Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Studi sull’Unione europea, al via al dipartimento di Economia due nuovi corsi Jean Monnet

Co-finanziati nell’ambito dell'Erasmus+, promuovono l’eccellenza nella didattica e nella ricerca sull’Europa

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Sono iniziati al dipartimento di Economia e Management dell’Università di Pisa due nuovi corsi Jean Monnet, co-finanziati dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Erasmus+ e aperti a tutti gli studenti, docenti dell'Ateneo e ai soggetti interessati. I corsi Jean Monnet promuovono l’eccellenza nell’insegnamento e nella ricerca nel settore degli studi sull’Unione Europea in tutto il mondo, oltre al dialogo tra il mondo accademico e i decisori politici, in particolare allo scopo di rafforzare la governance delle politiche dell’UE.

dipartimento_economia900x600.jpg

Il primo dei due nuovi moduli Jean Monnet finanziati nel 2017 al dipartimento è "The Economics of European Regions: Theory, Empirics and Policy" (EERTEP), 9 CFU, per il quale il docente responsabile è Davide Fiaschi, professore ordinario di Politica economica. Il corso introduce gli studenti all’economia delle regioni europee guardando alla teoria economica, all’evoluzione della Politica Regionale Europea e al suo finanziamento, alla politica di tassazione e alla mobilità entro le regioni europee e alle sue potenzialità per ridurre le attuali disuguaglianze regionali. 

Il secondo modulo è “Labour Economics in an European Perspective” (LEEP) – 6 CFU, per il quale il docente responsabile è Lorenzo Corsini, ricercatore senior di Politica economica. Il corso intende fornire agli studenti una solida conoscenza nei temi dell'economia del lavoro teorica ed empirica. Queste conoscenze saranno applicate all'analisi del funzionamento dei mercati del lavoro e delle istituzioni del lavoro nei diversi paesi europei e a livello di Unione Europea. Alcuni aspetti particolarmente rilevanti nello scenario europeo riceveranno particolare attenzione: le politiche attive e passive per il lavoro, la mobilità dei lavoratori, i problemi di disuguaglianza ed esclusione sociale, il tema delle relazioni industriali e le loro conseguenze.

Presso il dipartimento di Economia e Management sono inoltre ancora attivi i corsi Jean Monnet, co-finanziati in anni precedenti. Il primo è una Cattedra Jean Monnet, co-finanziata nell’anno 2015, “European Local Indicators of Poverty and Living Conditions: traditional and new survey techniques in the era of data deluge and Big Data” (9CFU), la cui docente responsabile è Monica Pratesi, professore ordinario di Statistica. La cattedra promuove lo studio dei metodi statistici per la misura della povertà e delle condizioni di vita locali, al fine anche di monitorare le politiche economiche dell’Unione Europea. Sul corso sono mutuati gli insegnamenti “European Statistical System and Data Production Model” (6 CFU) che è parte integrante del nuovo curriculum “OS” della laurea magistrale in Economics, che ha recentemente ricevuto da parte della European Statistical System Committee la certificazione 'Certificate European Master in Official Statistics' e il corso “Poverty and Living Conditions Indicators” (3 CFU).

L’altro modulo Jean Monnet attivo, co-finanziato nell’anno 2014, è “Quantitative Methods for the Evaluation of European Regional Policies” (9 CFU), il cui docente responsabile è Davide Fiaschi, professore ordinario di Politica economica. L’obiettivo del modulo è studiare la politica a livello regionale dell’Unione Europea, utilizzando tecniche metodologiche, con particolare riferimento alla sua evoluzione, istituzione, meccanismi e finanziamenti.

  •  
  • 24 ottobre 2017

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa