Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Il professor Luca Fanucci nominato 'Fellow' dell'IEEE

Il docente entra nella più grande associazione professionale internazionale per l’innovazione tecnologica a beneficio dell’umanità

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Il professor Luca Fanucci, ordinario di Elettronica al dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell'Università di Pisa, è stato nominato "Fellow" dell'Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE), l'associazione internazionale di professionisti impegnata a favore del progresso della tecnologia a beneficio dell'umanità. Il riconoscimento gli è stato consegnato nell’ambito della cerimonia di apertura della conferenza internazionale "DATE 2019 - Design, Automation and Test in Europe" che si è svolta alla Fortezza da Basso di Firenze dal 25 al 29 marzo.

fanucci1

 

Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato al professor Fanucci "per i suoi contributi allo sviluppo di sistemi elettronici integrati VLSI per network-on-chip”. In questo settore il professor Fanucci ha collaborato alla definizione delle architetture VLSI che hanno portato allo sviluppo del primo prototipo industriale di Network-on-Chip in collaborazione con l’azienda STMicroelectronics, leader del mercato dei semiconduttori con oltre 40.000 dipendenti e un fatturato di oltre 9 miliardi di dollari nel 2018. Questa infrastruttura di comunicazione, denominata STNoC, permette di connettere centinaia di componenti (processori, memorie e così via) all’interno dei moderni circuiti integrati System-on-Chip (SoC). L’azienda STMicroelectronics ha integrato la tecnologia STNoC nelle famiglie di circuiti integrati SoC ad alte prestazioni "Monaco" e "Cannes" dedicati al mercato dei set-top-box quali ad esempio i decoder satellitari SKY Q.

L'IEEE "Fellow" è conferito a una personalità con un eccellente primato di risultati provenienti da diverse aree scientifiche, che vanno dai sistemi aerospaziali all'ingegneria informatica, delle telecomunicazioni e biomedica, all'elettronica. Nel 2019 sono 295 i professionisti che nel mondo hanno ottenuto il riconoscimento. Attraverso gli oltre 400.000 membri in 160 paesi del mondo, l'IEEE promuove lo sviluppo della tecnologia per l'umanità e pubblica circa il 30% del materiale tecnico riguardante i diversi settori di interesse.

Il professor Fanucci si è laureato con lode in Ingegneria elettronica all'Università di Pisa nel 1992, sede in cui ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Ingegneria dell’Informazione nel 1996. In questi anni ha svolto attività di ricerca al Dipartimento dei Sistemi Elettrici dell'European Space Research and Technology Centre dell’Agenzia Spaziale Europea, con sede a Noordwijk in Olanda. Dal 1996 al 2004 è stato ricercatore del CNR al Centro Studi Metodi e Dispositivi di Radiotrasmissione di Pisa.
Dal 2004 è professore di Elettronica del dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, prima come associato e poi come ordinario, e dal 2013 è direttore del Laboratorio Nazionale AsTech (Assistive Technologies) del Consorzio interuniversitario nazionale per l’Informatica (CINI). Dal 2016 ricopre il ruolo di delegato del rettore per gli studenti disabili e con disturbi specifici di apprendimento (DSA).

Coautore di più di 450 pubblicazioni su riviste e conferenze internazionali, il professor Luca Fanucci ha come principali interessi di ricerca la progettazione di circuiti integrati e sistemi embedded con particolare riguardo alla progettazione a livello di sistema, alla coprogettazione hardware e software, al basso consumo di potenza e ai sistemi di interfaccia ed elaborazione sensori. Settori principali di applicazione sono le telecomunicazioni, i veicoli spaziali e terrestri, i sistemi medicali e gli ausili tecnologici per le persone disabili e per gli anziani. In questi ambiti ha contribuito alla nascita di start-up quali "SensorDynamics" (2003) e "IngeniArs" (2014), ed è co-autore di più di 50 brevetti e/o domande di brevetto nazionale e internazionale.

  •  
  • 11 aprile 2019

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa