Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Allieva del dottorato regionale Pegaso vince il Premio Ricerca – Città di Firenze

Il riconoscimento le è stato assegnato per la sua tesi su Carlo Cecchi, attore e regista teatrale fiorentino

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Chiara Schepis, allieva del dottorato in Storia delle Arti e dello Spettacolo, Corso dottorale regionale “Pegaso”, ha vinto il “Premio Ricerca – Città di Firenze” per il suo elaborato nel settore delle Scienze umanistiche. La cerimonia si è svolta lo scorso 10 marzo a Palazzo Vecchio a Firenze. Chiara Schepis, dopo la laurea triennale all’Università di Messina e la magistrale presso al Dams di Bologna, ha concluso il percorso di studi teatrali a Pisa grazie all’ammissione, a soli 23 anni, al dottorato istituito nel 2013 e al quale l’Università di Pisa partecipa insieme agli Atenei di Firenze e di Siena.

un momento della premiazione


La tesi di dottorato di Chiara Schepis, di cui è stata tutor la professoressa Anna Barsotti dell’Ateneo pisano, si intitola “Carlo Cecchi: funambolo della scena italiana. L’apprendistato e il magistero” e costituisce l’unica monografia prodotta sull’attore fiorentino, regista e maestro del teatro italiano. Con sguardo storico-biografico e strumenti critico-analitici, il lavoro ricostruisce la vicenda artistica di Carlo Cecchi al fine di ritagliare due atteggiamenti caratterizzanti la sua relazione di con la scena: il personale percorso di formazione e, specularmente, le modalità del lavoro di formatore.

Oltre al carattere innovativo e originale, riconosciuto dalla Commissione Giudicatrice del Premio, la tesi di Chiara Schepis intreccia ricognizione bibliografica e ricerca sul campo collegando le diverse fonti e i diversi materiali utilizzati: studi critici, ricerche d'archivio, recensioni, interviste inedite ed edite, anche in rete, documentari e video degli spettacoli. Conclude l’elaborato la Teatrografia, ricostruita per la prima volta nel modo più completo. La tesi sarà pubblicata in edizione digitale e cartacea entro l’autunno.

Nella foto, Chiara Schepis durante la premiazione

  •  
  • 15 marzo 2017

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa