Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

I Premi Nobel per la chimica intervistate in una ricerca pisana su "Donne e carriere scientifiche"

Le testimonianze fanno parte del progetto europeo TRIGGER coordinato dalla professoressa Rita Biancheri

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Pochi giorni fa è stato assegnato il Premio Nobel per lo sviluppo di un metodo per l'editing del genoma alla biochimica francese Emmanuelle Charpentier e alla chimica americana Jennifer A. Doudna, già vincitrici del Premio L’Oréal-Unesco "Per le donne e la scienza". Il prestigioso riconoscimento segna un importante passo in avanti che si sta facendo in tutte le direzioni per la valorizzazione dei talenti femminili nei gruppi di ricerca e conferma l’impegno per eliminare tutti gli ostacoli che tuttora ne impediscono l’ascesa nei luoghi decisionali.

I due Premi Nobel sono state intervistate in una ricerca su "Donne e carriere scientifiche" nell’ambito del progetto europeo TRIGGER del dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Pisa, coordinato dalla professoressa Rita Biancheri. Le interviste - realizzate per la tesi di dottorato di Francesca Pecori, in co-tutela internazionale tra l’Università di Pisa e L’Université Sorbonne Paris Cité, dal titolo: “Donne e scienza: Il premio L’Oréal. Un modello contemporaneo per promuovere la presenza femminile” - confermano che sono i luoghi dove si premia la meritocrazia a far emergere le loro capacità.

Nelle risposte che sono state raccolte emergono esperienze, criticità e suggerimenti aggiuntivi ma soprattutto i messaggi di incoraggiamento e le raccomandazioni a non demordere e a non lasciarsi abbattere dagli ostacoli che inevitabilmente si incontrano in una scienza ancora costruita al maschile. L’ammonimento principale è quello di essere consapevoli dei pregiudizi sessisti, ma ignorarli senza subirne i condizionamenti, mantenendosi focalizzate sui propri obiettivi, cogliendo ogni opportunità senza temere di esporsi.

nobel 

  •  
  • 12 ottobre 2020

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa