Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Guerra in Ucraina: l'Università di Pisa aderisce all'appello della CRUI

L'Ateneo è stato promotore della Rete delle Università per la Pace

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

L’Università di Pisa - il cui impegno per il rafforzamento del dialogo e della pace è testimoniato ed espresso anche dalla promozione della Rete delle Università per la Pace (www.runipace.org), nata su impulso del Rettore di Pisa e del Rettore di Brescia - aderisce alla posizione espressa dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane sulla guerra in Ucraina.

Per sostenere la richiesta di porre immediatamente fine al conflitto, sul balcone di Palazzo alla Giornata è stata esposta la bandiera della pace.

rettorato pace

Si riporta di seguito l’appello della CRUI.

-------------------------------------

Ucraina: per un’azione diplomatica forte

La CRUI, profondamente preoccupata da quanto sta avvenendo in Ucraina, animata dalla convinzione che l’attenzione alla costruzione e al consolidamento della pace con mezzi pacifici sia vocazione costitutiva dell’Accademia, certa che un’azione diplomatica forte e immediata, condotta in buona fede da tutte le parti, sia l’unica strada per affrontare la complessità del conflitto in corso:

  • si associa all’appello del Segretario generale delle Nazioni Unite del 23 febbraio sul rispetto dei principi della Carta delle Nazioni Unite, sulla necessità di stabilire il cessate il fuoco e di intraprendere la via del dialogo e del negoziato;
  • ribadisce con fermezza l’importanza della pace e del dialogo quali valori insostituibili per la convivenza fra i popoli e condanna ogni atto di violenza e di prevaricazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali;
  • esprime autentica solidarietà per le persone coinvolte e particolare vicinanza all’intera comunità accademica in Ucraina;
  • seguendo il corso degli eventi, valuta la possibilità di attivarsi per incoraggiare azioni concrete a beneficio e sostegno di colleghi e colleghe, nonché di studentesse e studenti, vittime della situazione, incluso il ritorno in Italia delle studentesse e degli studenti presenti nelle zone del conflitto.
  •  
  • 25 febbraio 2022

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa