Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Musei dell'Università: quasi 190 mila i visitatori del 2018

Le presenze sono cresciute di circa il 25% rispetto all'anno precedente

  • Condividi l'articolo su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su Google Plus

Sono state 188.411 le persone che hanno visitato i musei dell'Università di Pisa durante il 2018, con una crescita di circa il 25% rispetto al dato dell'anno precedente, quando i visitatori erano stati poco più di 150.000. Il Museo di Storia Naturale di Calci si conferma la punta di diamante, con i suoi 71.033 visitatori e un aumento del 30% delle presenze, ma anche le altre realtà museali sono sempre di più conosciute e apprezzate dalla cittadinanza e dai turisti, a partire dall’Orto e Museo Botanico che, con 61.929 presenze, ha migliorato ulteriormente le cifre lusinghiere del 2017. I musei del centro storico hanno visto crescere il numero dei propri visitatori da 96.705 a 117.378, con un incremento medio del 21%, che diventa del 100% nel caso del Museo di Anatomia Patologica e del 40% nel caso del Museo della Grafica. Significativo è anche il risultato raggiunto dal Museo degli Strumenti di Fisica, costituito di recente, che insieme alla Ludoteca Scientifica ha chiuso il 2018 con più di 10.000 visitatori.

calci1

La crescente capacità attrattiva del Sistema Museale d'Ateneo (SMA) nel suo complesso è frutto dell'attività di promozione e valorizzazione delle collezioni, fortemente voluta dall’Università, e del fitto calendario di laboratori didattici ed eventi dedicati a differenti fasce di pubblico.

"I dati relativi al 2018 - ha commentato le professoressa Chiara Bodei, presidentessa dello SMA - ci riempiono di soddisfazione e sono da stimolo per l'anno appena iniziato. L'Università si è posta l'obiettivo di far conoscere e di rendere sempre più fruibili le collezioni appartenenti al suo Sistema Museale, rendendole punto di riferimento vivo e costante per tutta la cittadinanza e non solo per la parte accademica. Anche per il 2019 sono dunque in programma esposizioni, eventi e momenti di condivisione culturale che spero possano confermare e migliorare ancora il trend positivo registrato nell'ultimo anno".

  •  
  • 22 gennaio 2019

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa