Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

3D bioprinting per migliorare la produzione in vitro di embrioni

Finanziato dall’Ateneo pisano, punta a rivoluzionare il paradigma della sostenibilità

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

L’efficacia delle terapie per la fertilizzazione in vitro è attualmente limitata dall’organizzazione bidimensionale delle colture cellulari che mal si adatta a strutture sferoidali come l’ovocita, il follicolo ovarico e l’embrione, riducendone le potenzialità di sviluppo. Uno studio pubblicato sulla rivista internazionale PLOS ONE ha sviluppato un innovativo approccio bioingegneristico, in cui cellule uovo di un modello animale sono state incapsulate in microsfere di idrogel mediante tecnologia bioprinting per ottenere strutture 3D per la coltura in vitro. 

uniba.jpg
La Dott.ssa Antonella Mastrorocco dell'Università di Bari, una delle ricercatrici del Dottorato in Genomica e Proteomica Funzionale e Applicata che ha condotto lo studio.

Il lavoro è coordinato dal gruppo di ricerca di Biotecnologie riproduttive del Dipartimento di Bioscienze Biotecnologie e Biofarmaceutica dell’Università di Bari, sotto la direzione della professoressa Maria Elena Dell’Aquila, in collaborazione con il Centro di Ricerca “Enrico Piaggio” dell’Università di Pisa (Prof. Arti Ahluwalia), il Dipartimento di Scienze Veterinarie  dell’Università di Pisa (Prof. Francesco Camillo) e il Dept. Clinical Sciences, Embryology, Anatomy and Physiology della Faculty of Veterinary Medicine alla Utrecht University (Prof. Bernard A.J. Roelen) e l'azienda IVTech, ex spin-off dell'Ateneo pisano.

La tecnologia di bioprinting ha migliorato la vitalità e il potenziale di sviluppo delle cellule uovo microincapsulate rispetto a quelle coltivate con i metodi convenzionali 2D. Lo studio interdisciplinare ha importanti applicazioni e ricadute nella produzione di embrioni in vitro sia per la procreazione medicalmente assistita, per l’industria delle produzioni animali, per la propagazione di specie a rischio di estinzione e per la valutazione del rischio da agenti chimici sulla fertilità femminile.

  •  
  • 24 settembre 2020

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa