Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

“Lavorare in pace”: due seminari sulla gestione trasformativa dei conflitti nei luoghi di lavoro

Logo CISPIl Comitato Unico di Garanzia dell’Ateneo, in collaborazione con il CISP – Centro Interdisciplinare Scienze per la Pace, organizza nei giorni venerdì 10 marzo e giovedì 16 marzo 2017, a partire dalle ore 16.00, due seminari sulla gestione trasformativa dei conflitti nei luoghi di lavoro, aperti a tutto il personale dell’Ateneo. Gli incontri si svolgeranno in un’aula che sarà individuata a seguito delle richieste di partecipazione pervenute.

E’ possibile iscriversi fino a venerdì 3 marzo inviando una email al seguente indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  specificando: “partecipazione seminari CISP”.

Successivamente a tale data sarà confermata la prenotazione e indicato il luogo di svolgimento.
Si ricorda infine che è autorizzata la partecipazione ai seminari durante l’orario di servizio senza obbligo di recupero.

Durante il primo seminario, tenuto dal Prof. Pierluigi Consorti, verrà presentata la genesi e lo sviluppo del conflitto e saranno proposti modelli affinché possa essere opportunamente gestito e trasformato attraverso lo sviluppo di competenze appropriate: capacità di ascolto e di relazione, creatività ed elaborazione costruttiva delle diversità. Alla base di questo approccio sta una concezione del conflitto come occasione di crescita, purché sia affrontato creativamente, in modo non distruttivo, mediante il metodo della nonviolenza attiva.
Gli studi sui conflitti hanno prodotto, negli ultimi decenni, una ricca varietà di modelli teorici e pratici. Ai partecipanti verranno presentati i principali approcci riconosciuti a livello internazionale, mettendo a confronto gli aspetti distintivi e gli elementi di continuità tra di loro.

Il secondo seminario, tenuto dal Dott. Andrea Valdambrini, intende far sperimentare ai partecipanti alcune metodologie di base nella gestione trasformativa dei conflitti: strumenti di analisi del conflitto, tecniche di comunicazione efficace e di ascolto attivo, problem solving. L’empowerment dei protagonisti del conflitto rafforza una visione plurale della realtà dove la diversità di punti di vista può diventare da fonte di scontro che mira alla sopraffazione dell’altro a possibilità di arricchimento e emersione di nuove potenzialità positive.

Ultima modifica: Gio 23 Feb 2017 - 12:25

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa