Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Pisa e Marrakesh, più vicine le due sponde del Mediterraneo

Una delegazione dell’ateneo marocchino ospite di una tavola rotonda per discutere di progetti di scambio culturale con l'Ateneo pisano

[English version]

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

un momento della tavola rotondaÈ stata la prima tappa di un percorso di collaborazione tra l’Università di Pisa e l’Université Qadi Ayyad di Marrakesh che darà vita a scambi e trasmissioni di sapere all’interno della comunità scientifica euro-mediterranea: la tavola rotonda “La circolazione del sapere nel Mediterraneo tra passato e presente”, che ha avuto come protagonista una delegazione dal Marocco ospitata nel mese di aprile dalla facoltà di Lettere e filosofia di Pisa, ha lanciato un modello di interazione di alto livello fra la sponda nord e sud del Mediterraneo.

Il progetto, unico in Italia e raro in Europa, consentirà a studenti, ricercatori e professori di trascorrere periodi e seguire corsi nelle due università, favorendo le ricerche sul campo nelle due direzioni, e soprattutto avvalendosi delle competenze complementari presenti nelle due istituzioni.

La delegazione dal Marocco, guidata dalla preside della Faculté des Lettres dell’Université Qadi Ayyad di Marrakesh, Ouidad Tebbaa, e composta dai professori Abdeljalil Hanouche, Abdelati Banouar e Thami Dardari, è stata accolta dal prorettore vicario, Nicoletta De Francesco, e dal prorettore per l’Internazionalizzazione, Alessandra Guidi. Poiché la complementarietà è particolarmente evidente nel campo delle scienze umane, l’iniziativa è stata assunta dalla facoltà di Lettere e fortemente voluta dal suo preside, Alfonso Maurizio Iacono, e da Gianfranco Fioravanti, direttore del centro interuniversitario “Incontro di culture” (http://www.gral.unipi.it).

Ricercatori e studenti di Marrakesh che desiderano aprirsi al greco, al latino, alla letteratura italiana e alla filosofia, ricercatori e studenti pisani che desiderano aprirsi all’arabo classico, alla sua poesia e letteratura potranno iniziare un programma di scambio. Ma il progetto pilota non si ferma qui: le iniziative comuni potranno interessare le scienze della natura, le scienze sociali e giuridiche, il turismo culturale.

Riannodando con le vie della circolazione del sapere nel passato, l’Università di Pisa è oggi teatro di un progetto pilota, nel quale non sono soltanto i saperi scientifici a venire condivisi – come già accade in numerosi accordi fra università di paesi mediterranei – ma anche le scienze umane. Il greco, il latino, l’arabo classico affiancano le scienze della natura e della società nella ricerca di una comunicazione sempre più sistematica e diretta delle acquisizioni dei ricercatori e delle esperienze degli insegnanti.

  •  
  • 4 aprile 2011

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa