Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Il secolo degli Stati Uniti

Aggiornata sino alla presidenza Trump la nuova edizione del volume di Arnaldo Testi

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

cover libro testiÈ il libreria la terza edizione di “Il secolo degli Stati Uniti” (Il Mulino), il libro di Arnaldo Testi, docente del Dipartimento di civiltà e forme del sapere. Il testo, adottato come manuale nei corsi di storia di molte università italiane, è ora aggiornato a comprendere tutta la presidenza Obama.

Pubblichiamo uno stralcio delle pagine conclusive.

********

Il risultato delle elezioni fu una sorpresa dell’ultimo minuto anche per il vincitore Donald Trump. Come previsto dai sondaggi, Hillary Clinton vinse alla grande il voto popolare nazionale, con 65,9 milioni di voti contro i 63 milioni dell’avversario, quasi 3 milioni in più. Ma perse nella conta dei voti elettorali negli stati, là dove era costituzionalmente importante e dove i sondaggi erano più ambigui.

Il modo in cui si divise l’elettorato non fu diverso da quello delle elezioni precedenti. Nei grandi numeri, le coalizioni che sostennero i due candidati e i due partiti continuarono a essere le stesse del 2008 e del 2012, quando a vincere erano stati i democratici; d’altra parte, i democratici erano tuttora maggioranza nel paese. L’attesa di un vero riallineamento elettorale fu di nuovo delusa.

Ci furono tuttavia degli spostamenti marginali che furono quelli decisivi. Si accentuò ulteriormente la polarizzazione politica, sociale, etnico-razziale e geografica degli elettori dei due partiti, la loro divaricazione ideologica, la loro avversione reciproca, persino, dicevano alcuni sondaggi, la loro estraneità personale. E ciò portò a una ulteriore accentuazione del voto bianco, maschile, protestante conservatore, di mezza età, non-urbano e in parecchi casi operaio a favore dei repubblicani.

Fu così che il voto parve l’estrema reazione razziale bianca alla presenza di un presidente nero. Otto anni dopo l’elezione di Obama, il suo successore non poteva essere più diverso da lui. Era in effetti la sua nemesi personale e politica.

 

  •  
  • 2 novembre 2017

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa