Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi Modulo di ricerca su uniPi

Consulenza

L'Unità Servizi per il Trasferimento Tecnologico si occupa della tutela della proprietà intellettuale sia in ambito di didattica che di ricerca.

 

Didattica

Secretazione di tesi di laurea, dottorato, master e altri elaborati in occasione della discussione orale e nella consultazione del testo da parte di terzi.

Questo può essere fatto solo in presenza di situazioni specifiche: 

a) parti di tesi sono già sottoposte a un editore o sono in attesa di pubblicazione;

b) nelle tesi sono contenuti dati sensibili; 

c) le tesi sono finanziate da enti esterni, che vantano dei diritti su di esse e sulla loro pubblicazione

(consulta il Regolamento di Ateneo per il deposito elettronico degli elaborati finali e delle tesi)

La secretazione è consentita fino ad un massimo di 36 mesi dalla data di discussione della tesi, con l'indicazione della motivazione da parte dello studente e del relatore.

Per la secretazione dell'esposizione orale di tesi, bisogna presentare una richiesta  almeno 15 giorni prima della discussione, con l'indicazione da parte dello studente e del relatore della sussistenza di una delle situazioni a) b) o c), inviandola per mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per la secretazione riguardante l'elaborato scritto e la sua consultazione è necessario invece contattare la Segreteria didattica e servizi agli studenti

 

Ricerca

Consulenza sulle clausole sulla proprietà intellettuale nei progetti finanziati da enti esterni, collaborazioni con altri istituti di ricerca, contratti di ricerca commissionati dalle imprese.

Si riportano qui sotto alcune clausole e modelli di accordo che possono essere utilizzati in questi casi. Si precisa che sono proposte solo a titolo indicativo e che è sempre consigliabile rivolgersi al nostro ufficio per un esame del caso specifico e un supporto mirato.

Nell’ambito del trasferimento tecnologico e allo scopo di agevolare le relazioni contrattuali tra enti di ricerca e aziende, si consiglia la consultazione della Guida dedicata ai contratti di ricerca commissionata anche detta ‘conto terzi’,

Data la complessità della fattispecie contrattuale e le molteplici attività che una ricerca conto terzi può riguardare, l’Ufficio Regionale di Trasferimento Tecnologico della Regione Toscana, in cooperazione con gli Uffici di Trasferimento Tecnologico di Università e Scuole Superiori toscane, ha pubblicato questo primo Handbook quale strumento cui possono ricorrere ricercatori e operatori del trasferimento tecnologico pubblici e privati.

L'Handbook commenta ogni punto del contratto di ricerca commissionata, ivi comprese le tempistiche, i vincoli, i costi e soprattutto la titolarità dei risultati della ricerca finanziata. Inoltre, esso fornisce una formula di contratto composta da articoli con relative opzioni che può supportare concretamente le parti coinvolte nella negoziazione e stipula di un contratto di ricerca commissionata.

Si precisa che, per ragioni di sintesi, il documento non tiene in considerazione quanto riportato all’interno dei regolamenti delle Università  i quali determinano in ultima analisi l’autonomia delle rispettive unità amministrative nell’instaurare rapporti con le imprese.

Informazioni sulla Guida sono disponibili al link: 
https://www.regione.toscana.it/-/il-contratto-di-ricerca-commissionata

Ultima modifica: Mer 30 Giu 2021 - 10:09

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa