Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

L’Università di Pisa bandirà oltre 200 borse di dottorato nei più innovativi ambiti della scienza e della ricerca

Nuove opportunità grazie ai finanziamenti di NextGenerationEU

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Oltre alla tradizionale, ricca, offerta bandita dall'Ateneo, pari anche quest'anno a oltre 100 borse, saranno disponibili ulteriori borse di dottorato finanziate nell'ambito del PNRR da parte dell’Unione europea e dall'iniziativa NextGenerationEU. Si tratta di circa 120 progetti dottorali innovativi, con almeno un semestre da condurre presso università internazionali, attivati nell'ambito dei 25 corsi di dottorato dell’Ateneo (più altri 11 corsi in convenzione con sede in altre università), o nei 10 nuovi dottorati di interesse nazionale - che vanno ad aggiungersi ai due dottorati nazionali già presenti lo scorso anno - e a cui UniPi partecipa anche con propri specifici curricula, come “Cybersecurity”; “Neuroscienze”, "Scienze del patrimonio”, che coniuga le expertise di archeologi, storici dell'arte e chimici; "Robotica e Macchine intelligenti", "Scienze e tecnologie per lo Spazio", "Learning Sciences", "Blockchain", "Studi religiosi", rivolto alla costruzione di un modello di "vivere nel pluralismo e nella sicurezza grazie al sapere".

nex_generation_eu.png

Di queste oltre 120 borse aggiuntive, una metà, finanziate dal DM 351/2022, riguarderanno temi a forte vocazione scientifico-tecnologica, orientate - tra l'altro - agli ambiti delle transizioni digitali e ambientali, dell'innovazione per la Pubblica amministrazione e per il patrimonio culturale. Altrettante, più orientate alla ricerca applicata e con l'obiettivo di potenziare competenze di alto profilo in ambito industriale, vedranno il contributo e il coinvolgimento diretto delle imprese nel percorso formativo, anche tramite un periodo che i dottorandi potranno trascorrere in azienda di almeno un semestre, creando i presupposti per una loro collocazione futura di alta specializzazione.

"Si tratta di una vera rivoluzione cui il nostro Ateneo ha risposto con prontezza, - dichiara la delegata ai dottorati di ricerca, professoressa Marcella Aglietti - dimostrando di saper cogliere l'opportunità apertasi con questi finanziamenti straordinari, compito non certo facile dati i tempi brevissimi concessi, per potenziare la già ampia offerta di formazione dottorale che ci caratterizza con nuovi progetti di ricerca all'insegna dell'innovazione e dello sviluppo tecnologico, ideando inediti percorsi specificamente dedicati ai settori di sviluppo più avanzati e costruendo promettenti collaborazioni tra Università e imprese. L’interdisciplinarietà, la ricerca d’avanguardia, ma anche le competenze e la qualità delle network nazionale e internazionale dei docenti dell’Università di Pisa, così come l’impegno profuso dalla governance e dalla amministrazione per raggiungere questo ambizioso traguardo, dimostrano la vitalità di questa comunità scientifica, così come la passione rivolta per il trasferimento dei saperi alla società e ai ricercatori del domani, all’insegna di un impegno civile che non deve mai venir meno. E a questo proposito ci fa piacere ricordare anche l’assegnazione della borsa alla memoria di Giulio Regeni destinata quest’anno a un progetto dedicato al costituzionalismo di genere trasformativo, per la costruzione di un nuovo modello di “caring citizenship” che si svolgerà tra Pisa, la Spagna, la Colombia e la Polonia".

Il bando per fare domanda sarà disponibile a partire dall’8 luglio, a questo link, e ulteriori borse potranno essere messe a bando anche in seguito.

  •  
  • 13 giugno 2022

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa