Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

La medicina narrativa come strumento di cura del paziente

Seminario e laboratorio

data 12 Luglio 2019 09:00  |  luogo Ospedale Santa Chiara Via Bonanno Pisano, 10, 56126 Pisa PI
  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

LOCANDINA 12LUGLIOVenerdì 12 luglio, alle ore 9,00, presso l'Ospedale Santa Chiara, Edificio 8, Aula CM1, piano terra, avrà luogo il seminario "La medicina narrativa come strumento di cura del paziente".

Il seminario intende affrontare l’importante tema della care nell’ambito più ampio delle Medical Humanities, attraverso un approccio multidisciplinare e comparativo. In particolare oltre agli approcci teorici, nelle diverse prospettive disciplinari, il pomeriggio sarà dedicato non solo all’utilizzo nella pratica clinica dello strumento narrativo ma anche all’empowerment dei medici e degli operatori sanitari, al fine di favorire la relazionalità e la comunicazione tra i diversi soggetti e riconoscere il valore della collaborazione interprofessionale.
L’obiettivo è quello di proporre, in una cornice più complessa rispetto all’ambito strettamente bio-medico, una riflessione che renda applicabili i presupposti di qualità della vita e di promozione della salute che l’OMS, già nel 1948, aveva ben esplicitati nella definizione di salute come benessere bio-psico-sociale.

Programma

Ore 9:00: Saluti e interventi istituzionali

Mario Petrini, Direttore della Scuola di Medicina
Silvia Briani, Direttrice generale AOU Pisana Mojgan Azadegan, Responsabile Centro Regionale per la Salute e la Medicina di Genere Regione Toscana

Ore 9:30 Inizio lavori.

Coordinatori: Stefano Taddei, Università di Pisa - AOUP, Michele Emdin, Cardiologia Scuola Superiore Sant’Anna- FTGM

Relazione introduttiva:

Roberto Poma, La medicina narrativa nella formazione dei medici: l’esperienza francese.

Interventi:

Alberto Pirni, Filosofia morale - Scuola Superiore Sant’Anna, Il senso prima della salute. L’identità narrativa come orizzonte dell’umano.

Manuela Roncella, AOU pisana, Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle nuove tecnologie in Medicina e Chirurgia Università di Pisa, Le cose non dette. L’esperienza del Centro senologico.

Lorenzo Ghiadoni, Dipartimento di medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa
Le narrazioni per la diagnosi e la cura delle malattie cardiovascolari. Un percorso di appropriatezza.

Fabrizio Gemmi, Francesca Ierardi, Agenzia Regionale di Sanità della Toscana
Dalle narrazioni agli esiti individuali e aggregati.

Gianfranco Pecchinenda, Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II
Noi e le nostre storie: il contributo della sociologia alla medicina narrativa.

Rita Biancheri, Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa
Narrare la malattia per costruire la salute.

Presentazione del libro di Rita Charon Medicina narrativa. Onorare le storie dei pazienti (Raffaello Cortina Editore, Milano, 2019) con la curatrice Micaela Donatella Castiglioni e il traduttore Christian Delorenzo

Pranzo di lavoro.

Ore 14:30-17:30 Laboratorio di medicina narrativa

 

 

Info e Contatti:
Francesca Pecori francesca.pecori@gmail.com

Allegati:

2019-07-12 09:00:00
2019-07-12 18:00:00

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa