Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Ateneo in lutto per la scomparsa del professor Pardini

Il ricordo degli amici, allievi e colleghi del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Cordoglio all’Università di Pisa per la scomparsa di Guido Pardini, professore di Apicoltura e Selvicoltura alla Facoltà di Agraria sino al 2001. Di seguito un ricordo degli amici, allievi e colleghi del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali.
---
Il 17 febbraio u.s., il professor Guido Pardini ci ha lasciato e ha lasciato un vuoto in tutti quelli che l’hanno conosciuto e stimato per le sue qualità professionali e umane.
Il professore Guido Pardini è nato ad Arena Metato nel 1931, laureatosi in Scienze agrarie, ha intrapreso la carriera di ricercatore e docente universitario presso l’Istituto di Agronomia e Coltivazioni erbacee dell’Università di Pisa (oggi Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali) che ha proseguito fino al suo pensionamento.
Per molti di noi, laureati in Agraria, è stato un punto di riferimento all’interno dell’Istituto perché in grado di unire conoscenza e esperienza e saperle saggiamente trasmettere a noi studenti e giovani ricercatori con semplicità e umiltà nonostante la sua levatura.

 

Guido_Pardini.jpg

 


Grazie a queste doti, il professor Pardini ha saputo trasmettere a molti giovani la passione per l’Agricoltura e l’amore per l’Ambiente. Occupandosi prevalentemente di Foraggicoltura e Agricoltura di montagna ha saputo vedere, forse molto prima di altri, l’indissolubile legame tra l’agricoltura, l’ambiente e la Società contadina.
Per questo dobbiamo ringraziarlo e ricordarlo con affetto.
Il professor Guido Pardini lascia il figlio Paolo e la moglie Paola con la quale viveva a Lugnano di Vicopisano.

Gli amici, allievi e colleghi del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali

  •  
  • 19 febbraio 2021

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa