Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

A Scienze della Terra inaugurata la Petroteca Dancala

Rocce e sezioni sottili sono state raccolte in Afar dalla spedizione italo-francese degli anni '60 e '70

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Il dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Pisa ha dedicato dei seminari e un'esposizione alle esplorazioni geologiche nella Regione degli Afar, nell'Etiopia nord-orientale, un vero laboratorio naturale per l'analisi dei processi di estensione e rottura dei continenti. Nota anche come Dancalia, questa regione è stata studiata, dal 1967 al 1974, da una celebre spedizione italo-francese guidata da Giorgio Marinelli, dell'Università di Pisa, e da Haroun Tazieff, del Centre National de la Recherche Scientifique (nella foto in basso: un'immagine della spedizione).

afar4

L'iniziativa è stata aperta venerdì 7 luglio nell'Aula C del dipartimento dai seminari tenuti, in mattinata, dal dottor Giacomo Corti, dell'Istituto di Geoscienze e Georisorse del CNR di Firenze, e dalla professoressa Carolina Pagli, del dipartimento pisano di Scienze della Terra; nel pomeriggio, dai professori Franco Barberi, già docente di Vulcanologia dello stesso dipartimento, ed Enrico Bonatti, dell'Istituto di Scienze marine del CNR di Bologna.

Sabato 8 luglio, alle ore 10,30, nella stessa sede del dipartimento si è tenuta l'inaugurazione della Petroteca Dancala, alla presenza del prorettore Marco Gesi, del direttore del dipartimento, Sergio Rocchi, e dei "giovani" geologi che parteciparono alle spedizioni degli anni '60 e '70 del secolo scorso, Franco Barberi, Jacques Varet e Roberto Santacroce. Insieme a loro, sono intervenuti gli studiosi Mauro Rosi, Franco Maranzana, Luca Lupi e Carolina Pagli.

petroteca1

La Petroteca Dancala è una collezione di oltre 2.000 campioni di roccia e oltre 9.000 sezioni sottili raccolte in Afar dai membri della collaborazione italo-francese. Conservato finora in condizioni precarie, tale patrimonio scientifico torna ora a essere visibile per iniziativa del dipartimento di Scienze della Terra e grazie al contributo della società Stratex, una multinazionale che si occupa di ricerca aurifera nell’area africana. Tutti i campioni, georeferenziati e rintracciabili, sono a disposizione della comunità scientifica internazionale per ricerche in collaborazione con l’Università di Pisa.

Nella foto in basso, da sinistra: Sergio Rocchi, Marco Gesi, Franco Barberi, Mangasha Seyoum, Mauro Rosi.

  •  
  • 10 luglio 2017

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa