Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

Riconoscimento dottorati di ricerca conseguiti all’estero

Prima di intraprendere la procedura di riconoscimento del titolo di Dottorato conseguito all’estero è importante sapere che è possibile chiedere:

  1. il riconoscimento diretto ai fini del conseguimento del titolo italiano (equipollenza), mediante una procedura di valutazione del Dottorato estero per l’ottenimento di un corrispondente titolo finale italiano di terzo ciclo, con valore legale su tutto il territorio nazionale;

  2. il riconoscimento solo “ai fini della partecipazione ai concorsi pubblici destinati al reclutamento di personale” (equivalenza), ai sensi dell’art. 38, comma 3, D.Lgs. n. 165/2001). L’equivalenza di un titolo di studio estero permette di partecipare a un concorso senza che venga rilasciato un titolo italiano e senza seguire la procedura per ottenere il riconoscimento accademico. La procedura di equivalenza è di competenza della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Funzione Pubblica – Ufficio P.P.A. – Servizio Reclutamento (www.mur.gov.it/it/aree-tematiche/universita/equipollenze-equivalenza-ed-equiparazioni-tra-titoli-di-studio/titoli-1).

Per il riconoscimento diretto (equipollenza) del Dottorato estero come titolo italiano di Dottorato di ricerca rilasciato dall’Università di Pisa, il titolo estero deve sempre rispettare tutte le seguenti caratteristiche:

  1. essere titolo ufficiale di terzo ciclo di Dottorato del sistema estero di riferimento, rilasciato da una Istituzione ufficiale del sistema estero, ovvero riferirsi a qualifiche rispettivamente poste al 3° ciclo del Processo di Bologna (QF-EHEA), al livello 8 EQF, o al livello del quadro ISCED 2011 o livello ISCED 6A pre 2011;

  2. conferire nel sistema estero di riferimento i medesimi diritti accademici del titolo italiano di dottorato di ricerca;

  3. presentare i medesimi elementi di natura e disciplinari del titolo italiano corrispondente in termini di durata (durata minima triennale), natura di ricerca e modalità di ottenimento;

  4. deve esistere un titolo di Dottorato di ricerca nel medesimo settore con cui si possa comparare il titolo estero, sia per tipologia che per ambito disciplinare. È pertanto possibile valutare un Dottorato estero esclusivamente se l’Istituzione italiana ha la facoltà di rilascio di tali titolazioni e se tale percorso estero sia riferito ad un settore scientifico-disciplinare afferente ad un Dottorato offerto dall’Istituzione italiana responsabile della procedura di riconoscimento.

Si fa presente che, al fine del riconoscimento del Dottorato estero, deve essere verificato il precedente titolo estero o italiano col quale è stato consentito l’accesso al Dottorato stesso. Tale titolo deve essere comparabile ad una qualifica di Laurea Magistrale in Italia, ovvero, essere un titolo ufficiale di secondo ciclo di natura accademica anche ottenuto all’estero.

Possono presentare domanda di riconoscimento del titolo estero di Dottorato di ricerca i cittadini italiani, i cittadini comunitari e i cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia, titolari del permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria.

La domanda di riconoscimento può essere presentata dal 28 ottobre 2022 al 31 marzo 2023.

Prima di rivolgersi all’Università per presentare domanda ufficiale di riconoscimento diretto, secondo le modalità di seguito indicate, gli interessati devono individuare il Dottorato dell’Università di Pisa con cui può essere comparato il titolo estero, per tipologia e per ambito disciplinare, consultando le pagine web

dottorato.unipi.it/index.php/it/ e dottorato.unipi.it/index.php/en/ 

dove sono descritti i corsi di dottorato attivi per l’a.a. in corso, con l’indicazione del Coordinatore di riferimento. Gli interessati devono quindi contattare direttamente, tramite e-mail, il Coordinatore di riferimento per chiedere una prevalutazione didattica informale.

In caso di esito positivo della prevalutazione, potrà essere presentata domanda ufficiale al Magnifico Rettore per il riconoscimento diretto del Dottorato estero, allegando la seguente documentazione:

  1. Copia autenticata del titolo di Dottorato estero, conseguito presso una Istituzione della formazione superiore ufficiale estera, con attestato di comparabilità e attestato di verifica rilasciati dal centro ENIC-NARIC italiano-CIMEA (www.cimea.it/pagina-attestati-di-comparabilita-e-verifica-dei-titoli);

  2. Attestazione/certificazione in originale o copia autenticata rilasciata dalla competente Istituzione estera, attestante gli elementi, la durata e le attività del dottorato, svolte al fine del conseguimento del titolo di studio finale.
    In alternativa, per i Paesi UE, il Diploma Supplement in originale o copia autenticata, in lingua inglese su carta intesta dell'Istituzione estera con firma e timbro della stessa;

  3. Tesi di dottorato in formato digitale con indicazione dell’indirizzo web del repository dell’Istituzione o della biblioteca nella quale la tesi è conservata e consultabile. In alternativa l’abstract della tesi in originale, su carta intestata dell'Istituzione che ha rilasciato il titolo o avvalorato con timbro e firma in originale dell'Istituzione stessa;

  4. Copia del titolo italiano di secondo ciclo col quale si ha avuto accesso al corso di dottorato estero, oppure, copia autenticata del titolo estero di secondo ciclo con legalizzazione o timbro "apostille", munita di dichiarazione di valore a cura della Rappresentanza Diplomatica Consolare Italiana competente per territorio o, in alternativa, munita dell’attestato di comparabilità e dell’attestato di verifica rilasciati dal centro ENIC-NARIC italiano-CIMEA (www.cimea.it/pagina-attestati-di-comparabilita-e-verifica-dei-titoli);

  5. Traduzione ufficiale in italiano dei documenti richiesti, qualora non siano redatti in lingua inglese;

  6. Copia di un documento di identità in corso di validità;

  7. Per i cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti: copia del permesso o della carta di soggiorno dal quale si evinca chiaramente il motivo del rilascio dello stesso;

  8. Ricevuta del versamento dell’importo di € 500,00 che deve essere effettuato:
    - tramite bollettino postale sul c/c n. 150565, intestato a: UNIVERSITA' DI PISA - ACCREDITI VARI - SERVIZIO TESORERIA - Lungarno Pacinotti, 43, 56100 Pisa - Causale obbligatoria: RIC DOT 
    oppure
    - con bonifico sull’IBAN IT37K0856270910000000115646 BIC/SWIFT ICRAITRRPSA Istituto cassiere: Banca di Pisa e Fornacette - conto intestato a: Università di Pisa, Lungarno Pacinotti, 43-56126 Pisa – Causale obbligatoria: dati anagrafici e codice RIC DOT.

N.B. Il pagamento della tassa di riconoscimento deve essere effettuato SOLO dopo aver acquisito l’esito positivo della prevalutazione didattica e, quindi, prima dell'invio di tutta la documentazione necessaria per l'avvio della procedura.

Si fa presente che, indipendentemente dall’esito del riconoscimento, la tassa versata non potrà essere rimborsata.

La domanda di riconoscimento con la documentazione completa può essere:

- spedita per posta con la dicitura “Richiesta riconoscimento diretto Dottorato estero” all'Ufficio Relazioni Internazionali-Unità Mobilità Internazionale, Lungarno Pacinotti, 44 - 56100 Pisa;

oppure

- consegnata a mano alla Sezione Protocollo di Ateneo in Lungarno Pacinotti44-Uffici amministrativi-piano terra-atrio giardino interno, solo su appuntamento, prenotandosi ai seguenti numeri telefonici: 050 2212 161/ 526/ 035. Il Protocollo è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00. Il martedì e il giovedì anche il pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 17,00.

La documentazione deve essere inviata anche in formato PDF all’indirizzo PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., sempre con la dicitura “Richiesta riconoscimento diretto Dottorato estero”.

L’Unità Mobilità Internazionale valuterà la completezza e correttezza formale della documentazione presentata per il successivo invio al Coordinatore del Corso di Dottorato di ricerca corrispondente al titolo estero per il quale viene chiesto il riconoscimento ufficiale. Su richiesta del Coordinatore, il Collegio dei docenti del Corso di Dottorato provvederà alla valutazione sostanziale del titolo estero.

Si informa che, ai fini della valutazione formale e sostanziale, l’Unità Mobilità Internazionale e il Collegio dei docenti potrebbero chiedere ai candidati chiarimenti e/o integrazioni della documentazione.

N.B. Si fa presente che la procedura di riconoscimento non può essere avviata se la documentazione sopra indicata non sarà completa come richiesto.

La valutazione sostanziale di un Dottorato estero ai fini dell’ottenimento del titolo italiano di Dottorato di Ricerca può produrre i seguenti risultati:

  • il riconoscimento diretto del titolo estero che avviene mediante il rilascio di un Decreto Rettorale attestante l’equipollenza al corrispondente titolo italiano di Dottorato di Ricerca;

  • il diniego al riconoscimento del titolo estero di Dottorato nel caso di “differenza sostanziale” rispetto al corrispondente titolo italiano.

Per informazioni sulla documentazione scrivere, utilizzando un normale indirizzo di posta, a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Allegati:

Ultima modifica: Mer 23 Nov 2022 - 08:47

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa