliardia Pisana. Alle 11,45 il professor Alessandro Volpi, docente di Storia contemporanea al dipartimento pisano di Scienze politiche, terrà una breve lezione sul tema "Giuseppe Montanelli. Cronaca di una morte annunciata. E della successiva resurrezione".

Alle 12 sarà effettuata la consegna dell'emblema araldico e della tessera di socio d'onore dell'Istituto del Nastro Azzurro, con gli interventi del presidente nazionale dell’Istituto del Nastro Azzurro fra combattenti decorati al valor militare (in collegamento remoto), Carlo Maria Magnani, della rappresentante del Consiglio direttivo della Federazione di Arezzo-Siena, Caterina Testi, e del presidente della Federazione provinciale di Pisa, Alberto Andreoli, che trasmetterà materialmente l'emblema araldico al rettore.

La commemorazione della battaglia di Curtatone e Montanara ricorda il coraggio dei membri del Battaglione Universitario Toscano che partirono volontari per andare a combattere sui campi lombardi. Tra di loro 384 studenti e 30 docenti dell'Ateneo pisano che il 22 marzo 1848, nell’Aula Magna della Sapienza, divenuta “storica” proprio in memoria di quella riunione, decisero di accorrere in appoggio alle truppe piemontesi impegnate contro l’esercito austriaco. Il sacrificio di molti di loro, dei quali diversi non ancora ventenni, guidati da Ottaviano Fabrizio Mossotti, docente di Fisica matematica e Meccanica celeste, si impose all’opinione pubblica del tempo e il loro esempio divenne subito uno dei simboli del rinnovamento morale e civile del Paese.

Il legame profondo che lega l’Ateneo pisano a questo glorioso episodio, rinverdito a partire dalla ricorrenza del 170° anniversario, si rinnova ogni anno grazie all'impegno del Comitato scientifico composto dal rettore, dai docenti Massimo Caboara, Simone Capaccioli, Marco Cini, Eleonora Da Pozzo, Monica Lupetti, Davide Poli, Rosalba Tognetti e dal rappresentante del personale tecnico-amministrativo, Michele da Caprile.

Nei giorni di sabato 29 e domenica 30 maggio sarà possibile visitare, su prenotazione, la Domus Mazziniana, la mattina, a partire dalle 10 o il pomeriggio a partire dalle 15. Sono ammessi gruppi di massimo 10 persone, a causa del protocollo sanitario.
E' possibile prenotare scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  oppure telefonando allo 050 24174.

Un albero di mandorlo piantato nel cortile del Polo della Memoria "San Rossore 1938" coltiverà la memoria dei 30.000 dissidenti che sparirono in Argentina negli anni della dittatura militare, originata 45 anni fa con il golpe del 24 marzo 1976 e durata fino al 1983. La breve e sentita cerimonia di piantumazione si è svolta mercoledì 19 maggio, con gli interventi del rettore dell'Università di Pisa, Paolo Maria Mancarella, dell'ambasciatore dell'Argentina in Italia, Roberto Manuel Carlés, e del referente per la Toscana dell'Associazione "24marzo Onlus", Hugo Singh Chuhan. Hanno partecipato all'iniziativa il sindaco Michele Conti, il prefetto Giuseppe Castaldo, il professor Saulle Panizza, direttore del Centro per l'Innovazione e la DIffusione della Cultura (CIDIC), e rappresentanti delle università e delle istituzioni pisane.

Il video della cerimonia

 

Con la cerimonia di piantumazione l’Università di Pisa aderisce all’iniziativa "Plantamos Memoria" che accoglie l’appello di Vera Vigevani Jarach, delle madri e delle nonne di Plaza de Mayo che, in occasione del 45° anniversario del golpe argentino, hanno dato vita a questa campagna grazie alla quale saranno piantati in giardini privati e pubblici 30.000 alberi, tanti quanti i desaparecidos. "Un gesto forte - ha dichiarato il rettore Mancarella nel suo intervento - nel cui valore simbolico vi è tutta l'urgenza di ristabilire il legame spezzato tra memoria, verità e giustizia... Un albero per non dimenticare i 30.000 che 46 anni fa sparirono nel nulla, vittime di un regime tra i più crudeli di sempre, deciso a cancellare ogni forma di opposizione; un albero per ricordare tutti coloro che nel tempo sono stati inghiottiti dalle pagine più oscure della storia umana; un albero perché l’essere umano smetta di assistere passivamente a quanto gli accade intorno e perché tutto ciò non si ripeta mai più".

"Sono passati 45 anni dal colpo di stato in Argentina, rimasto impunito per oltre 20 anni - ha detto l'ambasciatore Roberto Manuel Carlés - fin quando nel 2004 è iniziato un processo di inchiesta sul nostro passato. È però doveroso ricordare anche che durante tutti quegli anni sono state le madres e le abuelas di Plaza de Mayo che hanno tenuto viva la fiamma della memoria di quelli che hanno perso la vita a causa della dittatura. Quindi questo omaggio è per loro, loro sono l'esempio della fortezza del 'Mai più'. Voglio ringraziare l'Università e la città di Pisa per averci accolto oggi e per averlo fatto in questo luogo simbolico che ricorda momenti oscuri del vostro passato. Guardiamo avanti sempre, pensando di costruire giustizia, memoria e verità".

albero Memoria2

La dottoressa Ruth Dinslage, rappresentante dell'Associazione "24marzo Onlus", ha letto la corrispondenza che Estela Barnes de Carlotto, presidentessa dell'Associazione "Abuelas de Plaza de Mayo", ha indirizzato al rettore per ringraziare l'Università di Pisa. "Con questa campagna - ha scritto Estela Barnes de Carlotto - abbiamo sfidato la pandemia e siamo riusciti a portare la piazza in ogni casa e istituzione del mondo, perché quel 'Mai più' sia sempre attuale. Oggi l'Università di Pisa, grazie alla sua collaborazione, si inserisce in questo abbraccio solidale della nostra lotta”.

Subito dopo, la professoressa Marilù Chiofalo, docente del dipartimento di Fisica dell'Università di Pisa e rappresentante dell'Associazione "24marzo Onlus", ha letto il messaggio inviato da Vera Vigevani Jarach, madre de Plaza de Mayo Linea Fundadora e socia dell'Associazione "24marzo Onlus". "Quando ero bambina, in Italia - ha scritto Vera Vigevani Jarach - si cantava a Maggio: l’inverno è passato, l’aprile non c’è più, è ritornato maggio al canto del cucù. Lo possiamo cantare assieme piantando un bell’albero, incontrandoci virtualmente nel luogo scelto che sarà la casa di questa pianta piccola, che, speriamo, crescerà bene e rappresenterà anche noi vecchi che non ci saremo certo più e tutti coloro che sono nel nostro cuore e pensiero per sempre come i nostri desaparecidos”.

albero Memoria3

 

lucia morselliVenerdì 14 maggio, alle ore 18, Lucia Morselli, attuale amministratrice delegata di Arcelor-Mittal Italia S.p.A., sarà ospite dell’Università di Pisa per il ciclo di incontri "Meeting Generations”, l’iniziativa che ha come protagonisti i laureati illustri dell’Ateneo pisano promossa dallo Starting Finance Club Unipi e dall'ALAP (Associazione Laureati dell'Ateneo Pisano).

Lucia Morselli, laureatasi in Matematica a Pisa nel 1978, terrà un intervento dal titolo “Le prospettive industriali italiane e la transizione green” in cui discuterà della situazione aziendale e industriale italiana, e delle possibili questioni che debbano in questo senso essere affrontate per restare al passo della fortissima concorrenza internazionale. Il tema dell'Ilva di Taranto sarà un'ulteriore fonte di riflessione e discussione. L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming dall’Aula Magna Storica della Sapienza sul canale YouTube dell’Ateneo e sui canali Facebook dell’Università di Pisa e SF Club Unipi.

Porteranno i loro saluti il presidente dell'Associazione Laureati Ateneo Pisano, Paolo Ghezzi, e il presidente di Starting Finance Club Unipi, Nicola Grazzini, oltre a Francesco Tagliente, delegato nazionale per i rapporti istituzionali di ANCRI, Associazione Nazionale Insigniti dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Interverrà il rettore Paolo Mancarella.

L'incontro è il secondo appuntamento del progetto "Meeting Generations" che ha l'obiettivo formativo e culturale di favorire il dialogo tra diverse generazioni di studenti dell'Ateneo pisano. Il ciclo è organizzato da Starting Finance Club UniPi, associazione indipendente di natura e anima universitaria fondata nell'ottobre del 2017 da sei studenti dell'Università di Pisa, e dall’ALAP in collaborazione con l'Università di Pisa.

Superare i limiti della didattica a distanza accompagnando gli studenti alla scoperta dell’Ateneo e della città di Pisa. È questa l’idea venuta al professor Gionata Carmignani, docente di Ingegneria economico-gestionale e presidente del Consiglio aggregato di Ingegneria gestionale al Dipartimento di Ingegneria dell'energia, dei sistemi, del territorio e delle costruzioni dell’Università di Pisa.

carmignani2

“A marzo – spiega – ho iniziato l’insegnamento di Economia e organizzazione aziendale al corso di laurea triennale in Ingegneria biomedica, frequentato da più di 130 studenti al primo anno e in gran parte provenienti da fuori della Toscana. Ho quindi pensato che molti di loro non avevano avuto modo di frequentare i luoghi dell’Ateneo e non erano nemmeno mai stati a Pisa”. Il professore si è così attrezzato con tablet in mano e webcam accesa e, al termine delle lezioni, ha guidato i suoi studenti in una serie di “visite” all’interno dell’Ateneo e in città. I ragazzi hanno potuto vedere la sede, le aule e le strutture di Ingegneria e i laboratori del Centro Piaggio, dialogando con i docenti incontrati lungo il tragitto; hanno poi goduto della vista dei lungarni fino a Palazzo alla Giornata, dove hanno potuto salutare il rettore Paolo Mancarella e il prorettore alla Didattica, Marco Abate. Infine, mercoledì 5 maggio sono andati alla scoperta del centro di Pisa, finendo con il più classico dei giri in Piazza dei Miracoli e sotto la Torre.

“Gli studenti – conclude il professor Carmignani – hanno accolto molto positivamente l’iniziativa, restando spesso collegati per i tour ‘virtuali’ e partecipando attivamente alle visite. I ragazzi hanno così potuto conoscere, oltre agli argomenti delle lezioni, le persone, le sedi e le strutture dell’Ateneo e della città, quelle stesse che speriamo presto possano tornare ad accoglierli di persona”.

Pubblichiamo di seguito il ricordo del professor Luciano Modica scritto dalla collega e amica Margherita Galbiati, che con lui ha collaborato per molti anni, prima al Dipartimento di Matematica e poi nella gestione dell'Ateneo come membro del Senato Accademico e quindi come prorettrice alla Ricerca di base.

-----------------------------------

Per Luciano Modica

modica galbiatiNon so se riuscirò a rappresentare qui, sia pur confusamente, quanto sarebbe doveroso per ripercorrere la vita di Luciano Modica, che è terminata così improvvisamente ieri mattina. Doveroso, certo, ma non è l’aggettivo giusto, tanto è l’affetto, la stima, l’amicizia, il sostegno reciproco che nel corso di più di 40 anni di collaborazione continua ho avuto il dono di avere.

Molti che forse leggeranno queste righe non hanno vissuto l’atmosfera dell’università in quel periodo, dagli anni ‘80 in poi. Riassumerla è difficile, tanto il mondo e l’università sono cambiati nel frattempo. Ma, questo sì è doveroso, ricordare quegli anni e quanto Luciano ha fatto vuole essere in qualche senso stabilire l’eredità che Luciano ha lasciato, e passare il testimone a chi vive ora questa università.

Luciano Modica era direttore del Dipartimento di Matematica da già un mandato nel 1987, quando sono diventata suo vicedirettore. La ristrutturazione del Dipartimento, voluta da Luciano, era in corso: dalla rete dipartimentale, la prima in ateneo, alla cura dell’estetica dei locali (sono sue, per esempio, le fotografie di grandi matematici nel corridoi principale di dipartimento) e all’attenzione all’accoglienza agli studenti (con le sale studio e le aule informatiche). La difesa puntigliosa dell’autonomia dipartimentale e in generale dell’ateneo era poi uno di punti chiave della visione di Luciano in quegli anni. L’attenzione a tutto ciò si è tradotta in un forte sentimento di appartenenza al dipartimento, di orgoglio, direi, da parte di tutti, dagli studenti al personale ai docenti, appartenenza che Luciano voleva estesa all’ateneo.

Appartenenza ed orgoglio che hanno sostenuto le tante iniziative di allora. Non si può non ricordare ad esempio la ristrutturazione dell’area ex Marzotto, con la riunione dei tre Dipartimenti (Matematica, Fisica e Informatica), che ha influito sulla città oltre a formare un centro culturale e scientifico, con la biblioteca interdipartimentale e la concentrazione anche dell’INFN nella stessa area. Idee (questa e tantissime altre) di Luciano da direttore del Dipartimento di Matematica e preside della Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, e che ha poi completamente realizzato da rettore, carica alla quale è stato eletto nel 1993. Una visione che ha modificato la nostra università e tramite la CRUI, della quale è stato presidente, forse anche il sistema universitario. La sua presenza non è mancata negli anni successivi grazie all'impegno, a volte anche faticoso, in politica.

Chi ha vissuto quell’epoca piena di idee, entusiasmo, energia, speranza, ricorderà forse altri aspetti dell’enorme mole di rinnovamento che si è sviluppato allora. Ma l’aspetto che vorrei ricordare qui, ed è forse l’eredità maggiore che ha lasciato a me e a chi ha avuto modo di collaborare con lui, è che quanto ha fatto, quanto deve essere fatto, è per il bene comune, al di là dei personalismi, degli individualismi, dei corporativismi. Un’idea che ha permesso di sviluppare progetti e di realizzarli pensando liberamente, di partecipare alla costruzione, ognuno a suo modo, di un ambiente scientifico, di studio, di amministrazione, di ricerca, con una solida sintonia di intenti, basato su un’etica profonda e libera.

Grazie Luciano!

Margherita Galbiati

La mattina di martedì 4 maggio si è spento all’età di 71 anni il professor Luciano Modica. Alla guida dell’Università di Pisa tra il 1993 e il 2002 e presidente CRUI dal 1998 al 2002, Modica è stato senatore della Repubblica e sottosegretario al Ministero dell’Università e della Ricerca.
La camera ardente sarà allestita mercoledì 5 maggio, dalle ore 14:00 alle ore 20:00, nell’Aula Magna Storica nel Palazzo alla Sapienza. I funerali si svolgeranno giovedì 6 maggio in forma strettamente privata. 

"La notizia dell’improvvisa scomparsa del professor Luciano Modica mi ha profondamente turbato - ha commentato il Rettore Paolo Mancarella – Eravamo legati da un profondo rapporto di amicizia e stima che durava dai tempi del suo rettorato. Fu lui a volermi come delegato disabilità dell’Università di Pisa nel 2000, un incarico che ha influito moltissimo sulla mia vita all’interno dell’Ateneo e per il quale gli sarò sempre grato. Proprio qualche giorno fa ci eravamo sentiti per vederci e discutere assieme del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e delle opportunità per la nostra Università, a cui teneva sempre tantissimo. Con lui la comunità pisana perde un uomo e uno studioso di straordinaria levatura, che ha saputo guidare con saggezza e lungimiranza l'Università di Pisa in una difficile stagione di cambiamento del mondo accademico. Doti che l’hanno sempre distinto anche nella sua attività politica. Alla moglie Mariuccia e ai figli Carlo ed Elena va il mio più affettuoso abbraccio in questo momento di profondo dolore".

modica Freni

Nato a Catania nel 1950, Luciano Modica dopo aver conseguito la maturità classica si è trasferito a Pisa come studente dell'Università di Pisa e della Scuola Normale Superiore, laureandosi in Matematica come allievo dei professori Ennio De Giorgi e Enrico Bombieri. Dopo la laurea ha intrapreso la carriera universitaria sempre a Pisa diventando, appena trentenne, professore ordinario di Analisi matematica. Ha svolto l'intera carriera accademica nell'Ateneo pisano.

I suoi interessi scientifici sono stati assai ampi e multiformi, con ricerche che spaziano dalle equazioni alle derivate parziali, dal calcolo delle variazioni alle superfici di area minima, ai modelli matematici delle transizioni di fase. I suoi teoremi originali sono stati pubblicati su molte riviste scientifiche internazionali. Ha insegnato e fatto ricerca nelle università di Paris XI (Orsay), New York (NYU), Edimburgo (Heriot-Watt), Bonn e Minneapolis.

modica Cherubino

Il professor Luciano Modica è stato rettore dell'Università di Pisa dal 1993 al 2002, quando si è dimesso per candidarsi al Senato della Repubblica, ricoprendo anche il ruolo di presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane dal 1998 al 2002. Come rettore ha emanato il primo Statuto autonomo dell’Università di Pisa, ha attuato una vasta opera di innovazione regolamentare e gestionale per adeguare l’Ateneo alle sfide dell’autonomia e per stimolare il miglioramento continuo delle attività didattiche e di ricerca. Ha avviato una politica di forti investimenti in ricerca e in infrastrutture nell’ambito di un piano edilizio decennale e promosso l’espansione degli insediamenti universitari nell’intero bacino territoriale della Toscana nord-occidentale, che ha nell’Università di Pisa il suo principale riferimento. Come presidente della CRUI si è impegnato nello sviluppo della politica universitaria nazionale e internazionale, nella riforma italiana dell’autonomia didattica e nelle problematiche dell’incentivazione e valutazione della qualità delle attività didattiche e di ricerca, sia a livello italiano che europeo.

Nel 2002 è stato eletto senatore della Repubblica nel collegio di Pisa e lo è rimasto sino al 2006. Dal 2006 al 2008 ha fatto parte del Governo Prodi in qualità di sottosegretario al Ministero dell'Università e della Ricerca.

Nel 2004 l'Università di Pisa gli ha conferito l'Ordine del Cherubino.

Nella foto in alto: il rettore Luciano Modica consegna la laurea honoris causa alla soprano Mirella Freni.
Nella foto in basso: il professor Luciano Modica riceve l'Ordine del Cherubino dal rettore Marco Pasquali.

Pagina 1 di 257

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa