Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Covid-19: farmaco anti-artrite può ridurre la mortalità negli anziani

ricerca clinica pisana al centro di una collaborazione internazionale

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Marco Falcone 2Un farmaco antinfiammatorio approvato per il trattamento dell’artrite reumatoide, il baricitinib, può essere efficace nel ridurre la mortalità e il rischio di intubazione in pazienti anziani con grave polmonite da SARS-Cov2. È questo il risultato di uno studio internazionale, che ha visto il gruppo clinico dell’Università di Pisa operante nell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana collaborare a questo importante risultato insieme ad istituzioni prestigiose quali Imperial College di Londra, Karolinska Institut di Stoccolma, Università di Oxford, Cambridge, Toronto, Vancouver, Albacete. L’articolo è stato pubblicato su Science Advances, rivista con impact factor pari a 13.1. 

“Abbiamo urgentemente bisogno di terapie efficaci in attesa del vaccino che sarà disponibile su larga scala solo in primavera – dichiara il professore Marco Falcone (nella foto), infettivologo, che insieme al professore Francesco Menichetti ha coordinato la ricerca con i colleghi inglesi e svedesi - e noi a Pisa stiamo profondendo ogni sforzo per identificare nuovi trattamenti realmente efficaci, tra cui appunto il baricitinib. È stato un algoritmo di intelligenza artificiale, che ha passato al setaccio migliaia di molecole – prosegue Falcone - a identificare per la prima volta il baricitinib come possibile opzione utile a interferire la risposta infiammatoria e la endocitosi virale (ingresso del virus nelle cellule umane) durante la malattia Covid-19. I colleghi dell’Imperial College, venuti a conoscenza della nostra esperienza clinica preliminare, ci hanno proposto uno studio collaborativo atto a verificare il meccanismo di azione del farmaco contro Covid-19 nei nostri pazienti”. 

La terapia con baricitinib è risultata associata a una riduzione del rischio di morte pari al 70% in un gruppo di pazienti con età mediana di 81 anni e polmonite grave da SARS-Cov2; inoltre lo studio ha anche dimostrato come il rischio di morte o di intubazione orotracheale è stato pari al 17% dei pazienti trattati rispetto al 35% dei pazienti non trattati. Lo studio ha anche analizzato l’attività del farmaco nei pazienti con Covid19 ricreando una miniatura degli organi umani in laboratorio, i cosiddetti organoidi. Tale modello sperimentale ha permesso di identificare due meccanismi di azione del farmaco: un primo meccanismo antinfiammatorio che riduce il rilascio di sostanze infiammatorie, chiamate citochine, che sono associate al danno polmonare acuto e alla sindrome da distress respiratorio dell’adulto (ARDS), e un secondo meccanismo di inibizione dell’endocitosi virale. 

“Si tratta di risultati preliminari – conclude il professore Falcone - che andranno confermati da studi randomizzati in corso. Ad esempio lo studio randomizzato Adaptive Covid Treatment Trial-2 avrebbe documentato un beneficio di baricitinib in pazienti con Covid19 ed è conluso, ma non è stato ancora pubblicato. Solo gli studi randomizzati permetteranno di avere certezze sulle terapie anti-Covid19. Siamo fortemente impegnati su varie sperimentazioni e coordinatori della sperimentazione nazionale Tsunami sul plasma iperimmune. Speriamo di potere avere a breve certezze su quali farmaci sono in grado di migliorare la prognosi di questa malattia”. 

Oltre al professore Falcone, al professore Menichetti e alla dottoressa Giusy Tiseo dell’Unità operativa di Malattie infettive, lo studio ha coinvolto tutti i responsabili del gruppo clinico Covid-19 dell’Aoup ovvero il professore Francesco Forfori, direttore dell'Unità operativa di Anestesia e rianimazione interdipartimentale, il professore Lorenzo Ghiadoni, direttore dell’Unità operativa di Medicina d’urgenza universitaria, la professoressa Laura Carrozzi, direttrice dell’Unità operativa di Pneumologia, il professore Agostino Virdis, direttore dell’Unità operativa di Medicina interna 2, il dottore Salvatore De Marco, direttore dell’Unità operativa di Medicina interna 5, il professore Fabio Monzani, direttore dell’Unità operativa di Geriatria e il professore Mauro Pistello, direttore dell’Unità operativa di Virologia. Ha anche collaborato allo studio il professore Alessio Farcomeni, ordinario di Statistica dell'Università di Roma Tor Vergata. (Fonte Ufficio Stampa AOUP)

Riferimento bibliografico del lavoro: Stebbing J, Sánchez Nievas G, Falcone M et al. JAK inhibition reduces SARS-CoV-2 liver infectivity and modulates inflammatory responses to reduce morbidity and mortality. Sci Adv. 2020 Nov 13:eabe4724. doi: 10.1126/sciadv.abe4724. Division of Infectious Diseases, Department of Clinical and Experimental Medicine, Pisa University (Italy)

  •  
  • 19 novembre 2020

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa