Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

"Whistleblower": un servizio per segnalare illeciti

Dal 1° dicembre 2017 l’Università di Pisa ha introdotto la misura di prevenzione della corruzione denominata Whistleblower o anche Tutela in materia di segnalazione di illeciti.

La misura, prevista dalla c.d. legge anticorruzione (l.190/2012) e recentemente rafforzata dal legislatore, è volta a favorire l’emersione di situazioni che pregiudicano la buona amministrazione e, a tal fine, contempla un regime di tutele rafforzate anche per gli studenti che segnalano fatti illeciti di cui siano venuti a conoscenza in ragione della loro attività di studio.

L’Università di Pisa, nell’ambito della propria autonomia regolamentare, ha infatti ritenuto importante estendere le forme di tutela volte a garantire l’anonimato e la riservatezza del segnalante anche a coloro che intrattengono con l’ateneo rapporti di studio, che li rendano edotti di condotte di “cattiva amministrazione”. In questo modo, favorendo le opportunità di espressione del senso civico da parte di ciascun componente della comunità accademica, l’ateneo ha ampliato la platea dei destinatari delle forme di tutela previste dalla legge.

Allo scopo, l’Università si è dotata di un proprio Regolamento per la tutela del segnalante di condotte illecite ed ha adottato una piattaforma informatica per la ricezione delle segnalazioni conforme alle prescrizioni ANAC, volte a garantire l’anonimato e la riservatezza del denunciante ( https://www.unipi.it/index.php/amministrazione/item/11260-segnalazioni-di-illecito-whistleblower ).

Ogni segnalazione deve essere effettuata responsabilmente; non può pertanto basarsi su semplici voci o sospetti. La segnalazione, indirizzata al responsabile della prevenzione della corruzione, dott. Riccardo Grasso, deve essere finalizzata a far emergere e prevenire fenomeni di “mala-amministrazione”. Non deve essere pertanto utilizzata per finalità individuali ma per promuovere l’etica e l’integrità dell’amministrazione.
Eventuali quesiti in ordine alla tematica trattata potranno essere formulati via e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa