Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

SOCIOLOGIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SOCIALI

Corso di laurea magistrale

Piano di Studi


Curricula:


LM 87 Servizio sociale e politiche sociali

Primo anno

  • Sociologia urbana (6 cfu)

    • Gli studenti saranno in grado di capire e descrivere il contributo della teoria sociologica classica e contemporanea negli studi urbani

      Saranno in grado di identificare i principali fenomeni urbani, analizzarne le cause e le conseguenze

      Saranno in grado di applicare i principali metodi e le tecniche della ricerca empirica per lo studio dei fenomeni urbani e territoriali.

  • UDF Diritto regionale e degli enti locali e Diritto di famiglia (12 cfu)

    • Modulo di Diritto regionale e degli enti locali. Il corso mira ad approfondire le tematiche relative al sistema delle autonomie regionali e locali nell’ordinamento italiano.
      In particolare verranno delineati i modelli di uno Stato unitario, federale e regionale. Si procederà all’analisi della forma di governo delle Regioni, della loro organizzazione e della loro autonomia amministrativa e finanziaria. Verranno approfondite le modalità e i contenuti della relazioni con il governo centrale, da un lato, e con gli enti locali dall’altro. In riferimento a questi ultimi, il corso approfondirà l’evoluzione del sistema delle autonomie e l’attuale assetto. In particolare verrà approfondita l’organizzazione istituzionale ed amministrativa, le forme di autonomia (statutaria, regolamentare e finanziaria), le funzioni, i servizi offerti e le forme di controllo.
      Modulo di Diritto di famiglia. Il modulo seleziona i temi del diritto di famiglia più idonei alla preparazione professionale dell’assistente sociale specializzato. Esso mira a far sì che l’assistente sociale acquisisca le nozioni necessarie per intervenire nei conflitti e nelle situazioni di disagio familiare.

  • Sociologia dell'organizzazione (9 cfu)

    • Lo studente che completa con successo il corso potrà mostrare una solida conoscenza su principali presupposti e approcci teorici e di ricerca nell'ambito della disciplina, oltre che un approfondimento su alcuni contenuti e oggetti specifici. In particolare, dovrebbe sviluppare adeguate conoscenze in termini di:
      - principali presupposti teorici dello studio dei processi economici, del lavoro e delle organizzazioni
      - presupposti essenziali di sociologia economica ed ecologia, e approcci multidisciplinari allo studio del lavoro e delle organizzazioni
      - principali oggetti di studio della disciplina: lavoro, organizzazione e società; globalizzazione e trasformazione dei processi produttivi; politiche del lavoro, regolazione e conflitti; genere, diseguaglianze ed esclusione; identità e vita lavorativa; razionalità ed emozione.
      - alcuni approfondimenti in riferimento a:
      1. trasformazioni, orientamenti e implicazioni riferite a globalizzazione, cambiamenti tecnologici, mercati del lavoro, organizzazione del lavoro, pratiche manageriali e rapporti di lavoro;
      2. trasformazione delle forme e dei modelli di diseguaglianza nelle società moderne, delle esperienze di individui e famiglie tra vita e vita lavorativa;
      3. sfide e resistenze dei lavoratori e modi in cui contribuiscono alla costruzione sociale ed economica delle forme e istituzioni del lavoro
      4. il lavoro nelle organizzazioni di welfare e nonprofit
      5. welfare, lavoro, comparazione tra modelli di occupazione e disoccupazione

  • Sociologia delle migrazioni e del cosviluppo (6 cfu)

    • Rassegna storico-critica delle teorie migratorie ed analisi delle fenomenologie empiriche che connettono le migrazioni internazionali con lo sviluppo socio-economico delle aree di origine e di destinazione dei flussi
  • Economia Pubblica (6 cfu)

    • Al termine dell'insegnamento, lo studente sarà in grado di intrepretare da un punto di vista economico il funzionamento dello Stato sociale e la più in generale le dinamiche della gestione pubblica dell'economia. In particolare, lo studente sarà in grado di analizzare sulla base della metodologia propria della scienza economica il comportamento politico dei cittadini/agenti economici, i meccanismi d'azione delle amministrazioni e burocrazie e i fenomenti degenerativi ad esse collegati, nonché la ragion d'essere e le più recenti evoluzioni del Welfare State, con specifico riferimento a programmi di spesa quali la sicurezza sociale, la sanità e l'istruzione.
  • Metodologia della ricerca sociale (6 cfu)

    • Gli studenti che frequenteranno il corso acquisiranno competenze specifiche nella raccolta, analisi e interpretazione dei dati empirici sul campo, anche mediante l’uso di specifici pacchetti software; queste competenze verranno acquisite sia nel campo dei metodi quantitativi sia in quello dei metodi qualitativi.
  • Storia del pensiero politico e sociale contemporaneo (6 cfu)

    • Il corso si propone di ricostruire storia e cultura del welfare state e, in particolare, l’evolversi del concetto di cittadinanza (diritti civili, politici e sociali) nel contesto europeo. Alla fine del corso lo studente padroneggia gli strumenti concettuali necessari per comprendere la costruzione dello stato sociale in Europa; è in grado di comparare i principali modelli di welfare e di comprendere i fondamenti teorici e normativi dello stato sociale.
  • Psicologia dei gruppi (9 cfu)

    • Il corso è destinato alla comprensione di temi fondanti la psicologia delle convivenze in gruppo nella comunità. Per gruppi sociali e le Istituzioni che li costituiscono si acquisiranno conoscenze e competenze specifiche di analisi destinate alla progettazione di interventi nel campo delle politiche, dei servizi sociali e dei sistemi relazionali. Con questi scopi, la lettura delle dinamiche interattive degli individui nei gruppi, per esempio, "primari" (famiglia) verra acquisita anche in relazione a condizioni di riconoscibilità delle maggiori e più frequenti problematiche e patologie relazionali/clinico-sociali. Lo studente sarà in grado di estendere l'analisi delle dinamiche di gruppo anche nei contesti (più "delimitati") di lavoro, anche sotto condizioni di criticità legate alla dimensione del Benessere psicosociale. Durante il corso acquisirà skills sulla ricerca di soluzioni pratiche attraverso una prospettazione delle più accreditate tecniche di gestione dei piccoli e grandi gruppi. Un focus in particolare sarà destinato a processi gestionali che prevedano azioni in équipe destinate all'empowerment delle convivenze, nei gruppi, di soggetti "fragili" (diversabili, etc.).
  • Secondo anno

  • Tirocinio (12 cfu)

    • Il tirocinio è orientato a far compiere allo studente esperienze significativenella gestione di casi complessi nel servizio sociale, che implichino l’acquisizione di competenze nell’ambito del problem solving, della progettazione di interventi sociali e nella loro valutazione sia in contesti istituzionali pubblici che ne terzo settore.
  • Prova finale (21 cfu)

    • Lavoro di ricerca svolto sotto la guida di un docente relatore.
  • Programmazione e valutazione dei servizi sociali (6 cfu)

    • Gli studenti che frequenteranno il corso acquisiranno le competenze necessarie per progettare gli interventi sociali sul territorio in qualità di responsabili dei servizi pubblici e sociali; tali competenze prevedono la capacità di leggere i bisogni di un territorio e di coordinare le risorse in esso presenti al fine di operare per la loro soddisfazione. Inoltre gli studenti acquisiranno capacità di analisi degli interventi operati, verificarne l’efficacia e l’efficienza mediante la costruzione di indicatori quantitativi e qualitativi coerenti.
  • Management dei servizi sociali (6 cfu)

    • Gli studenti che frequenteranno il corso acquisiranno le competenze necessarie a gestire un servizio sociale, del coordinamento delle risorse interne e delle risorse esterne. Tali competenze prevedono la capacità di leggere problemi complessi interni alle strutture pubbliche e a progettare processi di problem solving adeguati.
  • 9 cfu a scelta nel gruppo GR2 Attività a libera scelta

    • Comporre liberamente i crediti formativi fino al totale dei crediti, nell'ambito delle attività formative di II livello proposte dal Dipartimento
    • Sociologia della Leadership (6 cfu)

      • Il corso è orientato all'esame dei processi di personalizzazione della politica e di personalizzazione della leadership di vertice, con un inquadramento sociologico nell'ambito del tema del rapporto tra leadership e democrazia. Si tratta di analizzare il tema della leadership come relazione sociale fra leader, follower e contesto sociale, istituzionale e culturale. Un'attenzione particolare è posta al tema della leadership carismatica, partendo dall'analisi weberiana fino agli sviluppi teorici e di ricerca più recenti. Il corso prevede anche una parte in cui si affronta il tema della leadership a partire dalla ricostruzione di casi storici di particolare interesse.
    • Teoria sociologica (6 cfu)

      • Alla fine del semestre gli studenti potranno: - comprendere i concetti teorici di alcuni dei pensatori più importanti della teoria sociologica moderna e contemporanea - fare connessioni tra la teoria sociologica classica e contemporanea - acquisire comprensione delle circostanze storiche in cui queste teorie sono emerse - comprendere similitudini e differenze tra le prospettive dei diversi pensatori - identificare punti deboli e punti forti nelle varie teorie - discutere i problemi sociali e culturali contemporanei alla luce delle teorie apprese durante il corso
    • Laboratorio di analisi dati 1 (3 cfu)

      • Apprendimento e sperimentazione delle tecniche di analisi statistica elementare e multivariata attraverso il software R
    • Laboratorio di analisi quantitativa dei dati 2 (3 cfu)

      • Introduzione agli open data della pubblica amministrazione e sperimentazione del loro possibile uso con finalità conoscitive per la programmazione e la valutazione delle politiche locali
    • Sociologia dei processi partecipativi (6 cfu)

      • Fornire una conoscenza di base sulla partecipazione, con particolare riferimento alla partecipazione socio-politica odierna in alcuni suoi aspetti salienti: dai conflitti ambientali all’innovazione del welfare, dalla crisi delle istituzioni democratiche ai processi di governance, dalla democrazia partecipativa e deliberativa alle nuove mobilitazioni sociali
    • Colloqui di Teoria Sociale (3 cfu)

      • Il modello del ciclo seminariale è quello del "Kolloquium" di ricerca secondo la prassi delle università tedesche. Nel suo contesto intervengono vari relatori (docenti strutturati, dottorandi, studenti della laurea specialistica, ospiti stranieri o di altri dipartimenti, cultori della materia), i quali espongono le ricerche in corso – in prevalenza tematiche innovative e inedite – che necessitano di discussione e di "messa a punto". La struttura del colloquio (un minimo di sei incontri al semestre, con periodicità bisettimanale) in genere tende a non superare i 30/45 minuti di relazione, seguita da discussione. L’obiettivo è la creazione di uno spazio dove soprattutto giovani studenti e ricercatori possano avere la possibilità di discutere con docenti più esperti temi di interesse nell’ambito delle correnti classiche e contemporanee della teoria sociale. Lo studente imparerà a “vedere” (secondo l’etimologia di theorein) i fenomeni sociali e a formulare ipotesi di ricerca secondo le prospettive teoriche discusse.
    • Controllo sociale, globalizzazione e mobilità (6 cfu)

      • Il corso si prefigge l’obiettivo di affrontare la tematica del controllo sociale nell’era della globalizzazione. Migranti, rifugiati, entrano nello spazio territoriale italiano, a seguito di processi politici ed economici globali. Il panico morale suscitato da un mutamento sostanziale innescato dalla globalizzazione, sfocia nella richiesta di politiche contenitive e repressive dei fenomeni. Ne conseguono l’ipertrofia carceraria e la creazione di spazi di sospensione del diritto, come Cie ed hotspot. Obiettivo del corso è di analizzare questi processi e formare gli studenti all’elaborazione di buone prassi che promuovano politiche di inclusione sociale.
    • Social Media Analysis (6 cfu)

      • Il corso si propone di offrire le basi della ricerca attraverso i social media, fornendo concetti fondamentali su teoria dei social media, metodi di raccolta e analisi dei dati. La prima parte sarà dedicata alla teoria e ai metodi di ricerca attraverso la presentazione dei più recenti studi e tecniche di analisi. La seconda parte si concentrerà sui metodi per la raccolta di dati dai social media e sulle metodologie per l’analisi. Gli studenti acquisiranno conoscenze su come acquisire e analizzare le conversazioni che hanno luogo nei social media.
  • 6 cfu a scelta nel gruppo GR1 Insegnamenti affini curriculum Servizio sociale e politiche sociali

    • Scegliere una delle attività proposte.
    • Psicologia del lavoro e delle organizzazioni (6 cfu)

      • Il corso è destinato alla comprensione di temi avanzati e di snodo nell'ambito della psicologia sociale del lavoro e delle organizzazioni. Lo studente sarò in grado di acquisire e padroneggiare le principali tecniche di recruting e selezione, condurre un'analisi del clima organizzativo finalizzata all'analisi dei fabbisogni di formazione in ambiti specifici, operare azioni di valutazione “interna” ed “esterna”, di orientamento professionale e pianificare la progettazione e l'erogazione di attività formative e di programmi di "empowerment" su singoli soggetti e gruppi, in ambito organizzativo e di comunità, monitorandone gli esiti per la riprogettazione. o Tra le competenze e conoscenze si avvieranno quelle del coordinamento di équipe di lavoro per l'intervento organizzativo e di comunità (anche in collaborazione con lo psicologo) in ambito orientamento e di "counseling sociale". Competenze specifiche verteranno anche sulla valutazione dei rischi psicosociali, progettando e monitorando interventi di ergonomia di correzione.
    • Storia delle istituzioni politiche e sociali (6 cfu)

      • Il corso prenderà in esame, con una analisi storica di lungo periodo, la nascita e lo sviluppo delle politiche sociali dall’età moderna ad oggi, dal percorsi di filantropismo alla professionalizzazione. L’obiettivo è quello di dotare gli studenti degli strumenti interpretativi e analitici necessari a comprendere le specificità culturali e politiche dei differenti modelli di welfare, e delle loro caratteristiche.
    • Società, politica e religione nell’Islam (6 cfu)

      • La nuova ondata di globalizzazione e mondializzazione ha portato la nostra società ad entrare in contatto con nuove culture e religioni. La nostra società ha dimostrato di essere impreparata ad affrontare le nuove sfide poste in essere da queste culture " esterne" . A causa della situazione geopolitica dell'Italia (immigrazione, la vicinanza alle coste africane, nuovi diritti di cittadinanza) diventa fondamentale capire l'Islam come religione e sistema politico . L'obiettivo del corso è fornire le conoscenze fondamentali delle credenze islamiche e il suo modo di governo, tenendo conto che la religione musulmana unisce religione e politica inestricabilmente.
    • Cultura e gestione dei processi di salute (6 cfu)

      • Attraverso un’analisi critica delle principali teorie relative alla sociologia della salute, con particolare riferimento alla multidimensionalità del concetto di salute e alle diverse culture e saperi, il corso intende fornire competenze in grado di analizzare criticamente l’organizzazione socio-sanitaria in prospettiva comparata, sia a livello regionale che dei diversi regimi di welfare europei. Ulteriori obiettivi formativi riguardano l’acquisizione di capacità di elaborazione di programmi per la realizzazione di interventi integrati, volti a migliorare il benessere della persona.

  • LM 88 Sociologia e ricerca sociale

    Primo anno

  • Economia Pubblica (6 cfu)

    • Al termine dell'insegnamento, lo studente sarà in grado di intrepretare da un punto di vista economico il funzionamento dello Stato sociale e la più in generale le dinamiche della gestione pubblica dell'economia. In particolare, lo studente sarà in grado di analizzare sulla base della metodologia propria della scienza economica il comportamento politico dei cittadini/agenti economici, i meccanismi d'azione delle amministrazioni e burocrazie e i fenomenti degenerativi ad esse collegati, nonché la ragion d'essere e le più recenti evoluzioni del Welfare State, con specifico riferimento a programmi di spesa quali la sicurezza sociale, la sanità e l'istruzione.
  • Metodologia della ricerca sociale (6 cfu)

    • Gli studenti che frequenteranno il corso acquisiranno competenze specifiche nella raccolta, analisi e interpretazione dei dati empirici sul campo, anche mediante l’uso di specifici pacchetti software; queste competenze verranno acquisite sia nel campo dei metodi quantitativi sia in quello dei metodi qualitativi.
  • Sociologia delle migrazioni e del cosviluppo (6 cfu)

    • Rassegna storico-critica delle teorie migratorie ed analisi delle fenomenologie empiriche che connettono le migrazioni internazionali con lo sviluppo socio-economico delle aree di origine e di destinazione dei flussi
  • Sociologia dell'organizzazione (9 cfu)

    • Lo studente che completa con successo il corso potrà mostrare una solida conoscenza su principali presupposti e approcci teorici e di ricerca nell'ambito della disciplina, oltre che un approfondimento su alcuni contenuti e oggetti specifici. In particolare, dovrebbe sviluppare adeguate conoscenze in termini di:
      - principali presupposti teorici dello studio dei processi economici, del lavoro e delle organizzazioni
      - presupposti essenziali di sociologia economica ed ecologia, e approcci multidisciplinari allo studio del lavoro e delle organizzazioni
      - principali oggetti di studio della disciplina: lavoro, organizzazione e società; globalizzazione e trasformazione dei processi produttivi; politiche del lavoro, regolazione e conflitti; genere, diseguaglianze ed esclusione; identità e vita lavorativa; razionalità ed emozione.
      - alcuni approfondimenti in riferimento a:
      1. trasformazioni, orientamenti e implicazioni riferite a globalizzazione, cambiamenti tecnologici, mercati del lavoro, organizzazione del lavoro, pratiche manageriali e rapporti di lavoro;
      2. trasformazione delle forme e dei modelli di diseguaglianza nelle società moderne, delle esperienze di individui e famiglie tra vita e vita lavorativa;
      3. sfide e resistenze dei lavoratori e modi in cui contribuiscono alla costruzione sociale ed economica delle forme e istituzioni del lavoro
      4. il lavoro nelle organizzazioni di welfare e nonprofit
      5. welfare, lavoro, comparazione tra modelli di occupazione e disoccupazione

  • Sociologia urbana (6 cfu)

    • Gli studenti saranno in grado di capire e descrivere il contributo della teoria sociologica classica e contemporanea negli studi urbani

      Saranno in grado di identificare i principali fenomeni urbani, analizzarne le cause e le conseguenze

      Saranno in grado di applicare i principali metodi e le tecniche della ricerca empirica per lo studio dei fenomeni urbani e territoriali.

  • Storia del pensiero politico e sociale contemporaneo (6 cfu)

    • Il corso si propone di ricostruire storia e cultura del welfare state e, in particolare, l’evolversi del concetto di cittadinanza (diritti civili, politici e sociali) nel contesto europeo. Alla fine del corso lo studente padroneggia gli strumenti concettuali necessari per comprendere la costruzione dello stato sociale in Europa; è in grado di comparare i principali modelli di welfare e di comprendere i fondamenti teorici e normativi dello stato sociale.
  • UDF Diritto regionale e degli enti locali e Diritto di famiglia (12 cfu)

    • Modulo di Diritto regionale e degli enti locali. Il corso mira ad approfondire le tematiche relative al sistema delle autonomie regionali e locali nell’ordinamento italiano.
      In particolare verranno delineati i modelli di uno Stato unitario, federale e regionale. Si procederà all’analisi della forma di governo delle Regioni, della loro organizzazione e della loro autonomia amministrativa e finanziaria. Verranno approfondite le modalità e i contenuti della relazioni con il governo centrale, da un lato, e con gli enti locali dall’altro. In riferimento a questi ultimi, il corso approfondirà l’evoluzione del sistema delle autonomie e l’attuale assetto. In particolare verrà approfondita l’organizzazione istituzionale ed amministrativa, le forme di autonomia (statutaria, regolamentare e finanziaria), le funzioni, i servizi offerti e le forme di controllo.
      Modulo di Diritto di famiglia. Il modulo seleziona i temi del diritto di famiglia più idonei alla preparazione professionale dell’assistente sociale specializzato. Esso mira a far sì che l’assistente sociale acquisisca le nozioni necessarie per intervenire nei conflitti e nelle situazioni di disagio familiare.

  • Psicologia dei gruppi (9 cfu)

    • Il corso è destinato alla comprensione di temi fondanti la psicologia delle convivenze in gruppo nella comunità. Per gruppi sociali e le Istituzioni che li costituiscono si acquisiranno conoscenze e competenze specifiche di analisi destinate alla progettazione di interventi nel campo delle politiche, dei servizi sociali e dei sistemi relazionali. Con questi scopi, la lettura delle dinamiche interattive degli individui nei gruppi, per esempio, "primari" (famiglia) verra acquisita anche in relazione a condizioni di riconoscibilità delle maggiori e più frequenti problematiche e patologie relazionali/clinico-sociali. Lo studente sarà in grado di estendere l'analisi delle dinamiche di gruppo anche nei contesti (più "delimitati") di lavoro, anche sotto condizioni di criticità legate alla dimensione del Benessere psicosociale. Durante il corso acquisirà skills sulla ricerca di soluzioni pratiche attraverso una prospettazione delle più accreditate tecniche di gestione dei piccoli e grandi gruppi. Un focus in particolare sarà destinato a processi gestionali che prevedano azioni in équipe destinate all'empowerment delle convivenze, nei gruppi, di soggetti "fragili" (diversabili, etc.).
  • Secondo anno

  • Sociologia della Globalizzazione (6 cfu)

    • Lo studente acquisisce la capacità di comprendere i concetti chiave della globalizzazione attraverso le più recenti teorie sociologiche, con particolare riferimento ai temi delle identità sociali, del potere politico, della nuova rilevanza assunta dalle religioni, delle nuove esigenze di regolazione economica e finanziaria a livello nazionale e sovranazionale, dell’insorgere di conflitti globali. L’obiettivo è quello di fornire una cassetta degli attrezzi sociologica per coloro che saranno impegnati nell’ambito della ricerca sociale, e per coloro che lavoreranno in ambiti sociali, politici, amministrativi e nelle professioni che si confrontano quotidianamente con le nuove dinamiche introdotte dal processo di globalizzazione.
  • Laboratorio di ricerca sociale (12 cfu)

    • Il tirocinio è orientato a far compiere esperienze di ricerca sul campo, di analisi e interpretazione dei dati, cercando di far sperimentare agli studenti l’intero ciclo di indagine, sia pur in semplici esperienze, sia di tipo qualitativo sia di tipo quantitativo.
  • Demografia e sviluppo umano (6 cfu)

    • Il corso si propone di introdurre ai principali metodi e agli strumenti più avanzati per lo studio dei fenomeni demografici e sociali con particolare riferimento alla disuguaglianza, allo sviluppo umano, alla povertà (LM87/88) anche come una delle cause delle migrazioni internazionali (LM52); e chi frequenta con successo il corso sarà capace di dimostrare una reale conoscenza dei principali processi sociali in questione. Acquisirà, inoltre, capacità di leggere criticamente i problemi derivanti dai cambiamenti demografici e sociali e di identificare e interpretare le cause dei principali fenomeni demografici e sociali legati allo sviluppo umano.
  • Sociologia dei nuovi media (6 cfu)

    • Il corso si pone l’obiettivo di stimolare una solida conoscenza delle principali questioni legate alla Sociologia dei New Media, con particolare attenzione al rapporto tra i social media e la vita quotidiana.
      Lo studente sarà in grado di comprendere le teorie dei media digitali e guardare criticamente al processo di costruzione ed empowerment del capitale sociale nella società delle reti. Gli studenti avranno anche la possibilità di conoscere, analizzare e commentare criticamente il lavoro di ricerca fatto dai principali studiosi di scienze della comunicazione.

  • Prova finale (21 cfu)

    • Lavoro di ricerca svolto sotto la guida di un docente relatore.
  • 9 cfu a scelta nel gruppo GR2 Attività a libera scelta

    • Comporre liberamente i crediti formativi fino al totale dei crediti, nell'ambito delle attività formative di II livello proposte dal Dipartimento
    • Sociologia della Leadership (6 cfu)

      • Il corso è orientato all'esame dei processi di personalizzazione della politica e di personalizzazione della leadership di vertice, con un inquadramento sociologico nell'ambito del tema del rapporto tra leadership e democrazia. Si tratta di analizzare il tema della leadership come relazione sociale fra leader, follower e contesto sociale, istituzionale e culturale. Un'attenzione particolare è posta al tema della leadership carismatica, partendo dall'analisi weberiana fino agli sviluppi teorici e di ricerca più recenti. Il corso prevede anche una parte in cui si affronta il tema della leadership a partire dalla ricostruzione di casi storici di particolare interesse.
    • Teoria sociologica (6 cfu)

      • Alla fine del semestre gli studenti potranno: - comprendere i concetti teorici di alcuni dei pensatori più importanti della teoria sociologica moderna e contemporanea - fare connessioni tra la teoria sociologica classica e contemporanea - acquisire comprensione delle circostanze storiche in cui queste teorie sono emerse - comprendere similitudini e differenze tra le prospettive dei diversi pensatori - identificare punti deboli e punti forti nelle varie teorie - discutere i problemi sociali e culturali contemporanei alla luce delle teorie apprese durante il corso
    • Laboratorio di analisi dati 1 (3 cfu)

      • Apprendimento e sperimentazione delle tecniche di analisi statistica elementare e multivariata attraverso il software R
    • Laboratorio di analisi quantitativa dei dati 2 (3 cfu)

      • Introduzione agli open data della pubblica amministrazione e sperimentazione del loro possibile uso con finalità conoscitive per la programmazione e la valutazione delle politiche locali
    • Sociologia dei processi partecipativi (6 cfu)

      • Fornire una conoscenza di base sulla partecipazione, con particolare riferimento alla partecipazione socio-politica odierna in alcuni suoi aspetti salienti: dai conflitti ambientali all’innovazione del welfare, dalla crisi delle istituzioni democratiche ai processi di governance, dalla democrazia partecipativa e deliberativa alle nuove mobilitazioni sociali
    • Colloqui di Teoria Sociale (3 cfu)

      • Il modello del ciclo seminariale è quello del "Kolloquium" di ricerca secondo la prassi delle università tedesche. Nel suo contesto intervengono vari relatori (docenti strutturati, dottorandi, studenti della laurea specialistica, ospiti stranieri o di altri dipartimenti, cultori della materia), i quali espongono le ricerche in corso – in prevalenza tematiche innovative e inedite – che necessitano di discussione e di "messa a punto". La struttura del colloquio (un minimo di sei incontri al semestre, con periodicità bisettimanale) in genere tende a non superare i 30/45 minuti di relazione, seguita da discussione. L’obiettivo è la creazione di uno spazio dove soprattutto giovani studenti e ricercatori possano avere la possibilità di discutere con docenti più esperti temi di interesse nell’ambito delle correnti classiche e contemporanee della teoria sociale. Lo studente imparerà a “vedere” (secondo l’etimologia di theorein) i fenomeni sociali e a formulare ipotesi di ricerca secondo le prospettive teoriche discusse.
    • Controllo sociale, globalizzazione e mobilità (6 cfu)

      • Il corso si prefigge l’obiettivo di affrontare la tematica del controllo sociale nell’era della globalizzazione. Migranti, rifugiati, entrano nello spazio territoriale italiano, a seguito di processi politici ed economici globali. Il panico morale suscitato da un mutamento sostanziale innescato dalla globalizzazione, sfocia nella richiesta di politiche contenitive e repressive dei fenomeni. Ne conseguono l’ipertrofia carceraria e la creazione di spazi di sospensione del diritto, come Cie ed hotspot. Obiettivo del corso è di analizzare questi processi e formare gli studenti all’elaborazione di buone prassi che promuovano politiche di inclusione sociale.
    • Social Media Analysis (6 cfu)

      • Il corso si propone di offrire le basi della ricerca attraverso i social media, fornendo concetti fondamentali su teoria dei social media, metodi di raccolta e analisi dei dati. La prima parte sarà dedicata alla teoria e ai metodi di ricerca attraverso la presentazione dei più recenti studi e tecniche di analisi. La seconda parte si concentrerà sui metodi per la raccolta di dati dai social media e sulle metodologie per l’analisi. Gli studenti acquisiranno conoscenze su come acquisire e analizzare le conversazioni che hanno luogo nei social media.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa