Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

ECONOMICS

Corso di laurea magistrale

Piano di Studi


Curricula:


CURRICULUM GE

Primo anno

  • Advanced Econometrics (9 cfu)

    • Obiettivo del corso è quello di familiarizzare gli studenti con i temi classici della letteratura econometrica e con gli strumenti computazionali da utilizzare nelle applicazioni empiriche.
      I vari argomenti saranno scelti e/o calibrati tenendo conto della formazione di base degli studenti, tuttavia, in generale includono problematiche relative ai seguenti temi: modello classico di regressione lineare, rimozione delle ipotesi nel modello classico di regressione lineare, econometria delle serie storiche e modelli ad equazioni simultanee.
      1. Il modello classico di regressione lineare. Le assunzioni di base, la stima col metodo dei minimi quadrati ordinari (OLS) e la stima di massima verosimiglianza. Proprietà algebriche e proprietà statistiche delle stime. Stima della varianza. L'ipotesi di normalità degli errori e le sue implicazioni. Distribuzione di forme quadratiche. Il test-t, il test-F e forme alternative del test-F. Regressione e previsione. Stima soggetta a restrizioni lineari. Verifica di mutamenti strutturali. Utilizzo di variabili binarie. Errori di specificazione.
      2. Rimozione di assunzioni base e generalizzazioni del modello. La multicollinearità. Disturbi non sferici e stime OLS. La stima col metodo dei minimi quadrati generalizzati (GLS). Inter-pretazione del GLS come OLS su variabili trasformate. Eteroschedasticità e autocorrelazione. Stima in presenza di specificazioni che includono variabili endogene ritardate. Il metodo delle variabili strumentali.
      3. Econometria delle serie storiche (caso univariato). La stima in presenza di serie storiche non stazionarie. La regressione spuria. Il modello a correzione di errore. Verifica della stazionarietà. Cointegrazione. Stima di modelli a correzione di errore.
      4. Modelli ad equazioni simultanee. Forma strutturale e forma ridotta. Equazioni simultanee e inconsistenza della stima col metodo OLS. Il problema della identificazione. Metodi di stima di modelli ad equazioni simultanee: il metodo dei minimi quadrati indiretti, il metodo delle variabili strumentali e il metodo dei minimi quadrati a due stadi.

  • Mathematical Methods for Economics (12 cfu)

    • Oggetto principale del corso è quello di introdurre gli studenti ad alcuni strumenti matematici utili per la moderna analisi economica. Saranno affrontati temi selezionati principalmente dalla teoria dei sistemi dinamici discreti e continui con alcuni cenni alla teoria dei sistemi non lineari. Prerequisito al corso è la conoscenza di base del calcolo differenziale ed integrale, dell’algebra matriciale.
  • Advanced Statistics (9 cfu)


  • Advanced Macroeconomics (12 cfu)

    • Obiettivi formativi. Il corso si propone di trattare i temi più rilevanti dell’attuale teoria macroeconomica. La prima metà del corso ha lo scopo di introdurre lo studente alle principali spiegazioni delle fluttuazioni economiche ed alle relative implicazioni di politica economica. Viene posta particolare attenzione alla spiegazione delle fondazioni microeconomiche delle rigidità nominali ed all’analisi del loro ruolo macroeconomico. Una parte del corso riguarda il ruolo svolto dal potere di mercato degli agenti nella determinazione dell’equilibrio macroeconomico. La seconda parte del corso ha come contenuto la presentazione fenomeni macroeconomici dinamici, con particolare riferimento alle decisioni di consumo e investimento e la crescita economica. Particolare attenzione viene posta sulle microfondazioni della moderna ricerca macroeconomica e, dal punto di vista metodologico, sulle tecniche di analisi dinamica dei fenomeni economici, sia in tempo discreto che in tempo continuo. Tutte le teorie sono discusse in relazione all'evidenza empirica. In tal modo lo studente dovrebbe essere in grado di iniziare ad ac-costarsi autonomamente ai contributi pubblicati nelle migliori riviste scientifiche.
      Contenuti del corso. Ciclo economico reale – Teorie keynesiane delle fluttuazioni economiche – Modelli del mercato del lavoro – Teoria della crescita, modelli dinamici del consumo e dell’investimento.

  • Advanced Microeconomics (12 cfu)

    • Nel corso verranno affrontate, in maniere sistematica e ad un livello analitico approfondito, tutte le principali tematiche della moderna analisi microeconomica. In particolare, saranno presi in esame:
      - la determinazione delle scelte individuali di consumo e di produzione: la teoria del comportamento del consumatore, le scelte in condizioni di incertezza, la teoria della produzione lineare e non lineare;
      - il funzionamento del sistema economico nel suo complesso: la teoria dell’equilibrio economico generale e l’economia del benessere, i fallimenti del mercato e dello stato;
      - la teoria dei giochi, il comportamento strategico e l’analisi delle diverse forme di mercato;
      - l’economia dell’organizzazione e degli incentivi.

  • 6 cfu a scelta nel gruppo GR2-IUS

    • Attività formative di area giuridica
    • International Economic law (6 cfu)

      • Obiettivi formativi. L’obiettivo del corso è fornire un quadro generale delle norme e delle istituzioni internazionali che governano i rapporti tra Stati nell’ambito delle loro relazioni commerciali monetarie e finanziarie. Il corso vuole fornire gli strumenti concettuali per una comprensione critica degli elementi e della struttura fondamentale della disciplina internazionale del governo dei rapporti economici che sta profondamente modificando la nozione di sovranità statale. Il corso intende altresì approfondire la comprensione di alcune aree tematiche specifiche del diritto degli scambi internazionali. Programma. Oggetto del corso è lo studio dei fondamenti della disciplina giuridica internazionale in materia di rapporti commerciali monetari e finanziari. Nella prima parte introduttiva sarà analizzata la struttura delle principali organizzazioni economiche internazionali e le loro correlazioni (FMI, Banca Mondiale, OMC). Il corso di focalizzerà quindi sullo studio della disciplina sostanziale dell’OMC con particolare riferimento ai fondamenti della disciplina degli scambi di merci e servizi, alla tutela dei diritti di proprietà intellettuale, alla soluzione delle controversie e all’interrelazione tra integrazione economica regionale e disciplina multilaterale.
    • Labour Law (6 cfu)

      • ll corso, che intende fornire i necessari strumenti conoscitivi delle fonti della disciplina, si articola secondo la tradizionale partizione fra (a) diritto del lavoro in senso stretto (rapporto individuale) e (b) diritto sindacale. Nell'ambito del diritto del lavoro in senso stretto sarà in particolare oggetto di studio la dinamica del contratto di lavoro nei suoi aspetti fondamentali, fra i quali ricordiamo: il tipo contrattuale e la subordinazione; le figure del datore di lavoro e del lavoratore; la fase formativa; la fase esecutiva; i poteri datoriali nell'amministrazione del rapporto; gli obblighi del datore di lavoro(obbligo di sicurezza e retribuzione); le vicende modificative; la sospensione del rapporto; l'estinzione del rapporto; le garanzie dei diritti. Il diritto sindacale avrà prevalentemente ad oggetto: le fonti; la contrattazione collettiva; le associazioni sindacali; il diritto di sciopero e la serrata; i diritti sindacali nei luoghi di lavoro.
    • Industrial and Competition Law (6 cfu)

      • L’insegnamento riguarda gli aspetti legali della concorrenza sleale e antimonopolistica, dei brevetti e dei marchi. Ha l’obiettivo di fornire una preparazione sistematica di questi istituti giuridici.
    • European Economic law (6 cfu)

      • Obiettivi formativi. Il corso si propone di tracciare un quadro generale delle norme relative alla disciplina della concorrenza e della tutela del contraente-consumatore nell’ambito dell’ordinamento europeo. L’obiettivo è di fornire agli studenti gli strumenti per uno studio critico dell’attuale assetto normativo e la capacità di valutare eventuali futuri sviluppi del sistema. Programma. Il corso si articola in due parti. La prima affronta l’esame delle norme comunitarie che disciplinano la concorrenza all’interno dell’Unione europea con attenzione particolare alla giurisprudenza della Corte di Giustizia. La seconda si incentra sui riflessi delle politiche europee sul funzio-namento del mercato e sugli equilibri contrattuali. Syllabus. Concorrenza ' Mercato ' Contratto ' Consumatore.
  • Secondo anno

  • Student's choice (9 cfu)


  • Final dissertation + Further linguistic competences (15 cfu)


  • 24 cfu a scelta nel gruppo GR3-Electives ECO

    • Elective exams
    • International political economy (6 cfu)

      • This course introduces students to the study of International Political Economy (IPE). The course combines a focus on the main theoretical and methodological approaches used in the study of IPE with the analysis of contemporary, substantive issues, ranging from the challenges in global trade cooperation to the management of financial integration and resolution of global financial crises. In doing so, the course will help illuminate the dynamic relationship between economic and political factors – i.e. how economic relations between states influence domestic and international politics and how do political relations between states influence domestic and international economics.
    • Survey Methods: Traditional and New Techniques in Official Statistics (6 cfu)


    • Small Area Methods for the Analysis of Multidimensional Poverty Data and Seminars (9 cfu)


    • History of Economic Thought (6 cfu)

      • The subject of the course is the theoretical evolution of monetary theories during the XX century, starting from Keynes’ contributions, General Theory and his proposals for the reconstruction of international monetary system (bancor) in the Forties. From this premise the monetary upswing led by Milton Friedman will be explained. A special attention will be paid to Minsky’s analysis of financial instability and to Mandelbrot’s criticism of the mainstream financial theory and its postulates.
    • Industrial Economics (6 cfu)

      • Nel corso si vuole fornire una maggiore comprensione degli aspetti teorici dell'Industrial Organization, solo molto parzialmente forniti nel corso di Microeconomia. La prima parte copre principalmente lo studio del duopolio, con attenzione ad aspetti come le strategie miste nel modello di Edgeworth e la soluzione di Kreps e Sheinkman all'alternativa Bertrand-Cournot. La seconda parte è dedicata all'entrata. Si mostra che l'assenza di comportamento strategico conduce alla concorrenza perfetta; poi si studiano dei modelli di entrata con comportamento strategico.
    • Statistical Models for Program Evaluation (6 cfu)

      • This course is an introduction to the inferential statistical methods for program evaluation. The statistical concepts are illustrated using data and real examples, focusing on the methods used for causal inference in public policy contexts. Main topics: Randomized Trials. Matching. Regression. Instrumental Variables. Regression Discontinuity Designs, Differences-in-Differences
    • Public Economics (9 cfu)

      • L'insegnamento ha lo scopo di fornire gli strumenti di analisi economica di livello intermedio/avanzato necessari all’analisi del settore pubblico e una solida conoscenza dei principi alla base dell’intervento pubblico nell’economia. L'impostazione dell'insegnamento privilegia l'analisi del rapporto tra riflessione teorica e opzioni concrete di politica economica. L'insegnamento approfondisce i seguenti argomenti: la funzione allocativa dello stato a partire dall'analisi sistematica dei fallimenti del mercato (beni pubblici, esternalità, asimmetrie informative, potere di mercato); l’analisi costi benefici; la funzione redistributiva dello stato, il rapporto tra equità ed efficienza e i problemi posti dalle scelte collettive; la teoria dell’imposizione;gli aspetti internazionali della finanza pubblica.
    • The Economics of European Union (6 cfu)


    • Economic Growth in History (9 cfu)

      • This course examines how the world economy got to be where it is today. In particular the course will focus on the divergence between rich and poor countries, provide an assessment of the factors explaining the success of rich countries and the obstacles hindering growth in poor countries. Special attention will be devoted to quantitative assessments of long term trends in living standards and in economic performance. Course outline 1. Economic growth and living standards in the very long run (10000 BC - 2011 AD) 2. The foundations of European exceptionalism: institutions, trade and geography 3. The great divergence: when and why the West grow rich 4. The industrial revolution and the transition to “modern economic growth" 5. The productivity race: convergence and divergence in the world economy since the industrial revolution 6 The first and second globalization: trade, migrations, capital flows 7 Did economic policies matter help or harm economic growth'
    • Financial Economics (9 cfu)

      • Il corso vuole fornire una comprensione degli aspetti teorici ed empirici dei mercati finanziari. La prima parte fornisce una introduzione alla struttura dei mercati e dei titoli finanziari. In particolare si analizzeranno la struttura delle principali borse ed del mercato valutario internazionale. La seconda parte fornisce una introduzione alle caratteristiche empiriche delle dinamiche dei prezzi e dei volumi. Infine la parte sui modelli di determinazione del prezzo comincia con una introduzione alla teoria dell'utilità attesa, poi introduce l'analisi di media e varianza e i modelli CAPM e APT.
    • International Monetary Economics (6 cfu)

      • Il corso si propone di introdurre lo studente alle problematiche relative all’unificazione economica e monetaria europea. Dopo aver illustrato le ragioni che hanno condotto alla fissazione dei cambi fra le valute europee dopo la caduta del Sistema di Bretton Woods, si illustrano le vicende che hanno caratterizzato l’esistenza del Sistema monetario europeo (Sme), insieme alle ragioni e alle tappe che hanno condotto alla nascita dell’Unione economica e monetaria europea (Ume). I fatti istituzionali descritti nella prima parte del corso vengono poi interpretati alla luce di diverse teorie, che saranno analizzate in dettaglio: la teoria della credibilità, che fornisce una possibile spiegazione del successo dello Sme nel ridurre il tasso di inflazione in Europa; la teoria degli attacchi speculativi, per comprendere la crisi del 1992-93; la teoria delle aree valutarie ottimali, per comprendere se l’area geografica rappresentata dai paesi che hanno adottato l’euro soddisfa i criteri previsti dalla teoria. Il possibile ruolo di valuta internazionale da parte dell’euro sarà infine analizzato, anche alla luce delle implicazioni della recente crisi finanziaria ed economica globale.
    • Globalization and Economic Development (6 cfu)

      • The course aims to enable students to understand and critically analyze the essential aspects of the current phase of globalization both in its real and monetary aspects, that is related to trade and trade policies and to the role of exchange rates and the liberalization of foreign exchange respectively. In this context, the course focuses on the emergence and the role of international institutions in the regulation of economic relationship between countries. The second part of the course analyzes the effects of globalization on economic development, with particular reference to the institutional dynamics and the distributive and environmental conflicts.
    • Computational Economics (6 cfu)


    • CLASSICAL ECONOMICS (3 cfu)

      • The course provides the basic elements of Value, Capital and Accumulation within Classical Economics.
    • European Indicators of Poverty and vulnerabilities for sustainable development goal and seminars (9 cfu)


    • Time Series Econometrics (6 cfu)

      • Scopi e obiettivi. La constatazione che gran parte delle serie storiche macroeconomiche non sono stazionarie ha profondamente modificato la metodologia econometrica; tale evoluzione metodologica si è rivelata uno strumento importante per comprendere e analizzare la struttura dinamica di breve e quella di lungo periodo dei modelli econometrici dinamici. Nel corso vengono forniti gli strumenti teorici ed empirici per intraprendere l'analisi econometrica della struttura di lungo e di breve periodo dei modelli macroeconomici basati su un sistema di equazioni. Lo scopo del corso è duplice, da un lato tende a sviluppare ed approfondire la metodologia econometrica di analisi delle serie storiche non stazionarie; dall’altro, tende a mostrare la rilevanza dei cambiamenti metodologici in relazione alla modellazione empirica in campo macroeconomico. In particolare, il corso si concentra sulle proprietà delle serie storiche non stazionarie nell’ambito dei modelli autoregressivi vettoriali cointegrati (CVAR); allo stesso tempo vengono illustrate le principali applicazioni empiriche ai modelli macro-economici. In generale il programma include: modellazione e metodologia nei sistemi dinamici; approccio probabilistico in econometria; teoria della riduzione; analisi del modello VAR e delle sue proprietà di-namiche; test di errata specificazione; VAR cointegrato e derivazione dello stimatore di massima verosimiglianza; determinazione del rango di cointegrazione; identificazione formale, empirica ed economica; dinamica di aggiustamento ed esogeneità. Le applicazioni possono riguardare: consumo, modelli domanda-offerta, domanda di moneta, mercati finanziari e del lavoro. Obiettivi Formativi. Acquisire la conoscenza dei recenti cambiamenti intervenuti nella metodologia di analisi econometria delle serie storiche. Comprendere e analizzare la struttura di breve e quella di lungo periodo dei modelli econometrici dinamici. Comprendere la rilevanza dei cambiamenti metodologici in relazione alla modellazione empirica in campo macroeconomico.
    • Economic Policy (6 cfu)

      • Il corso fornisce allo studente una compresnione avanzata delle ipotesi, dei metodi e delle conseguenze associate alle politiche monetarie e fiscali. Il modello macroeconomico IS-LM viene esteso a considerare economie aperte e qui si studiano inflazione, disoccupazione e l'effetto di shock commerciali, di domanda e di offerta. Una rapida rassegna delle principali politiche economiche applicate in passsato e del loro effetto conclude la prima parte del corso. La seconda aparte verte su una analisi critica del modello neoclassico e la discussione di approcci alternativi (modelli computazionali ad agenti e modelli evolutivi).
    • Development microeconomics (6 cfu)


    • Economic methodology (6 cfu)


  • 12 cfu a scelta nel gruppo GR1-MAN

    • Attività fomative di area aziendale
    • Regional development (6 cfu)

      • Regions and cities in the world exhibit major differences in economic performance and face continuous challenges due to increasing economic and social interdependence. Complex and dynamic relationships between people, firms, and institutions bounded in space have both positive implications, such as continuous innovation, increasing creativity, and economic growth, and negative consequences, including social and economic inequalities, tensions between different cultures and values, and threats to the environment and people health. In this course, we will consider the positive and negative aspects involved in regional economic growth, by focusing on a selection of topics, including: 1) employee mobility and entrepreneurship; 2) innovation, networks and localised knowledge spillovers; 3) migration and innovation; 4) regional industrial diversification, and 5) sustainability challenges and human rights.
    • FINANCIAL ACCOUNTING AND IAS/IFRS (6 cfu)

      • The objective of this course is twofold. 1) It is aimed at providing the basic knowledge of the IAS/IFRS financial statements and notes to the accounts; 2) It provides ability to analyze financial statements and evaluate business performance of public and private companies applying IAS/IFRS
    • Business and society (6 cfu)

      • The course seeks to expand our horizons in thinking about business and society. Global corporations have all introduced codes-of-conducts and ethical guidelines in their strategies and their CEOs make bold statements about the importance of respecting human rights in business, but at the same time we are overwhelmed with news about corporate human right abuses, unethical behavior and misconduct. This course analyzes both theoretically and empirically the factors driving ethical behavior in the business sector and discusses the normative solutions that have so far been implemented to reduce corporate malfeasance. The course should provide a fuller understanding of the contribution of business to society and should prepare the future manager and the economic analyst for confronting the truly difficult ethical decisions that arise in deploying economic resources, altering the physical environment, and making decisions that affect the lives of investors, employees, and other stakeholders.
    • Corporate finance (6 cfu)

      • The aim of the course is to examine the major decision-making areas of managerial finance and some selected topics in financial theory. Starting from capital budgeting decisions, the course covers the main company valuation methodologies and examines the effect of corporate decisions on market value through the event study methodology. The course reviews the theory and empirical evidence related to Mergers & Acquisitions and concludes examining the IPO decision and the effects of corporate governance characteristics of listed companies.
    • Economics and Management of Innovation (6 cfu)

      • Il corso affronta l'impatto economico dell'informazione in generale e della conoscenza tecnologica in particolare, la loro struttura e dinamica, le associate teorie dell'impresa basate sulle capacità organizzative, ed infine le implicazioni normative in termini di management strategico. Inizia ricordando le specifiche proprietà economiche dell'informazione, inclusi gli intrinseci rendimenti crescenti. Segue l'interpretazione della natura e dinamica dei paradigmi tecnologici. Dato che la conoscenza tecnologica è in buona misura incorporata nelle pratiche delle organizzazioni economiche, il corso presenta le teorie dell'impresa basate sulle conoscenze che esse incorporano. L'ultima parte del corso discute le implicazioni normative e analizza le 'capacità dinamiche' associate con il management delle routine organizzative ed il loro cambiamento nel tempo.

  • CURRICULUM OS

    Primo anno

  • Advanced Econometrics (9 cfu)

    • Obiettivo del corso è quello di familiarizzare gli studenti con i temi classici della letteratura econometrica e con gli strumenti computazionali da utilizzare nelle applicazioni empiriche.
      I vari argomenti saranno scelti e/o calibrati tenendo conto della formazione di base degli studenti, tuttavia, in generale includono problematiche relative ai seguenti temi: modello classico di regressione lineare, rimozione delle ipotesi nel modello classico di regressione lineare, econometria delle serie storiche e modelli ad equazioni simultanee.
      1. Il modello classico di regressione lineare. Le assunzioni di base, la stima col metodo dei minimi quadrati ordinari (OLS) e la stima di massima verosimiglianza. Proprietà algebriche e proprietà statistiche delle stime. Stima della varianza. L'ipotesi di normalità degli errori e le sue implicazioni. Distribuzione di forme quadratiche. Il test-t, il test-F e forme alternative del test-F. Regressione e previsione. Stima soggetta a restrizioni lineari. Verifica di mutamenti strutturali. Utilizzo di variabili binarie. Errori di specificazione.
      2. Rimozione di assunzioni base e generalizzazioni del modello. La multicollinearità. Disturbi non sferici e stime OLS. La stima col metodo dei minimi quadrati generalizzati (GLS). Inter-pretazione del GLS come OLS su variabili trasformate. Eteroschedasticità e autocorrelazione. Stima in presenza di specificazioni che includono variabili endogene ritardate. Il metodo delle variabili strumentali.
      3. Econometria delle serie storiche (caso univariato). La stima in presenza di serie storiche non stazionarie. La regressione spuria. Il modello a correzione di errore. Verifica della stazionarietà. Cointegrazione. Stima di modelli a correzione di errore.
      4. Modelli ad equazioni simultanee. Forma strutturale e forma ridotta. Equazioni simultanee e inconsistenza della stima col metodo OLS. Il problema della identificazione. Metodi di stima di modelli ad equazioni simultanee: il metodo dei minimi quadrati indiretti, il metodo delle variabili strumentali e il metodo dei minimi quadrati a due stadi.

  • Advanced Statistics (9 cfu)


  • Advanced Macroeconomics (12 cfu)

    • Obiettivi formativi. Il corso si propone di trattare i temi più rilevanti dell’attuale teoria macroeconomica. La prima metà del corso ha lo scopo di introdurre lo studente alle principali spiegazioni delle fluttuazioni economiche ed alle relative implicazioni di politica economica. Viene posta particolare attenzione alla spiegazione delle fondazioni microeconomiche delle rigidità nominali ed all’analisi del loro ruolo macroeconomico. Una parte del corso riguarda il ruolo svolto dal potere di mercato degli agenti nella determinazione dell’equilibrio macroeconomico. La seconda parte del corso ha come contenuto la presentazione fenomeni macroeconomici dinamici, con particolare riferimento alle decisioni di consumo e investimento e la crescita economica. Particolare attenzione viene posta sulle microfondazioni della moderna ricerca macroeconomica e, dal punto di vista metodologico, sulle tecniche di analisi dinamica dei fenomeni economici, sia in tempo discreto che in tempo continuo. Tutte le teorie sono discusse in relazione all'evidenza empirica. In tal modo lo studente dovrebbe essere in grado di iniziare ad ac-costarsi autonomamente ai contributi pubblicati nelle migliori riviste scientifiche.
      Contenuti del corso. Ciclo economico reale – Teorie keynesiane delle fluttuazioni economiche – Modelli del mercato del lavoro – Teoria della crescita, modelli dinamici del consumo e dell’investimento.

  • Advanced Microeconomics (12 cfu)

    • Nel corso verranno affrontate, in maniere sistematica e ad un livello analitico approfondito, tutte le principali tematiche della moderna analisi microeconomica. In particolare, saranno presi in esame:
      - la determinazione delle scelte individuali di consumo e di produzione: la teoria del comportamento del consumatore, le scelte in condizioni di incertezza, la teoria della produzione lineare e non lineare;
      - il funzionamento del sistema economico nel suo complesso: la teoria dell’equilibrio economico generale e l’economia del benessere, i fallimenti del mercato e dello stato;
      - la teoria dei giochi, il comportamento strategico e l’analisi delle diverse forme di mercato;
      - l’economia dell’organizzazione e degli incentivi.

  • 12 cfu a scelta nel gruppo GR1-MAN

    • Attività fomative di area aziendale
    • Regional development (6 cfu)

      • Regions and cities in the world exhibit major differences in economic performance and face continuous challenges due to increasing economic and social interdependence. Complex and dynamic relationships between people, firms, and institutions bounded in space have both positive implications, such as continuous innovation, increasing creativity, and economic growth, and negative consequences, including social and economic inequalities, tensions between different cultures and values, and threats to the environment and people health. In this course, we will consider the positive and negative aspects involved in regional economic growth, by focusing on a selection of topics, including: 1) employee mobility and entrepreneurship; 2) innovation, networks and localised knowledge spillovers; 3) migration and innovation; 4) regional industrial diversification, and 5) sustainability challenges and human rights.
    • FINANCIAL ACCOUNTING AND IAS/IFRS (6 cfu)

      • The objective of this course is twofold. 1) It is aimed at providing the basic knowledge of the IAS/IFRS financial statements and notes to the accounts; 2) It provides ability to analyze financial statements and evaluate business performance of public and private companies applying IAS/IFRS
    • Business and society (6 cfu)

      • The course seeks to expand our horizons in thinking about business and society. Global corporations have all introduced codes-of-conducts and ethical guidelines in their strategies and their CEOs make bold statements about the importance of respecting human rights in business, but at the same time we are overwhelmed with news about corporate human right abuses, unethical behavior and misconduct. This course analyzes both theoretically and empirically the factors driving ethical behavior in the business sector and discusses the normative solutions that have so far been implemented to reduce corporate malfeasance. The course should provide a fuller understanding of the contribution of business to society and should prepare the future manager and the economic analyst for confronting the truly difficult ethical decisions that arise in deploying economic resources, altering the physical environment, and making decisions that affect the lives of investors, employees, and other stakeholders.
    • Corporate finance (6 cfu)

      • The aim of the course is to examine the major decision-making areas of managerial finance and some selected topics in financial theory. Starting from capital budgeting decisions, the course covers the main company valuation methodologies and examines the effect of corporate decisions on market value through the event study methodology. The course reviews the theory and empirical evidence related to Mergers & Acquisitions and concludes examining the IPO decision and the effects of corporate governance characteristics of listed companies.
    • Economics and Management of Innovation (6 cfu)

      • Il corso affronta l'impatto economico dell'informazione in generale e della conoscenza tecnologica in particolare, la loro struttura e dinamica, le associate teorie dell'impresa basate sulle capacità organizzative, ed infine le implicazioni normative in termini di management strategico. Inizia ricordando le specifiche proprietà economiche dell'informazione, inclusi gli intrinseci rendimenti crescenti. Segue l'interpretazione della natura e dinamica dei paradigmi tecnologici. Dato che la conoscenza tecnologica è in buona misura incorporata nelle pratiche delle organizzazioni economiche, il corso presenta le teorie dell'impresa basate sulle conoscenze che esse incorporano. L'ultima parte del corso discute le implicazioni normative e analizza le 'capacità dinamiche' associate con il management delle routine organizzative ed il loro cambiamento nel tempo.
  • 6 cfu a scelta nel gruppo GR2-IUS

    • Attività formative di area giuridica
    • International Economic law (6 cfu)

      • Obiettivi formativi. L’obiettivo del corso è fornire un quadro generale delle norme e delle istituzioni internazionali che governano i rapporti tra Stati nell’ambito delle loro relazioni commerciali monetarie e finanziarie. Il corso vuole fornire gli strumenti concettuali per una comprensione critica degli elementi e della struttura fondamentale della disciplina internazionale del governo dei rapporti economici che sta profondamente modificando la nozione di sovranità statale. Il corso intende altresì approfondire la comprensione di alcune aree tematiche specifiche del diritto degli scambi internazionali. Programma. Oggetto del corso è lo studio dei fondamenti della disciplina giuridica internazionale in materia di rapporti commerciali monetari e finanziari. Nella prima parte introduttiva sarà analizzata la struttura delle principali organizzazioni economiche internazionali e le loro correlazioni (FMI, Banca Mondiale, OMC). Il corso di focalizzerà quindi sullo studio della disciplina sostanziale dell’OMC con particolare riferimento ai fondamenti della disciplina degli scambi di merci e servizi, alla tutela dei diritti di proprietà intellettuale, alla soluzione delle controversie e all’interrelazione tra integrazione economica regionale e disciplina multilaterale.
    • Labour Law (6 cfu)

      • ll corso, che intende fornire i necessari strumenti conoscitivi delle fonti della disciplina, si articola secondo la tradizionale partizione fra (a) diritto del lavoro in senso stretto (rapporto individuale) e (b) diritto sindacale. Nell'ambito del diritto del lavoro in senso stretto sarà in particolare oggetto di studio la dinamica del contratto di lavoro nei suoi aspetti fondamentali, fra i quali ricordiamo: il tipo contrattuale e la subordinazione; le figure del datore di lavoro e del lavoratore; la fase formativa; la fase esecutiva; i poteri datoriali nell'amministrazione del rapporto; gli obblighi del datore di lavoro(obbligo di sicurezza e retribuzione); le vicende modificative; la sospensione del rapporto; l'estinzione del rapporto; le garanzie dei diritti. Il diritto sindacale avrà prevalentemente ad oggetto: le fonti; la contrattazione collettiva; le associazioni sindacali; il diritto di sciopero e la serrata; i diritti sindacali nei luoghi di lavoro.
    • Industrial and Competition Law (6 cfu)

      • L’insegnamento riguarda gli aspetti legali della concorrenza sleale e antimonopolistica, dei brevetti e dei marchi. Ha l’obiettivo di fornire una preparazione sistematica di questi istituti giuridici.
    • European Economic law (6 cfu)

      • Obiettivi formativi. Il corso si propone di tracciare un quadro generale delle norme relative alla disciplina della concorrenza e della tutela del contraente-consumatore nell’ambito dell’ordinamento europeo. L’obiettivo è di fornire agli studenti gli strumenti per uno studio critico dell’attuale assetto normativo e la capacità di valutare eventuali futuri sviluppi del sistema. Programma. Il corso si articola in due parti. La prima affronta l’esame delle norme comunitarie che disciplinano la concorrenza all’interno dell’Unione europea con attenzione particolare alla giurisprudenza della Corte di Giustizia. La seconda si incentra sui riflessi delle politiche europee sul funzio-namento del mercato e sugli equilibri contrattuali. Syllabus. Concorrenza ' Mercato ' Contratto ' Consumatore.
  • Secondo anno

  • Final dissertation OS (21 cfu)


  • Official Statistics (12 cfu)


  • Student's choice (9 cfu)


  • 6 cfu a scelta nel gruppo GR5-EMOS semi-elective

    • EMOS semi-elective
    • Analysis of Survey Data and Small Area Estimation (6 cfu)


    • Time Series Econometrics (6 cfu)

      • Scopi e obiettivi. La constatazione che gran parte delle serie storiche macroeconomiche non sono stazionarie ha profondamente modificato la metodologia econometrica; tale evoluzione metodologica si è rivelata uno strumento importante per comprendere e analizzare la struttura dinamica di breve e quella di lungo periodo dei modelli econometrici dinamici. Nel corso vengono forniti gli strumenti teorici ed empirici per intraprendere l'analisi econometrica della struttura di lungo e di breve periodo dei modelli macroeconomici basati su un sistema di equazioni. Lo scopo del corso è duplice, da un lato tende a sviluppare ed approfondire la metodologia econometrica di analisi delle serie storiche non stazionarie; dall’altro, tende a mostrare la rilevanza dei cambiamenti metodologici in relazione alla modellazione empirica in campo macroeconomico. In particolare, il corso si concentra sulle proprietà delle serie storiche non stazionarie nell’ambito dei modelli autoregressivi vettoriali cointegrati (CVAR); allo stesso tempo vengono illustrate le principali applicazioni empiriche ai modelli macro-economici. In generale il programma include: modellazione e metodologia nei sistemi dinamici; approccio probabilistico in econometria; teoria della riduzione; analisi del modello VAR e delle sue proprietà di-namiche; test di errata specificazione; VAR cointegrato e derivazione dello stimatore di massima verosimiglianza; determinazione del rango di cointegrazione; identificazione formale, empirica ed economica; dinamica di aggiustamento ed esogeneità. Le applicazioni possono riguardare: consumo, modelli domanda-offerta, domanda di moneta, mercati finanziari e del lavoro. Obiettivi Formativi. Acquisire la conoscenza dei recenti cambiamenti intervenuti nella metodologia di analisi econometria delle serie storiche. Comprendere e analizzare la struttura di breve e quella di lungo periodo dei modelli econometrici dinamici. Comprendere la rilevanza dei cambiamenti metodologici in relazione alla modellazione empirica in campo macroeconomico.
  • 12 cfu a scelta nel gruppo GR4-EMOS module STA

    • EMOS module
    • Survey Methods: Traditional and New Techniques in Official Statistics (6 cfu)


    • European Statistical System and Data Production Model (6 cfu)


Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa