Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Il premio internazionale «Galileo Galilei» assegnato a Carlos Manuel Petit Calvo e Michele Guarneri

Il riconoscimento è stato consegnato nel corso di una cerimonia il 5 ottobre

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Carlos Petit Calvo e Michele Guarnieri sono i vincitori del premio internazionale «Galileo Galilei» 2019  promosso dai Rotary club italiani, uno dei riconoscimenti culturali più importanti d'Europa e punto di riferimento per la promozione della cultura italiana, che dal 2006 viene conferito anche a studiosi italiani che si siano distinti nelle scienze fisiche, mediche, geografiche, dell'ingegneria, della terra, chimiche, agrarie e biologiche.

Il 58mo premio Galilei è stato assegnato allo storico del diritto italiano Carlos Manuel Petit Calvo della giuria composta dal professor Marco Mancini (Presidente della Fondazione), Marco Cavina, Loredana Garlati, Bernardo Sordi Claudia Storti e Saverio Sani (Segretario del Premio). "La Giuria internazionale ha ritenuto il professor Carlos Petit Calvo, docente di Storia del diritto e delle istituzioni nell’Università di Huelva, pienamente meritevole del conferimento del premio per l’ampia, variegata produzione scientifica che ha abbracciato, nel corso di una lunga ed ininterrotta attività di ricerca, sia l’esperienza giuridica medievale sia l’esperienza moderna, con risultati che, in particolare per la storia del diritto commerciale , appaiono di sicura rilevanza internazionale ed unanimemente apprezzati"

Michele Guarnierii, co-founder e CEO alla HiBot Corporation  a Tokyo, è andato il premio per la scienza, giunto alla 14ma edizione dedicata alle scienze dell'Ingegneria, assegnato dalla giuria composta dai Professori Marco Mancini (Presidente della Fondazione), John-John Cabibhan, Dirk Leferber, Lorenzo Masia, Massimiliano Zecca e Saverio Sani (Segretario del Premio)

La Giuria internazionale ha apprezzato la sua straordinaria combinazione di qualità scientifiche, tecnologiche e umane. Il suo specifico impegno è focalizzato sullo sviluppo di soluzioni robotiche pratiche per ambienti estremi e pericolosi per l’essere umano. Alcune delle sue realizzazioni sono state utilizzate durante le operazioni di ricerca e salvataggio seguite allo tsunami che ha colpito il Giappone nel 2011.

La cerimonia di premiazione si è svolta sabato 5 ottobre nell'aula magna del palazzo della Sapienza alla presenza del rettore Paolo Mancarella e il presidente della Fondazione premio «Galileo Galilei» dei Rotary club italiani, Marco Mancini e l'assessore del Comune di Pisa, Massimo Dringoli.

Le foto della cerimonia

  •  
  • 7 ottobre 2019

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa