Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

INGEGNERIA STRUTTURALE E EDILE

Corso di laurea magistrale

Sbocchi professionali


Il laureato magistrale in Ingegneria Strutturale e Edile è un tecnico altamente specializzato in grado di ideare, pianificare, progettare, realizzare e dirigere sistemi, organismi, processi complessi e innovativi nell’ambito delle costruzioni civili e dei sistemi edilizi, con approccio interdisciplinare. I principali sbocchi professionali per i laureati nel Corso di Laurea Magistrale interclasse in Ingegneria Strutturale e Edile sono: da un lato quelli dell’innovazione e dello sviluppo della produzione, della progettazione avanzata, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi complessi; dall’altro lato quelli della progettazione, attraverso gli strumenti propri dell’ingegneria dei sistemi edilizi, con padronanza delle operazioni di costruzione, trasformazione e modificazione dell’ambiente fisico e dell’ambiente costruito, con piena conoscenza degli aspetti distributivi, funzionali, strutturali, impiantistici, tecnico-costruttivi, gestionali, economici ed ambientali. I laureati magistrali potranno svolgere, oltre alla libera professione, funzioni di elevata responsabilità in studi professionali e società di progettazione, imprese di costruzione, istituzioni ed enti pubblici e privati, ai fini della predisposizione di progetti di opere civili ed edili, impianti e infrastrutture e la relativa realizzazione con il coordinamento, ove necessario, di altri operatori del settore. La nuova classificazione delle professioni CP2011 adottata dall’ISTAT in base all’International Standard Classification of Occupations (ISCO08) ed alla Nomenclatura e Classificazione delle Unità Professionali (NUP06), costruita in partnership istituzionale con l’Isfol, fornisce uno strumento per ricondurre tutte le professioni esistenti nel mercato del lavoro all’interno di raggruppamenti professionali, da utilizzare per comunicare, diffondere e scambiare dati statistici e amministrativi sulle professioni, comparabili a livello internazionale. In base a tale classificazione la figura professionale formata in uscita è inquadrabile nella Classe 2-Professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione, ed in particolare: 2.2.1-Ingegneri e professioni assimilate, 2.2.1.6-Ingegneri civili e professioni assimilate, 2.2.1.6.1-Ingegneri edili e ambientali (esempi di professioni: ingegnere civile, ingegnere edile). Il laureato magistrale potrà, al termine del percorso di studi, accedere al mondo del lavoro con la qualifica di Ingegnere Senior ed iscriversi in un apposito Albo professionale tenuto, a livello provinciale, dall’Ordine degli Ingegneri, nelle forme previste dall’attuale legislazione nazionale.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa