Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

Studente a tempo parziale

Dall'anno accademico 2017/2018 sarà possibile per gli studenti dell’Università di Pisa, iscritti ad un corso di laurea, laurea magistrale a ciclo unico, o laurea magistrale, optare per un regime a tempo parziale, che prevede un percorso formativo articolato in un numero di anni superiore a quello della durata normale del corso di iscrizione.

Lo status di studente a tempo parziale viene mantenuto per un biennio, e l’eventuale rinnovo per gli anni accademici successivi è riconosciuto a domanda dell’interessato e sulla base della regolamentazione vigente all’atto della richiesta. L’iscrizione a tempo parziale comporta per lo studente l’impegno ad acquisire non più di 36 cfu per il primo anno e comunque fino a un totale di 60 CFU in due anni accademici.

Contribuzione dovuta

Lo studente a tempo parziale è tenuto al pagamento della tassa regionale e del 65% del contributo omnicomprensivo annualmente dovuto, calcolato in relazione alla fascia ISEE di appartenenza.

IMPORTANTE: lo studente che intenda richiedere l’iscrizione a tempo parziale è comunque tenuto ad iscriversi per l’anno accademico 2017/2018, mediante il pagamento della prima rata. Il contributo omicomprensivo dovuto sarà determinato con le rate successive alla prima. Qualora l’importo calcolato sia inferiore a quello pagato a titolo di prima rata, l’Università provvederà ad effettuare d’ufficio il rimborso della differenza.

Come e quando presentare la domanda

La domanda deve essere presentata dal 27 luglio al 2 ottobre 2017, collegandosi all’area riservata del sito http://tempoparziale.adm.unipi.it/ mediante le credenziali utilizzate per accedere al portale Alice.

Non possono presentare domanda gli studenti iscritti:

  • da un numero di anni superiore alla durata normale del corso;
  • ad un corso di studio ad accesso programmato a livello nazionale;
  • a master o dottorati;
  • soggetti a sanzioni disciplinari.

Quali documenti e dati sono necessari

La procedura on line prevede l’inserimento obbligatorio dei dati relativi all’attestazione ISEE e dell’upload della stessa.

Nel caso in cui, all’atto di presentazione della domanda, non si disponga dell’attestazione ISEE è sufficiente inserire la data e il protocollo della Dichiarazione Sostitutiva Unica.
Qualora la Dichiarazione Sostitutiva Unica o l’attestazione ISEE non si riferiscano alle prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario, lo studente viene collocato in coda alla graduatoria.
E’ altresì necessario l’upload di idonea documentazione giustificativa da parte degli studenti che:

  • svolgano attività lavorativa, riferita ad un contratto in essere alla data di scadenza della presentazione della domanda;
  • svolgano servizio civile volontario;
  • siano impegnati nella cura e assistenza di familiari non autosufficienti;
  • abbiano problemi personali di salute o di invalidità (certificati da strutture sanitarie pubbliche);
  • si trovino in stato di gravidanza o maternità/paternità relativa a figli fino all’età di 8 anni;
  • svolgano attività sportive di alto livello, secondo quanto previsto dal protocollo sottoscritto dal MIUR, CONI, CRUI, CIP, CUS e ANDISU;
  • siano iscritti a istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica riconosciuti dal MIUR.

Modalità di formulazione della graduatoria

Il numero di studenti ai quali viene riconosciuto il beneficio è determinato sulla base del minor introito collegato alla riduzione della contribuzione riconosciuta ai richiedenti e fino ad esaurimento delle risorse disponibili previste in bilancio dal Consiglio di Amministrazione (€ 1.000.000).

La graduatoria è formulata sulla base dell’ordine decrescente dell’ISEE, dando priorità agli studenti che presentino la domanda per uno dei motivi sopra riportati.
In caso di parità, prevale il più giovane d’età.


Pubblicazione della graduatoria

Le domande sono state tutte accolte.


Situazioni di incompatibilità

Rappresentano situazioni di incompatibilità con lo status di studente a tempo parziale:

  • risultare vincitori, o essere dichiarati idonei, della borsa di studio DSU;
  • titolarità di una collaborazione part time con l’ateneo e/o di assegni finalizzati all’incentivazione delle attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero (Legge 170/2003);
  • partecipazione a programmi di scambi internazionali (Erasmus).

Perdita dello status di studente a tempo parziale

Lo studente a tempo parziale passa automaticamente al tempo pieno ed è tenuto a corrispondere la differenza della contribuzione e € 200,00 a titolo di sanzione amministrativa, al verificarsi dei seguenti casi:

  • mancato rispetto dei limiti massimi di crediti da acquisire;
  • rinuncia agli studi dopo la scadenza dell’ultima rata o decadenza al termine del primo anno del biennio;
  • partecipazione a programmi di scambi internazionali (Erasmus);
  • conseguimento del titolo entro il primo anno accademico del biennio per il quale è stato riconosciuto lo status di studente a tempo parziale.
 

Informazioni a cura di: 

Direzione Servizi per la Didattica e l'Internazionalizzazione
largo Bruno Pontecorvo n. 3 - Pisa
tel. 800-018600 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ultima modifica: Ven 13 Ott 2017 - 09:24

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa