Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

MEGA Materials, spin off dell’Ateneo, seconda nella sfida “AI & Robotics for climate Change”

La competizione faceva parte del Talent’s Tour promosso da Fondazione Mondo Digitale e Invitalia

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus
MEGA Materials srl, spin off dell’Università di Pisa con sede presso il Dipartimento di Fisica, si è aggiudicata il secondo posto nella sfida “AI & Robotics for climate Change” del Talent’s Tour promosso da Fondazione Mondo Digitale e Invitalia. Questa competizione, tappa pisana della RomeCup2020, si è tenuta qualche giorno fa al Polo Didattico Porta Nuova e ha visto la partecipazione di 8 team.
 
Il team di MEGA Materials, composto da Giovanni Cittadino e da Eugenio Damiano, ha presentato un progetto sull’aumento dell’efficienza delle celle fotovoltaiche bifacciali tramite conversione dello spettro solare. L’applicazione di opportuni materiali al di sotto della cella solare consente infatti di riconvertire parte della radiazione infrarossa, che andrebbe altrimenti persa, rendendola disponibile per la produzione di corrente.
 
2_classificati_-_megamaterials.jpg
 
La giuria era composta da Lucia Pallottino, Università di Pisa, Riccardo Costanzi, Università di Pisa, e Susanna Zuccarini, Invitalia. Il primo post è andato al team "Elements Works", composto da Michele Grassi e Alessandra Licciardello. Il progetto, che prevede una boa intelligente dotata di drone per analizzare gli ambienti meno accessibili, si propone di raccogliere e analizzare dati tramite intelligenza artificiale per la valutazione dei mari. Ecosostenibile e a basso costo, la boa NetH2o si inserisce in un mercato ancora inesplorato e dalle grandi potenzialità. Terzo classificato invece "Blue Eco Line", un team composto da Lorenzo Lubrano Lavadera, Michael Mugnai, Ferdinando Virdia. Il progetto verte su un sistema automatizzato che intercetta i rifiuti nel loro percorso lungo i fiumi, prima che essi entrino in mare. Il sistema, flessibile e a basso impatto ambientale e manutentivo può essere costruito sulle sponde dei corsi di acqua e integrato con i comuni sistemi di raccolta rifiuti. 
  •  
  • 20 febbraio 2020

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa