Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Zanzara tigre: la difesa più efficace da tre piante di origine Nord africana

Lo studio pubblicato sulla rivista internazionale 'Parasitology Research'

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

zanzara_tigreDalla natura la difesa più efficace contro la zanzara tigre asiatica, Aedes albopictus. Si tratta di tre piante, mediterranee e tropicali, originarie del Nord Africa, da cui si possono ricavare oli essenziali eco-compatibili. E' questo il risultato di uno studio coordinato da Barbara Conti, ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agroambientali dell'Università di Pisa, e pubblicato su "Parasitology Research", rivista leader nel campo della parassitologia medico-veterinaria. Le tre specie vegetali sono il coriandolo (Coriandrum sativum), la ruta d'Aleppo (Ruta chalepensis) e la lamiacea Hyptis suaveolens.

La ricerca ha utilizzato gli oli essenziali di queste tre piante (alcune delle quali coltivate sperimentalmente all'Università di Pisa dal professor Mario Macchia, ordinario di Agronomia e Coltivazioni Erbacee) che sono stati estratti presso il Dipartimento di Farmacia e testati poi nei laboratori di Entomologia agraria. Gli oli utilizzati hanno mostrato, a parità di concentrazione, una repellenza di gran lunga superiore a quella del DEET, la sostanza di sintesi sinora ritenuta più efficace per proteggersi dalle punture delle zanzare tigre che però, secondo recenti studi può avere effetti tossici, soprattutto nei confronti dei bambini e degli anziani.

"Fin dall'antichità, in molte zone del mondo, le piante odorose che rilasciano nell'aria sostanze sgradite agli insetti sono impiegate come repellenti - ha spiegato Barbara Conti - e foglie di Hhyptis suaveolens, dall'odore gradevole e lievemente pungente, sono sempre state utilizzate dagli agricoltori dei paesi centro-africani per proteggere dagli insetti i raccolti immagazzinati dagli insetti, mentre le piantine di Ruta chalepensis in mazzetti essiccati vengono tuttora appese alle finestre nei paesi del Maghreb per evitare l'ingresso delle zanzare".

Ne hanno parlato:
Ansa.it - Ambiente & Energia
Ansa.it - Scienze e Medicina
IlMondo.it
Corriere.it
Asca.it - Agenzia stampa quotidiana nazionale
AdnKronos.it
Tgcom24
RepubblicaFirenze.it
Corrierefiorentino.it
TirrenoPisa.it 
NazionePisa.it
ToscanaOggi.it
Corriere fiorentino
Nazione Pisa
Tirreno Pisa
PisaInformaFlash.it
Valdelsa.net 

  •  
  • 6 maggio 2013

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa