Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

MARKETING E RICERCHE DI MERCATO

Corso di laurea magistrale

Piano di Studi


Primo anno

  • Indagini campionarie (9 cfu)

    • Il corso è dedicato a studenti che non conoscono i metodi di campionamento casuale e le principali tecniche di selezione delle unità da intervistare e di elaborazione dei dati raccolti. Argomenti del corso sono le indagini campionarie ed profilo di errore ad esse associato e gli strumenti principali di stima ed elaborazione statistica dei dati raccolti.
      Apprendimento in termini di conoscenza:
      Conoscere le principali tecniche di indagine statistica e i principali schemi di campionamento.
      Capacità di impostare indagini statistiche, selezionare campioni casuali e analizzare e presentare le stime ottenute dai dati raccolti. Valutazione critica di disegni di indagine impostati da istituti di ricerca (aziende private e/o enti pubblici).
      Programma:
      Indagini statistiche e sondaggi: Cenni storici. Profilo di errore delle indagini: errore campionario e non campionario, errore di copertura e non risposta. Identificazione della popolazione obiettivo e di selezione; selezione delle unità e stima con campionamento casuale semplice, campionamento stratificato, di grappoli, sistematico, di aree. Il dimensionamento del campione. Indagini telefoniche: ruolo della telefonia fissa e mobile. Indagini via Internet. Problematiche della rilevazione dell'ascolto televisivo, radiofonico e degli accessi ad Internet.
      Analisi dei dati raccolti Richiami di statistica descrittiva, rappresentazioni grafiche e tabulazione dei risultati, ponderazione dei dati tramite il coefficiente di riporto all’universo, stima per intervallo e verifica di ipotesi su percentuali, totali e medie per il target di riferimento. Uso delle variabili ausiliarie nella stima: lo stimatore rapporto e di regressione.
      Modalità di apprendimento
      Il corso prevede lezioni frontali, letture, studi di caso ed esercitazioni individuali e/o di gruppo al personal computer
  • Statistica per le ricerche di mercato (9 cfu)

    • Obiettivo del corso è dotare lo studente di competenze specifiche per l'analisi quantitativa di dati di mercato, favorendone la capacità di elaborazione autonoma ed interpretazione dei risultati ottenuti. Particolare enfasi viene posta su modelli statistici di largo impiego nelle scienze sociali e nella ricerca di mercato, focalizzando l’attenzione sulle problematiche empiriche rilevanti e sugli aspetti computazionali. Verranno presentati casi di studio che presuppongono l’elaborazione di dati reali, mediante l’ausilio di software statistico.
      Programma:
      Natura delle relazioni multivariate (associazione e causalità). Modello di regressione multipla. Inserimento di variabili categoriche tra le covariate. Analisi della varianza. Analisi di tabelle di contingenza a due o più vie (test di indipendenza e misure di associazione). Regressione non lineare e regressione logistica. Cenni a modelli lineari generalizzati.
      Modalità di apprendimento:
      Il corso prevede lezioni frontali ed esercitazioni in laboratorio informatico utilizzando foglio elettronico e software statistico.
  • Marketing management (9 cfu)

    • Il corso, con particolare riferimento alle imprese industriali, approfondisce le questioni relative all'applicazione del marketing sia a livello strategico che operativo. Dopo aver evidenziato il ruolo che oggi ha il marketing nell'impresa e nell'economia, viene trattata l'analisi della segmentazione, dell'attrattività e della competitività dell'impresa sul mercato, le scelte di targeting e di posizionamento, fino alla definizione di una strategia di marketing. Nella seconda parte del corso, l'attenzione si sposta sulle attività operative, come il lancio di nuovi prodotti, la gestione della marca, la distribuzione, il prezzo e la comunicazione, fino al controllo dell'attività di marketing.
      Dal punto di vista applicativo, le lezioni frontali sono integrate con numerose esercitazioni, consistenti nello studio di casi aziendali.
  • Analisi del comportamento del consumatore (6 cfu)

    • Il corso introduce gli studenti allo studio del comportamento del consumatore. Nella parte introduttiva saranno illustrate la rassegna della letteratura di questa area tematica e la sua rilevanza nella prospettiva di marketing management. Nelle successive parti di approfondimento, saranno oggetto di discussione i temi seguenti: il concetto di bisogno, la motivazione, il coinvolgimento, le conoscenze del consumatore, l'interpretazione degli stimoli, l'apprendimento, l'atteggiamento, il processo decisionale, le relazioni interpersonali a livello micro e macro sociale.
  • 6 cfu a scelta nel gruppo GR1 giuridica primo anno

    • GR1 giuridica primo anno
    • Diritto dell'informatica (6 cfu)

      • Il corso si propone di analizzare le principali problematiche giuridiche legate all’impiego delle tecnologie informatiche, fornendo indicazioni per la loro soluzione. Una specifica considerazione è rivolta al commercio elettronico, anche di prodotti finanziari e assicurativi, al regime delle informazioni e delle comunicazioni commerciali, al documento informatico, alla moneta elettronica, al trattamento dei dati personali, agli illeciti telematici e alla tutela giuridica dei c.d. nuovi beni.
    • European Economic Law (6 cfu)


    • Diritto industriale e della concorrenza (6 cfu)

      • Il corso ha ad oggetto l’esame della disciplina che governa i comportamenti delle imprese sul mercato. Il corso si propone di trasmettere agli studente un metodo d'analisi delle regole rivolte a garantire l’esistenza ed il corretto svolgersi delle dinamiche concorrenziali, nonché degli istituti posti a tutela delle posizioni individuali in un contesto di libera concorrenza. Il corso si articolerà in due parti. 1a Parte: La tutela della concorrenza nel codice civile. La concorrenza sleale. La disciplina antitrust italiana e comunitaria. La pubblicità ingannevole e comparativa. 2a Parte: I segni distintivi: ditta, insegna e marchio. Le invenzioni ed i modelli industriali. Durante le lezioni gli studenti avranno la possibilità di svolgere approfondimenti su specifici argomenti in forma individuale o tramite l’organizzazione di appositi seminari
  • 12 cfu a scelta nel gruppo GR2 economico primo anno

    • GR2 economico primo anno
    • Economia industriale (6 cfu)

      • Dopo una prima parte di richiami di microeconomia (elasticità della domanda, curve dei costi, massimizzazione del profitto, l'efficienza, la teoria dell'impresa, la teoria dei giochi) e un approfindimento del monopolio (con particolare attenzione alla regolamentazione) ed alla concorrenza perfetta ed a quella monopolistica, il resto del corso è dedicato allo studio dell'oligopolio (modelli teorici tradizionali, collusione, potere di mercato), alle strategie di prezzo e strategie non di prezzo (discriminazione del prezzo, differenziazione del prodotto, pubblicità), l'entrata e l'uscita dal mercato (con e senza comportamento strategico), il ruolo della Ricerca & Sviluppo.
    • Economia dell'informazione (6 cfu)

      • Il corso intende offrire allo studente un'introduzione ai fattori strategici più rilevanti che caratterizzano il settore dell'informazione, analizzandone in dettaglio la struttura dei costi di produzione delle imprese, la formazione dei prezzi e le strutture di mercato. Saranno, inoltre, approfonditi i temi dell’economia di internet, dei brevetti e del copyright, dell'esternalità di rete e della regolamentazione del settore.
    • Industrial organization e teoria dei giochi (12 cfu)

      • Approfondimenti dell'analisi economica dell’organizzazione industriale attraverso gli strumenti forniti dalla teoria dei giochi. Il corso si compone di tre parti. La prima parte presenta gli strumenti della Teoria dei Giochi al fine di fornire una metodologia di studio delle interazioni tra agenti economici, poi applicata all’analisi di problemi di organizzazione industriale. Nella seconda parte, dopo un richiamo dei temi principali dell'Economia Industriale, vengono studiati alcuni modelli economici su temi specifici (monopolio multiprodotto, brevetti, discriminazione di prezzo, relazioni tra imprese, differenziazione del prodotto, collusione). Infine, la terza parte del corso studia il ruolo degli incentivi nell’interazione tra agenti economici, con particolare riferimento alle applicazioni del modello Principale-Agente e dei modelli di incompletezza contrattuale.
    • Economia del risparmio e della previdenza (6 cfu)

      • Il corso ha lo scopo di illustrare le teorie riguardanti le scelte intertemporali delle famiglie in tema di risparmio, con particolare riferimento al risparmio previdenziale e alle sue implicazioni a livello macroeconomico; successivamente verrà presentata la teoria dei sistemi previdenziali e le loro implicazioni si a livello microeconomico (scelte di risparmio, offerta di lavoro, di fertilità), che a livello macroeconomico (effetti redistributivi, sulla finanza pubblica e sulla crescita economica); da ultimo, verrà prestata attenzione al sistema previdenziale italiano, di cui verranno discussi l’assetto istituzionale, le potenzialità ed i limiti, sia per quanto riguarda il pilastro pubblico che quello dei fondi pensione.
    • Storia del management (6 cfu)

      • Il corso intende ricostruire la dinamica economica e sociale delle imprese, dal XIX° secolo fino ai nostri giorni, nel mutamento dalle imprese "famigliari" alle imprese "multidivisionali" organizzate e gestite dal management. Il ruolo crescente dei managers dalle big corporation statunitensi e internazionali alle aziende italiane, diviene oggetto di studio con precisi case history, fino all'affermazione del "capitalismo manageriale" quale protagonista dello sviluppo economico e finanziario.
  • 12 cfu a scelta nel gruppo GR5: Attività a libera scelta dello studente

    • Stage, attività formative in lingua inglese della rosa GR6,insegnamenti del piano di studi non già scelti, insegnamenti di altra magistrale previa richiesta al CdS
    • A SCELTA DELLO STUDENTE (12 cfu)


  • Secondo anno

  • Storia dei consumi (9 cfu)

    • Il corso affronta l'analisi storica dell'evoluzione dei consumi e degli stili di vita nelle società occidentali dal XVI al XXI secolo. Il corso si articola in due parti: una prima parte introduttiva relativa alle interpretazioni teoriche dei comportamenti di consumo: economico, storico, sociologico, antropologico e sociale, e una seconda parte di carattere monografico dedicata all'analisi di alcune specifiche categorie di consumo.
      In particolare questa seconda parte intende analizzare l'evoluzione del fenomeno della moda nella sua dimensione sociale, economica e stilistica.

  • Modelli demografici per la ricerca di mercato (6 cfu)

    • Il corso introduce alla modellistica del marketing dei nuovi prodotti, rivoluzionata dall’ormai classico contributo di Bass. Si discutono i modelli della diffusione mediatica e inter-umana, la loro “fusione” nel modello di Bass, ed una serie di varianti che arrivano fino alla letteratura recente, incluso il dibattito sui contatti sociali. Sono incluse attività pratiche di modellazione, stima e simulazione di mercati.
  • PROVA FINALE (21 cfu)


  • Analisi e ricerche di marketing (9 cfu)

    • Il corso si propone di far comprendere qual è il ruolo delle ricerche di marketing nelle imprese e di illustrare il processo alla base della progettazione e dello svolgimento di una ricerca di marketing. Al termine del corso gli studenti apprenderanno i seguenti contenuti: quali sono i fondamenti delle ricerche di marketing, come sviluppare un progetto di ricerca, come trasformare i dati in informazioni, come presentare e comunicare efficacemente i risultati ottenuti.
  • 12 cfu a scelta nel gruppo GR3 affini - secondo anno

    • GR3 - affini - secondo anno
    • Marketing dei servizi (6 cfu)

      • Obiettivo principale del corso è quello di far comprendere come il marketing dei servizi crei valore per il clienti. Nella prima parte del corso vengono illustrate ed approfondite le principali differenze fra il Marketing tradizionale ed il Marketing dei servizi e le modalità attraverso le quali i clienti (prosumers) vengono integrati nel processo di erogazione dei servizi (servuction). Nella seconda parte vengono illustrati e discussi i principali processi di Marketing: la gestione della interazione e delle relazioni con i clienti come ad esempio la gestione dei reclami e del rapporto fra qualità attesa e qualità percepita. Infine nell’ultima parte vengono esaminate le tematiche della definizione e della implementazione del Marketing mix.
    • Economia e gestione delle imprese commerciali II (6 cfu)

      • Il corso prende in esame le principali decisioni strategiche ed operative delle aziende commerciali, con particolare riferimento alle imprese del grande dettaglio in Italia e a livello internazionale. Fra le scelte strategiche di maggiore rilievo vi sono quelle di internazionalizzazione, di adesione delle imprese alle centrali d'acquisto e le scelte di localizzazione dei punti di vendita. Fra le questioni a carattere più operativo, il corso tratta la gestione dello spazio espositivo, la gestione dell'assortimento ed in particolare quello delle private label, le politiche di prezzo, la fidelizzazione della clientela e l'introduzione delle NTI nelle imprese del grande dettaglio. Le lezioni frontali del corso sono integrate con alcune esercitazioni, consistenti nello studio di casi aziendali.
    • Economia delle aziende turistiche (6 cfu)

      • Obiettivo del corso è quello di introdurre gli Studenti alla conoscenza dei caratteri di economicità delle aziende operanti nella filiera turistica, con speciale riferimento alle organizzazioni ricettive. La prima parte del percorso didattico, di carattere introduttivo, si soffermerà sullo studio delle caratteristiche del fenomeno turistico, alla luce degli interessi dei soggetti economici che vi operano. La seconda parte, invece, si focalizzerà sugli aspetti strutturali, organizzativi ed operativi delle aziende del comparto turistico. Ciò nella convinzione che lo studio delle organizzazioni alberghiere non possa prescindere dalla considerazione degli altri soggetti economici che concorrono a realizzare il prodotto turistico nel suo insieme. Tuttavia, come si è anticipato, una parte rilevante dell'attività didattica sarà centrata sull'analisi delle unità ricettive.
    • Marketing e qualità del prodotto (6 cfu)

      • Il corso introduce gli studenti allo studio delle relazioni tra qualità dei prodotti e marketing. Nella parte introduttiva verranno analizzati i diversi concetti di qualità. In particolare il corso approfondirà i temi della qualità oggettiva, sia relativamente alle diverse tipologie di prodotto sia con riferimento alle procedure adottate dall’azienda nella realizzazione dei prodotti da immettere sul mercato. Nelle successive parti di approfondimento saranno analizzati casi aziendali . Esse si propongono di verificare, con uno spirito critico, le filosofie, i comportamenti e le misure adottate (da diversi tipi di imprese) per comunicare ai mercati il tipo di processo tecnologico adottato, i contenuti e i valori espressi dai prodotti realizzati.
    • Economia e gestione dell'innovazione (6 cfu)

      • Il corso si propone di analizzare le problematiche relative alla generazione ed allo sviluppo di nuove idee innovative in un'ottica interfunzionale Apprendimento in termini di conoscenza 1) Conoscere l'evoluzione del concetto di prodotto e della filosofia progettuale 2) Conoscere il processo di sviluppo dei nuovi prodotti 3) Fornire gli strumenti per agire in ambienti innovativi secondo un approccio interfunzionale Programma I) IL CONCETTO DI PRODOTTO I rapporti fra Marketing e R&D. II) PROCESSI STATICI DI SVILUPPO DEI NUOVI PRODOTTI. I processi sequenziali. III)PROCESSI DINAMICI DI SVILUPPO DEI NUOVI PRODOTTI. Le nuove leve competitive, la time based competition L'evoluzione del rapporto fra Marketing e R&D. L'evoluzione della filosofia progettuale e delle strutture organizzative. L'individuazione della strategia tecnologica. L'evoluzione del concetto di prodotto: forma tecnologica e forma metaforica, le piattaforme. L'industrial design
    • Marketing Relazionale e Social Media Marketing (6 cfu)

      • Il corso è diviso in due parti. Nella prima parte affronteremo il Marketing Relazionale, disciplina che si è diffusa a partire dagli anni ’70 in ambito business-to-business (B2B) e si è sviluppata all’inizio degli anni ’90 anche in ambito business-to-consumer (B2C). In ambito B2B, il Marketing Relazionale analizza le relazioni di lunga durata delle imprese industriali fornitrici sia con le imprese industriali loro clienti, sia con altre imprese operanti nelle loro stesse catene di fornitura. In ambito B2C, invece, il Marketing Relazionale fa riferimento a tutte quelle attività che puntano ad attrarre, mantenere e migliorare le relazioni con i clienti partendo dal presupposto che è più oneroso acquisire nuova clientela piuttosto che mantenere e sviluppare i rapporti con quella già esistente. Nella seconda parte del corso affronteremo il Social Media Marketing, inteso come insieme di attività volte a creare, attraverso l’utilizzo dei Social Media, rapporti più diretti e coinvolgenti tra l’azienda e tutti coloro che fanno parte del suo ambiente relazionale ed in particolare con i consumatori. L’evoluzione del mondo digitale, e dei Social Media in particolare, ha comportato notevoli mutamenti nel campo del marketing. La comunicazione tra azienda e consumatori, tramite l’instaurarsi di relazioni dirette e bi-direzionali, evolve sempre più verso un vero e proprio dialogo. Per attuare questo scambio l’azienda deve comprendere il cambio di paradigma che si sta delineando e definire quindi una chiara strategia di Social Media Marketing per poter cogliere le potenzialità e affrontare i rischi legati a questi strumenti. In questa parte del corso affronteremo quindi: - le caratteristiche fondamentali dei principali Social Media (Facebook, Twitter, YouTube, …) - il processo di pianificazione strategica dei Social Media: identificazione degli obiettivi, profilazione del pubblico target, selezione dei canali, integrazione con altri canali di comunicazione, impostazione dei tempi della campagna, esecuzione, definizione delle metriche e misurazione dei risultati - Social Media Policy all’interno dell’organizzazione - le Social Community: canali di social media focalizzati sulle relazioni e le attività comuni a cui le persone partecipano insieme ad altre che condividono lo stesso interesse o fattore identitario (es: brand community, new product development community) - le applicazioni di Social Commerce: sottoinsieme dell’e-commerce che utilizza le applicazioni di Social Media che consentono al venditore di interagire e collaborare durante l’esperienza di acquisto e d’uso del consumatore.

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa