Profilo di Alan Kay

Alan Kay è uno dei pionieri della programmazione object-oriented , del personal computing e delle interfacce utente grafiche . I suoi contributi hanno ricevuto riconoscimenti quali il Charles Stark Draper Prize da parte della National Academy of Engineering 1 per la visione, il concepimento e lo sviluppo del primo pratico personal computer in rete, l' Alan M. Turing Award dall'Association of Computing Machinery per essere stato un precursore di molte delle idee che stanno alla base degli attuali linguaggi di programmazione a oggetti, aver guidato il gruppo che ha sviluppato Smalltalk, e per contributi fondamentali al personal computing e il Kyoto Prize dalla Inamori Foundation per la creazione del concetto moderno di personal computing e per i contributi alla sua realizzazione. Questo lavoro fu svolto insieme con molti colleghi di talento nel ricco contesto di ARPA e di Xerox PARC.

Alla fine degli anni '60, nell'ambito del progetto ARPA alla University of Utah, egli inventò il dynamic object-oriented programming 2 , fece parte del gruppo originale che sviluppò la grafica 3D a tono continuo, progettò la FLEX Machine 3 , uno dei primi desktop computer con interfaccia utente grafica e con un sistema operativo object-oriented , partecipò al progetto di ARPAnet e, ispirato dai bambini 4 , concepí il Dynabook, un laptop personal computer per bambini di tutte le età.

Allo Xerox PARC egli inventò Smalltalk, il primo sistema per programmare e produrre documenti multimediali completamente object-oriented compreso il sistema operativo (che includeva l'interfaccia a finestre sovrapposte diventata oggi ubiqua), suggerì l'uso di uno schermo a bit-map, del disegno sullo schermo e dell'animazione, partecipò allo sviluppo del desk-top publishing e di altri desktop media , oltre che allo sviluppo dell'Alto, il primo moderno personal computer di rete. Ciò fece parte delle attività allo Xerox PARC che portarono alla creazione di un intero genere di personal computing tra cui: la Graphical User Interfacce, Ethernet, laser printing, word processing moderno, le reti client-server e peer-to-peer.

Alan Kay detiene i titoli di BA in Mathematics and Biology con specializzazioni in English e in Anthropology dalla University of Colorado (1966), di MS e di PhD in Computer Science (1968 e 1969, con lode) dalla University of Utah, e dottorati onorari dalla Kungl Tekniska Högskolan di Stockholm, dal Columbia College di Chicago e dal Georgia Tech.

È stato eletto Fellow della American Academy of Arts and Sciences, della National Academy of Engineering, della Royal Society of Arts e del Computer History Museum.

Altri onori includono: J-D Warnier Prix d'Informatique, ACM Systems Software Award, NEC Computers & Communication Foundation Prize, Funai Foundation Prize, Lewis Branscomb Technology Award, lo ACM SIGCSE Award for Outstanding Contributions to Computer Science Education e il CRN Hall of Fame.

Kay è stato Xerox Fellow, Chief Scientist di Atari, Apple Fellow, Disney Fellow e HP Senior Fellow. Attualmente è Adjunct Professor of Computer Science alla UCLA.

Nel 2001 ha fondato il Viewpoints Research Institute, una organizzazione non-profit dedicata ai bambini e all'apprendimento. Al Viewpoints Research Institute insieme con i suoi colleghi continua ad esplorare il progetto di sistemi avanzati e di programmazione con l'obiettivo di ottenere una Moore's Law che faccia avanzare di vari ordini di grandezza la creazione di software.

Kay e il Viewpoints Institute sono inoltre pesantemente coinvolti nell'iniziativa One Laptop Per Child che cerca di creare un $100 laptop in stile Dynabook per ogni bambino del mondo (specialmente del terzo mondo).

Al di fuori dell'informatica, Kay è stato negli anni '50 un chitarrista jazz professionale. Nelle sue attività successive ha trasferito la sua passione per la musica e la produzione teatrale. Attualmente si diletta suonando musica classica all'organo.


Ultimo aggionamento documento: 19-Jul-2007