Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

DIRITTO DELL'IMPRESA, DEL LAVORO E DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Corso di laurea

Sbocchi professionali


I quattro curricula descrivono già, con evidenza, gli sbocchi professionali aperti al laureato in Diritto dell'Impresa, del Lavoro e della Pubblica Amministrazione. Giurista d’Impresa Si tratta di una figura professionale destinata ad operare nei settori in continua espansione del diritto dell’economia (attività d’impresa, servizi assicurativi e creditizi, gestione dell’intermediazione dei valori mobiliari). Il giurista d’impresa è un giurista-manager, capace di organizzare e dirigere i servizi e le attività aziendali (esercitando una funzione gestionale e direttiva) e di fornire una preziosa consulenza nell’interpretazione e applicazione delle regole di governo dell’economia (funzione consultiva). Consulente del Lavoro Possiede un’approfondita conoscenza del settore gius-lavoristico e delle problematiche ad esso connesse. L’attività del consulente del lavoro, che può essere esercitata previa iscrizione al relativo albo professionale, risulta particolarmente variegata (adempimenti previdenziali e tributari, organizzazione del personale, relazioni e negoziazione sindacale, controllo degli adempimenti per la sicurezza e l’igiene sul lavoro, etc.) e si sostanzia in un’opera di consulenza giuridica assai complessa, che può comprendere anche profili di gestione finanziario-contabile. Giurista della Pubblica Amministrazione La formazione prevista consente, a seguito del superamento di un concorso pubblico, l’accesso agli uffici della Amministrazione centrale e degli Enti locali. Il curriculum prepara un giurista in grado di redigere atti amministrativi, di svolgere compiti di gestione e di organizzazione, di fornire attività di supporto per gli eventuali contenziosi amministrativi. Operatore Giudiziario e dei servizi sociali Il curriculum in questione mira alla formazione del personale appartenente all’amministrazione giudiziaria, all’amministrazione penitenziaria e all’amministrazione della giustizia minorile. Le carriere aperte all’operatore giudiziario, a seguito del superamento di un concorso pubblico, si inseriscono all’interno degli organismi giurisdizionali e si concretano in compiti di collaborazione all’attività di questi ultimi (assistenza in udienza, adempimenti normativi, gestione amministrativa delle pratiche giudiziarie etc.); in ambito privato, le carriere prevedono attività di collaborazione negli studi legali. Le professioni legate ai servizi sociali prevedono competenze nell’ambito dei servizi di prevenzione, di pubblica sicurezza e del sistema penitenziario, con peculiare riguardo alla prevenzione della criminalità minorile, del recupero dei minori autori di illeciti penali e all’integrazione degli stranieri extra-comunitari.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa