Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Ateneo in lutto per la scomparsa del professor Pietro Pfanner

Fondatore della Stella Maris, fu insignito dell'Ordine del Cherubino nel 1998

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Pietro PfannerÈ scomparso all’età di 86 anni il professor Pietro Pfanner, illustre neuropsichiatra, fondatore della Stella Maris, già insignito dell'Ordine del Cherubino dell'Università di Pisa nel 1998. Pfanner, originario di Lucca, si è laureato nel 1955 in Medicina e Chirurgia a Roma e nel 1956 fu trasferito a Pisa, nella clinica delle malattie nervose e mentali dell’Università, dove ha svolto la sua carriera accademica.

Con il suo arrivo a Pisa, Pietro Pfanner promuove la costituzione di un istituto clinico extrauniversitario per disabili neuropsichici, la Fondazione Stella Maris, e su designazione dell'Università, ne fu subito nominato direttore. Nel 1970 questo Istituto divenne un Irccs (Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico). Dal 1976, per convenzione con l'Università di Pisa, l’istituto è divenuto sede di tutte le attività universitarie nel settore, ottenendo un grande sviluppo per l'attività didattica, la ricerca e l'assistenza, con proiezione nazionale, divenendo la più grande struttura assistenziale italiana.

Specialista in malattie nervose e mentali nel 1959 e in neuropsichiatria infantile nel 1966, Pfanner diventa assistente universitario nel 1971, incaricato dell'insegnamento di Antropologia criminale nel 1972-73 e di Neuropsichiatria infantile nel 1973-74 e nel 1974-75. Nel 1975 ha vinto il Concorso nazionale per la cattedra di Neuropsichiatria infantile ed è stato chiamato dalla facoltà di Medicina e Chirurgia di Pisa per tale insegnamento dall’anno accademico 1975-76. Nello stesso anno ha assunto la direzione della Scuola di Specializzazione in questa disciplina, una delle prime in Italia, incarico che ha sempre mantenuto fino al momento dell'uscita dal ruolo universitario nel 2002.

Nel 1984 fu nominato direttore dell’appena costituito Istituto Universitario di Neuropsichiatria e Psicopedagogia, poi confluito in altro dipartimento di Medicina con pediatri e ostetrici. Ha svolto per molti anni, un'attività di ricerca e di didattica in Neurologia, Psichiatria, e, in modo prevalente, Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza. In questa struttura ha anche svolto una costante attività didattica per la specializzazione dei medici e dei terapisti ed è stato anche direttore (per oltre 30 anni), di una scuola per insegnanti di sostegno di Scuola materna, elementare e media.

Ha pubblicato circa 450 lavori scientifici, specie sulla fisiopatologia della motricità, del linguaggio, delle funzioni cognitive, e sulla psicopatologia dello sviluppo. Ha collaborato a enciclopedie e Trattati specialistici ed è stato membro di varie società scientifiche, nonché della redazione di numerose riviste specializzate. Dal 1998 al 2002 è stato presidente del collegio dei professori ordinari italiani di neuropsichiatria infantile.

"Con la scomparsa del professor Pietro Pfanner - ha ricordato il rettore Massimo Augello - l'Università di Pisa perde uno dei suoi luminari più illustri, che ha indissolubilmente legato il suo nome alla Fondazione Stella Maris. Subito dopo la laurea a Roma, il professor Pfanner si è trasferito a Pisa, nella Clinica delle malattie nervose e mentali dell'Università, dove ha iniziato la sua carriera accademica. Ordinario di Neuropsichiatria infantile dalla metà degli anni '70, ha ricoperto prestigiosi incarichi nella Facoltà pisana di Medicina e Chirurgia, fino a essere insignito dell'ordine del Cherubino dall'Ateneo nel 1998. Docente e medico tra i più apprezzati a livello nazionale e internazionale, il professor Pietro Pfanner ha dato un contributo fondamentale allo sviluppo della Scuola pisana di Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza, che è conosciuta in tutto il mondo. Alla sua famiglia vanno le commosse condoglianze da parte dell'Università di Pisa".

I funerali si terranno mercoledì mattina, 10 febbraio, a Lucca, nella chiesa di San Frediano.

  •  
  • 9 febbraio 2016

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa