Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

L’Università di Pisa partecipa agli #ErasmusDays 2020 con il progetto European Law and Gender

Sul sito del progetto il video "HerStory" aperto a a interventi e comemnti

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus


Nell’ambito degli #ErasmusDays 2020, in programma dal 15 al 17 ottobre quest’anno prevalentemente online in tutta Europa, con eventi e iniziative aperte quali webinar, incontri virtuali, mostre fotografiche, giochi online e programmi radiofonici, anche l’Università di Pisa è presente con un evento organizzato da “European Law and Gender”, ELaN, modulo Jean Monnet del Dipartimento di Giuriprudenza. L’evento, pubblicizzato sul sito ufficiale delle giornate, si propone di sollecitare un confronto aperto sul tema dell’impatto di genere della pandemia, in particolare in Italia, attraverso le testimonianze di donne che raccontano le conseguenze del Covid-19 sul lavoro, sulla maternità, sulla salute, sulla vita quotidiana.

 

Screenshot_2020-10-16 #ErasmusDays 2020 - European Law Gender(1).png

Un momento del video


“Abbiamo raccolto voci rappresentative di alcune delle tante situazioni che da marzo ad oggi le donne italiane si trovano a sperimentare – spiega la prof.ssa Elettra Stradella, coordinatrice del progetto – per portarle sullo scenario europeo nelle giornate dedicate all’Erasmus +, in cui tutti i Paesi cercano di far conoscere l’innovazione e la crescita culturale che attraverso questo programma è possibile realizzare. In questi mesi con il nostro blog sul sito del progetto abbiamo contribuito al dibattito europeo sull’impatto di genere della diffusione del Covid-19, raccogliendo riflessioni giuridiche, sociologiche, narrazioni personali, e a settembre abbiamo partecipato all’organizzazione del primo convegno delle costituzionaliste italiane dedicato proprio a questo tema. Ora vogliamo aprire uno spazio libero di confronto a partire dal video “HERstory”, convinte che la ricerca e la riflessione scientifica sulle questioni di genere debba prendere le mosse sempre dalle donne, e dalle loro storie”.

  •  
  • 16 ottobre 2020

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa