Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

10 dipartimenti dell'Ateneo tra i migliori 350 d'Italia nella ricerca

Tra questi saranno scelti i 180 dipartimenti che otterranno 271 milioni di euro annui tra 2018 e 2022

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Sono 10 i dipartimenti dell'Università di Pisa selezionati tra i migliori 350 dipartimenti italiani nel campo della ricerca, secondo la graduatoria pubblicata dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca sulla base delle performance registrate nell'ultima valutazione della qualità della ricerca dell'ANVUR. Queste strutture potranno ora accedere all'ulteriore procedura di selezione, che porterà a 180 dipartimenti 271 milioni di euro annui nel quinquennio 2018-2022.
I dipartimenti eccellenti sono stati selezionati attraverso il calcolo di un apposito "Indicatore Standardizzato della Performance Dipartimentale" (ISPD), ricevendo un punteggio fino a un massimo di 100. Quelli scelti dell'Ateneo pisano sono il dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere e il dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica, che hanno ottenuto la valutazione massima, seguiti a ruota da Biologia e da Patologia chirurgica, medica, molecolare e dell'area critica, Matematica, Ingegneria dell'Informazione e Farmacia. Completano l’elenco i dipartimenti di Fisica, Giurisprudenza e Informatica.

 dip1

Nei prossimi quattro mesi, i 350 dipartimenti selezionati - non più di 15 per ateneo - potranno presentare i relativi progetti alla Commissione di valutazione nominata dal MIUR e presieduta dall'ex ministro della Giustizia, Paola Severino. I progetti dovranno contenere il piano quinquennale di sviluppo del dipartimento, con particolare riferimento agli obiettivi scientifici e didattici di elevata qualificazione, oltre all'indicazione delle risorse da destinare al reclutamento del personale docente e tecnico-amministrativo e al piano di investimenti per le infrastrutture dedicate alla ricerca. Entro la fine dell'anno, il MIUR pubblicherà l'elenco dei 180 dipartimenti di eccellenza che risulteranno vincitori.

"Siamo molto contenti del risultato ottenuto - ha commentato il rettore Paolo Mancarella - che vede i nostri due dipartimenti umanistici al vertice della graduatoria pubblicata dal MIUR e la presenza altamente qualificata di diversi settori scientifici, dalla Biologia alla Matematica, dalla Fisica all'Informatica, così come della Medicina, della Farmacia, dell'Ingegneria e del Diritto. L'Ateneo assicurerà il pieno supporto a ognuna di queste strutture nella fase di presentazione delle domande, con l'obiettivo di riuscire a piazzarne il più possibile tra le 180 che otterranno il finanziamento nel quinquennio 2018-2022. Al tempo stesso, però, dovremo continuare con le azioni di supporto alla ricerca già intraprese in questi primi mesi e rivolte a tutti, con l’intento di portare nella sfera dell’eccellenza anche altri dipartimenti. Tutto ciò a prescindere dal fatto che, in futuro, ci sia o meno uno specifico finanziamento ministeriale".

  •  
  • 16 maggio 2017

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa